Passa ai contenuti principali

Gli errori che costano caro

Pare che l'incasinamento dell'amminstrazione comunale vada, ancora una volta, a ripercuotersi direttamante sulle nostre tasche. Ora, dovremo dare anche un indennizzo duecentomila euro a Giulio Cesare Matè.

Commenti

  1. così potrà tornare a cuba a divertirsi; intanto invito i martinsicuresi che vantano crediti ad effettuare il pignoramento presso il comune.

    RispondiElimina
  2. Fermo restando la possibilità di eventuali ricorsi, seppure dovesse chiudersi la vicenda in questo modo, e considerando il personaggio , saranno stati i soldi meglio spesi dal Comune. Predere decisioni per il bene della collettività spetta all'amministratore. Di sentenze criticabili sono pieni i libri di storia.
    In fondo si è avuto pure un giudice che ha stabilito che se mentre si è in malattia ci si reca a Cuba è credibile che la cosa rientri nella cura.
    Ma naturalmente ognuno sarà libero di inserire l'ex vigile tra coloro che hanno fatto del bene per Martinsicuro, la libertà è una gran bella cosa.

    RispondiElimina
  3. ancora devo sentir parlare bene di questa persona una sola volta è incedibile. ma non c'era un modo per mandarlo in pensione senza cacciare tutti questi soldi???

    RispondiElimina
  4. "Pare che l'incasinamento dell'amminstrazione comunale...": specifichiamo di quale amministrazione stiamo parlando

    RispondiElimina
  5. L'amministrazione che ha fatto l'atto era quella della Maloni. L'amministrazione che non ha provveduto a transare è quella di Di Salvatore, ieri sera in consiglio comunale i componenti di FLI lo hanno ben ricordato al sindaco che naturalmente si è precipitato a scaricare la colpa su altri dipendenti come se lui in quel periodo fosse aintento a dormire beatamente. In ogni caso, ora come allora, siete tutti bravi ogni volta che incontrate gli amministratori a parlargli male dei vigili e di accusarli di non avere le palle per porre rimedio ai disservizi. Bene. L'allora Sindaco Nilde Maloni ha cercato di farlo nella maniera che riteneva opportuno. Oggi un giudice ha, per l'ennesima volta, deciso che i lavoratori pubblici devono essere lasciati liberi di fare quello che vogliono a spese dei loro concittadini che con le tasse che pagano li stipendiano (naturalmente senza generalizzare, ci mancherebbe).
    Ma adesso andate dall'amministrazione Di Salvatore a chiedere di fare altrettanto, se non altro magari dimostrano di tenerci a far funzionare la macchina amministrativa. E non venissero a raccontare che se non lo fanno e per evitare contenziosi. l'80% dei debiti riconosciuti negli ultimi 4 anni, da Franchi al Torrione e via passando sono dipesi da atti fatti proprio da elementi presenti ancora oggi in maggioranza.
    Buon proseguimento

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …