Passa ai contenuti principali

Risultati Elezioni amministrative 2012 Martinsicuro

Qui i dati del Ministero dell'Interno.
Qui i dati del sito di Repubblica.
Qui i dati del sito del Corriere della Sera.
Qui i dati delle effluenze alle urne a Martinsicuro secondo il Ministero dell'Interno.
Qui i risultati finali delle elezioni Comunali 2007.

***

Aggiornamento: a Martinsicuro, alle ore 12.00 di domenica 6 l'affluenza alle urne è del 11,26%. Lo stesso rilevamento delle elezioni precedenti segnava il 12,61%.

Aggiornamento:  a Martinsicuro, alle ore 19.00 di domenica 6 l'affluenza alle urne è del 35,68%. Lo stesso rilevamento delle elezioni precedenti segnava il 36,21%. L'affluenza è buona.

Aggiornamento: a Martinsicuro, alle ore 22.00 di domenica 6 l'affluenza alle urne è del 45,03%. Lo stesso rilevamento delle elezioni precedenti segnava il 51,37%. L'affluenza resta buona ma significativamente in calo.

Aggiornamento:  i candidati rivolgono enorme attenzione all'elettorato di Villa Rosa fino all'ultimo voto. I pochi voti di vantaggio del vincitore sono lì. Chiunque esso sia.

Aggiornamento: dalle 15.00 live blogging per i risultati.

***

Ore 15.00: urne chiuse. Speriamo solo che il nuovo Sindaco sia capace di sostenere il peso degli impegni presi.

Ore 15.15: speriamo anche che i candidati, elemosinatori di preferenze, vadano via da davanti le scuole prima che si prendano una bronchite.


Ore 15.22: tra i sei comuni al voto in provincia di Teramo solo tre hanno già comunicato il dato dell'affluenza definitiva. Si attende a minuti quello di Martinsicuro.

Ore 15.27:  a Martinsicuro, alle ore 15.00 di lunedì 7 l'affluenza alle urne è del 65,01%. Lo stesso rilevamento delle elezioni precedenti segnava il 71,96%. L'affluenza è scesa significativamente. Qualcuno dovrebbe già iniziare a porsi delle domande. Tra i sei comuni teramani al voto, quello di Martinsicuro è il calo di affluenza più significativo rispetto al 2007.

Ore 15.35: il 6.95% degli elettori che nel 2007 si erano recati alle urne ha deciso di non votare in questa tornata elettorale. Questo dato, unito alle schede bianche potrebbe giocare un ruolo decisivo.

Ore 15.37: si attendono ora i primi risultati parziali. Da venerdì 4 le voci sul possibile vincitore si sono concentrate sempre più spesso su Andrea Buonaspeme. Stiamo a vedere cosa succede.

Ore 15.42: il live blogging sulle amministrative del  Post per dare uno sguardo ai risultati dei principali comuni.

Ore 16.52: ancora pochissimi i dati. Il Ministero ancora non rilascia nulla. Dal sito di Rivieraoggi: Lista 1: 75 voti, Lista 2: 859, Lista 3: 855, Lista 4: 810.

Ore 17.32: sempre dal sito di Rivieraoggi: Lega Nord 96, Progetto Comune 1384, Città Attiva 1396, Cambiamo Insieme 1349. Si sta verificando esattamente quello che in molti si aspettavano. Un testa a stesa all'ultimo voto.

Ore 17.42: escono i primi risultati dal sito del Ministero dell'Interno. Su 3 sezioni scrutinate. PROGETTO COMUNE 563 (35.12%); CAMBIAMO INSIEME 543 (33.87%); CITTA' ATTTIVA 470 (29.32%);  LEGA NORD 27 (1.68%). L'unica cosa certa è che il nuovo Sindaco non sarà leghista.

Ore 17.44: siamo a metà.

Ore 17.52: sempre dal sito di Rivieraoggi:  PROGETTO COMUNE 1.609; CAMBIAMO INSIEME 1.485; CITTA' ATTTIVA 1.563;  LEGA NORD 106. Prima delle elezioni Vagnoni sembrava solo un agnello sacrificale del centro-destra, invece ha dimostrato di avere la personalità ed il carisma che gli mancavano. Dalle loro parti si chiama "quid".

Ore 18.00: sempre dal sito di Rivieraoggi:  PROGETTO COMUNE 1.778; CAMBIAMO INSIEME 1.704; CITTA' ATTTIVA 1.783;  LEGA NORD 132. Mancano ancora tanti voti. La situazione è incertissima.

Ore 18.12: mancano una manciata di sezioni

Ore 18.15: sempre dal sito di Rivieraoggi:  PROGETTO COMUNE 1.879; CAMBIAMO INSIEME 1.810; CITTA' ATTTIVA 1.991;  LEGA NORD 134. Il secondo risultato parziale con in vantaggio Camaioni concede speranze concrete a Città Attiva.


Ore 18.25: sempre dal sito di Rivieraoggi:  PROGETTO COMUNE 1.938; CAMBIAMO INSIEME 1.860; CITTA' ATTTIVA 2.064;  LEGA NORD 149 .Città Attiva può sperare. Buonaspeme sembra cedere.

Ore 18.57: sempre dal sito di Rivieraoggi:  PROGETTO COMUNE 2.088; CAMBIAMO INSIEME 2.143; CITTA' ATTTIVA 2.481;  LEGA NORD 178. Ci siamo.

Ore 19.03: secondo aggiornameno dati del Ministero dell'Intero. Su 7 sezioni scrutinate. PROGETTO COMUNE 1.329 (32.76%); CAMBIAMO INSIEME 1.246 (30.71%); CITTA' ATTTIVA 1.361 (33.55%);  LEGA NORD 120 (2.95%). Aggiornamento utile all'ufficialità ma già datato.

Ore 19.14: manca l'ufficialità, comunque le elezioni comunali del 2012 a Martinsicuro le vince Città Attiva.

Ore 20.00: sempre dal sito di Rivieraoggi: PROGETTO COMUNE 2.516; CAMBIAMO INSIEME 2.316; CITTA' ATTTIVA 2.683;  LEGA NORD 204. Per una manciata di voti, 167 per la precisione, Paolo Camaioni  è il nuovo Sindaco di Martinsicuro. E tutti i membri della lista Città Attiva si abbandona a festeggiamenti da stadio.

Commenti

  1. Martinsicuro città divisa nel voto.
    Era auspicabile più unione nel NON VOTO.
    Stop alle promesse....si parte con la solita incapacità nell'amministrare.
    Spero tanto che la mangiatoia sia abbastanza capiente per soddisfare tutti i pretendenti.

    RispondiElimina
  2. Aggiornate l'ora ( il commento è stato inserito alle 19.10 circa )

    RispondiElimina
  3. sono felice che abbia vinto camaioni....ora vedremo cosa succederà

    RispondiElimina
  4. comparando i dati con quelli del 2007 non è che ci siano stati stravolgimenti. E' calata l'affluenza. Ma va bene così. Camaioni ha vinto e dovrà governare. Piuttosto spero che che chi di dovere ( dx e sx) faccia un gran bagno di umiltà. C'è chi è invecchiato dentro le liste in maniera diretta e/o indiretta; chi ha peccato di nepotismo non capendo testardamente che non stava dando risposte alle domande del territorio. Spero che la lista vincente sappia farsi carico di ciò che ha promesso.

    RispondiElimina
  5. Ognuno ha quel che si merita... Ed il popolo sovrano martinsicurese ha sancito con quei 167 voti di differenza la sua condanna!

    RispondiElimina
  6. quali sono i candidati eletti di maggioranza e opposizione?

    RispondiElimina
  7. 204 voti buttati all' aria... a discapito di una scelta più ragionevole e sensata ma soprattutto utile. Ora con quei 204 voti i nostri amici della lega, superando le aspettative, avranno accresciuto la loro autostima oltre che i loro muscoli?! Chissà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo detto a Francesco: "Vedrai che domani (oggi, martedì) salterà fuori la storiella che è tutta colpa della Lega. Dopo la storiella, arriverà la storiaccia!". Ammetto di aver sbagliato previsione: la "storiella" è saltata fuori subito. Ora vediamo per la storiaccia...
      Ma davvero pensi che i voti della Lega sarebbero andati tutti a Vagnoni? Anche nel caso la Lega si fosse presentata in coalizione? Ti do la mia proiezione: 30% Vagnoni, 25% Camaioni, 5% Buonaspeme, il resto a ingrossare il dato di bianche, nulle, astensionismo.
      Se proprio vuoi un motivo di riflessione... per carità, allora non era rivolto a voi (cdx), quanto invece agli altri (csx), ma... da questo stesso blog, 11 Dicembre 2009: "Città Attiva vi cancellerà. Purché ci creda". Chi credi che l'abbia scritto?

      Elimina
    2. Aggiungo sul "superare le aspettative".
      Partivamo da un obiettivo minimo di 200 voti, a prescindere dall'affluenza alle urne. Ne abbiamo presi 204. 4 voti in più non mi sembrano un grande "superamento delle aspettative". Dove pensavamo di stare siamo rimasti.
      Non siamo noi quelli che hanno deciso il risultato elettorale.

      Elimina
  8. Un minimo di 200 voti?! AMBIZIOSI! MOLTO AMBIZIOSI! Peccato che la gente ancora si chieda il senso di quella lista! Ma ormai alea iacta est quindi vedremo come ci evolveremo o come regrediremo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1 - Ripeto: senza la Lega il risultato elettorale non si sarebbe spostato di un solo millimetro.
      2 - Per quel che mi riguarda la gente può chiedersi anche in eterno il senso della nostra lista. Siamo abituati ad agire per quel che pensa la nostra testa, non quella degli altri.
      3 - Hai ragione: alea iacta est. Hanno passato il Rubicon... pardon, il Tronto. Se devo dire la mia: tra un po' lo ripasseranno al contrario (come successe 2 anni fa a Sant'Egidio), se a Milano non cambiano obiettivo politico. Ma lì a Martinsicuro intanto sono in 200 a sperare che ciò avvenga.
      4 - Regredire?! Voi?! Vi siete tutti armati di pala e piccone?

      Elimina
  9. E la vostra testa pensa di poter presentare ideali leghisti ad una regione del centro-sud? Pensa MALE la vostra testa allora!
    P.S: Fosse per me mi armerei di Falce e Martello!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho detto che la nostra testa pensa BENE e quella degli altri pensa MALE; ho detto che pensano in modo DIVERSO. Questo per chi conosce la lingua italiana. Il tuo P.S. mi fa pensare che tu non rientri tra questi, e che appunto dovresti dedicarti di più alla falce e al martello, ma non nel senso ideologico dell'espressione che ha piena dignità (e che necessita comunque di intelletti sopraffini ma anche, purtroppo, di bassa manovalanza), ma nel suo senso più letterale.

      Elimina
  10. Hai ragione l' intellezione platonicamente intesa è un' ascesa dialettica davvero difficile da realizzare! Diciamo più volgarmente che in genere la noesis dovrebbe trascendere la doxa stessa! Il mito della caverna docet! Ma non siamo qui a dibattere di questioni epistemologiche nè gnoseologiche ( credo, altrimenti; che lei avrebbe solo che da imparare). E con questo colgo il suo " questo per chi conosce la lingua italiana" per invitarla, data la sua hybris culturale, a scrivere un discorso IN LINGUA ITALIANA al candidato sindaco della sua lista, dato che in ogni comizio tutti si chiedevano quale concetto cercasse a fatica di esprimere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gnoseologiche sicuramente no (è stato l'altro a introdurre il "giudizio", e quindi, di conseguenza, la "conoscenza" e i suoi depositari). Epistemologiche, al contrario, sì. E mi pare evidente da quanto espresso in precedenza. O vogliamo chiamare un ermeneuta (qui inteso in senso lato)?
      Un appunto soltanto: io sono solito discutere con il diretto interessato, senza chiamare in causa terze (ignare) persone. Questione di (buona) educazione ancor prima che di presunta e saccente arroganza.

      Elimina
  11. Stete a pizz!!! :-)))

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …