Passa ai contenuti principali

E alla fine riesce a mordersi la coda

Da bravi, ora, dobbiamo ricordarci che nel febbraio 2011 Berlusconi minacciava di voler "denunciare lo stato", che poi saremmo sempre noi che lo abbiamo eletto.

Commenti

  1. Bianchini ma semplicemente una mail a Mcity con preghiera di pubblicazione NO? Mha!!?!!?!

    RispondiElimina
  2. E certo che ci proprio voleva un ...aspettando Martinbook....in città la gente freme in attesa di poter tornare a girare tra i gazebo sulla rotonda Las Palmas mentre è allietata dalla musica dei...soliti noti. Mi raccomando...esagerate con gli stanziamenti e con i fondi....non facciamoci dire dietro che riusciamo a sciupare meno soldi che in altre parti per manifestazioni che aggradano sempre e solo chi partecipa al ...pranzo.

    RispondiElimina
  3. che ci azzeccano sti commenti????

    RispondiElimina
  4. Beh, considerando che è stato eliminato il primo commento per cui poi sono stati fatti gli altri due...direi nulla...ma a questo punto toglieteli tutti , meglio

    RispondiElimina
  5. E' pur vero che la giustizia funziona a due velocità: in alcuni casi si ricorre a tutti
    i mezzi per tenere sotto scacco il pres.del.consiglio in altri non si ritiene utile nemmeno dubitare: vedi caso Tulliani; anzi si dubita dei documenti che provano i fatti
    e sono documenti, anche se di altri paesi, di autorità giudiziarie e politiche.

    O ancora: se si indaga per prostituzione minorile si devono anche indagare con la stessa
    celerità tutti quelli che sono andati con queste ragazze - Ruby e altre che potrebbero venir fuori - prima del presidente del consiglio a meno che vogliate essere tanto ingenui da sostenere che lui fosse il primo.*

    Insomma giratela come volete ma queste manovre si fanno per motivi politici oppure per motivi
    di carriera. Dubito di questo ultimo motivo perchè la carriera sarebbe assicurata, e con
    maggior appoggio, nel primo caso. Per chi non lo capisce, mi dispiace, spero cominci a ragionare un poco.

    Sulla dichiarazione di 'denunciare lo stato' che volete che vi dica: spiccioli, questioni
    nate per far parlare di nulla. Non serve dar peso a dichiarazioni di tale basso spessore.
    servono per far continuare una polemica sterile.

    *spunto preso da un blogger: nel caso dovesse leggere, i diritti di autore sono suoi
    o della fonte originale.

    RispondiElimina
  6. Umana e italiana la debolezza del premier.

    In questa vicenda c'è un po' di Tiberio e un po' di Hugh Hefner («Playboy»)
    Combattuto tra curiosità e fastidio, il pubblico domanda: come, dove, quanto? I magistrati chiedono: chi e quando? La sesta domanda, invece, non arriva: perché?
    Perché Silvio B. si comporta così? Perché un uomo così importante, un capo di governo, si circonda di cortigiani e ancelle? La risposta più semplice potrebbe essere: gli piace. Non tanto il sesso, che a una certa età presenta le sfide dell'alpinismo, quanto l'approvazione e le sue tre sorelle: ammirazione, adulazione, adorazione. La coreografia descritta dalle partecipanti ha qualche punto in comune con altre situazioni gradite al padrone di casa: convegni con giovani sostenitrici adoranti, cerimonie paratelevisive, notti brasiliane e dacie russe, ville sarde e università brianzole in festa. Silvio B. mostra i tratti di un narcisismo nucleare. Vuol essere applaudito e apprezzato. Uno dei motivi per cui detesta i giornalisti - se non nella versione addomesticata e aziendale - è questo: le domande antagonistiche sono prove di non-amore. Insopportabili.
    L'esibizionismo nazionale - lo stesso che spinge alla nevrosi della «bella figura» - viene portato alla temperatura di fusione e produce energia. Quella che serve per rinunciare al sonno, alla prudenza, al buon senso; che induce a utilizzare le proprie televisioni come esca e ricompensa; che spinge a candidare, elevare e proteggere giovani donne per meriti estetico-sessuali; e a difenderle oltre ogni logica. Quella che permette di non vedere il lato grottesco di una vicenda che Giampaolo Pansa su Libero, dopo una lunga introduzione assolutoria, definisce «la goduria di un regista di film trash, capace di scovare gli eredi di Bombolo, di Alvaro Vitali, delle Ubalde sempre calde, travestite da infermiere, da professoresse, da poliziotte». L'uomo solo nel night-club, protagonista di tanto cinema e abbondante letteratura, cerca la stessa cosa.
    La ricostruzione artificiale della festa, il complimento e la lusinga, la parodia del corteggiamento, la prevedibile tentazione, l'illusione del fascino a pagamento.
    La debolezza di B. è umana e italiana: non per questo veniale, considerate le modalità, il ruolo e le caratteristiche - anche anagrafiche - delle protagoniste. Ma c'è qualcosa di familiare in questa spasmodica ricerca di approvazione, i cui sintomi - ben noti in azienda e nel partito, dove Silvio B. è rispettivamente «il dottore» e «il presidente» - sono diventati di dominio pubblico due anni fa. Non per colpe dei magistrati o dei giornalisti: ma di un'imprudenza, clamorosa e rivelatrice.
    La partecipazione alla festa del diciottesimo compleanno di Noemi Letizia, nella periferia di Napoli, mostrava i segni di un esibizionismo parossistico. Lo stupore negli occhi dei presenti: ecco a cosa non ha saputo resistere, l'uomo ricco e potente, quella sera. La proiezione dei viaggi, degli incontri e dei successi del padrone di casa - ad Arcore, a Palazzo Grazioli - è un'altra prova dello stesso fenomeno. Alcuni uomini hanno bisogno di un pubblico per funzionare. Se non lo trovano, lo acquistano. C'è un po' di Tiberio (raccontato da Svetonio) e un po' di Hugh Hefner (immortalato da Playboy) in questa vicenda. Così s'appannano gli imperi: tra feste, mollezze e tentativi di fermare il tempo, con artifici che il tempo ci ha insegnato a conoscere. Famiglie, interessi e successi professionali non bastano più. Occorrono adulatori, ammiratrici, cantanti e una scenografia insieme spettacolare e malinconica, soprattutto perché studiata per sconfiggere la malinconia. Silvio B. è un uomo solo. Lo capirà appena perderà il potere: i prezzi aumenteranno, gli amici diminuiranno. Chi gli vuole bene dovrebbe dirglielo: ma forse è tardi.

    Beppe severgnini
    Corriere 28.01.11

    RispondiElimina
  7. @senza nome
    si tratta di un genere di articoli che serveno a non far capire una cippa degli interessi che ci sono in gioco. La si butta tutto sul carattere di un uomo: ammirazione, adulazione, adorazione. Come se l'Italia potesse ricondursi al fare di un solo uomo. Consiglio di tenere gli occhi e la mente lontani da articoli del genere. Tra l'altro spesso questo tipo di articoli li si incontra nel corriere.

    RispondiElimina
  8. ma anche il centro sinistra...
    1992 prelievo del 6x1000 da tutti i conti correnti
    2006 prelievo dei conti dormienti
    2012 patrimoniale ???
    (ovviamente sono ricchi tutti coloro che hanno una
    proprieta' o un conto di almeno 50.000)

    RispondiElimina
  9. Un banchiere mi ha detto che il prelievo del 6x1000 avvenuto nel 1992 per poter entrare nell'euro e fronteggiare l'emergenza finanziaria in cui si trovò l'Italia, potrebbe ripetersi nel caso di un default tipo Grecia.
    per questo motivo che i nostri politici dormono tranquilli... grazie ai nostri risparmi sempre + esigui.

    RispondiElimina
  10. un banchiere o un bancario?

    RispondiElimina
  11. il bancario si puo' permettere di dire verita', il banchiere no.

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

Ma alla fine, chi vince?

Chi è il favorito di queste elezioni? Esistono indizi per determinare quale candidato ha migliori chance? Per rispondere a simili domande la cosa migliore da fare è sempre quella di partire dai dati delle precedenti elezioni comunali per trovare analogie utili al ragionamento. Un tuffo nel passato, in pratica.

Elezioni comunali Martinsicuro 1993
Biagio Prosperi: Voti 811
Corsi Giovanni: Voti 540
Vallese Gianfilippo: Voti 2.256
Ignazio Caputi: Voti 4.120
TOTALE Voti Validi: 7.727

Elezioni comunali Martinsicuro 1997
Ignazio Caputi: Voti 2.414
Abramo Micozzi: Voti 2.853
Enzo Pierantozzi: Voti 2.837
TOTALE Voti Validi: 8.104

Elezioni comunali Martinsicuro 2002
Leonilde Maloni: Voti 4.506
Abramo Micozzi: Voti 3.326
TOTALE Voti Validi: 7.832

Elezioni comunali Martinsicuro 2007
Abramo Di Salvatore: Voti 3.259
Paolo Camaioni: Voti 2.540
Mauro Paci: Voti 1.410
Ignazio Caputi: Voti 977
Angelo Moscardelli: Voti 160
Emiliano De Mattheis: Voti 113
Totale Voti Validi: 8.449

Prendendo come punto di riferim…

Il problema di chi vola

Il blog ha ricevuto questa mail.

INIZIO CITAZIONE Ciao, chi vi scrive è un ragazzo di 34 anni di Martinsicuro.
Non sono molto “attivo” nella vita del paese, spesso osservo un po' rassegnato gli eventi aspettando che qualcosa finalmente cambi.
Non sono molto attivo nella vita sociale di Martinsicuro ma mi dedico assiduamente ai miei sport: la moto ed il volo. Si, avete capito bene, sono uno di quelli che svolazza in lungo ed in largo sopra la spiaggia di Martinsicuro appeso a quella specie di lenzuolo con quel ventolone un po' rumoroso. Insieme a me ci sono altri amici, padri di famiglia, scapoli incalliti o più semplicemente appassionati di volo, persone che dedicano il loro poco tempo libero alla pratica di questo sport cosi bello e particolare.
Potrei raccontarvi per ore delle mille avventure nei cieli del centro Italia, potrei descrivervi alcune cose che solo dall'alto si riescono a vedere e forse potrebbe essere l'occasione per far passare un brutto quarto d'ora …

Vivere a Martinsicuro

Offriamo un punto di contatto a Susanna.
INIZIO CITAZIONE
Buonasera ho acquistato una casa a martinsicuro e mi piacerebbe conoscere un pò questa città parlando con chi ci vive e ci lavora già. Anche perchè mi sembra di capire che di "problemini" ce ne sono abbastanza. Il mare e il sole sono stupendi, il resto si può migliorare.
Grazie Susanna
FINE CITAZIONE