Passa ai contenuti principali

Luogo pubblico affari privati

Alla fine è venuto fuori (sorpresa delle sorprese) che gli albergatori se ne stanno fregando del piano marketing per il turismo da loro stessi richiesto e commissionato. Si tratta di una delle più fulgide e complete rappresentazioni dello stato delle cose. La verità è che il turismo a Martinsicuro è prerogativa di pochissimi fortunati imprenditori che non hanno la minima idea di quali siano le potenzialità delle loro attività e le ripercussioni su territorio e tessuto sociale. In sintesi: l'economia della città è in mano poche persone incapaci di guardare oltre il loro orto ed assolutamente indisposte a compiere qualsiasi sforzo collettivo in grado portare benefici comuni.

Commenti

  1. Nell'era degli intransigenti rompiballe autorizzati,
    e della violazione sistematica della privacy con mille telecamere,
    si vorrebbe pure sottoporre i turisti
    all' obbligo di compilare questionari...
    Seriamente, facessero la pista ciclabile,
    che anche i turisti apprezzerebbero di +.

    RispondiElimina
  2. Ai pochissimi fortunati imprenditori evidentemente interessano solo le 24.000 presenze in più rispetto al 2009...alla faccia della crisi!
    Bacchettano gli operatori ma anche l'amministrazione si doveva impegnare a distribuire i questionari organizzando perfino il "TuristDay".
    Aspettiamo fiduciosi i dati definitivi!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …