Passa ai contenuti principali

Le buone abitudini

Anche nel 2010 Martinsicuro è tra i "comuni ricicloni" superando il traguardo del 50% di rifiuti riciclati.

Commenti

  1. punti di vista. all'origine si parte dal 100%: umido - secco - vetro - plastica ed altro; la domanda è come mai si scende al 50% ; colpa nostra o di chi raccoglie e smista ?; personalmente ritengo che lo scarto finale sia esclusivamente imputabile a chi raccoglie ed al comune che non controlla e non da conto ai cittadini di quello che fa ; segno che qualcuno non vuole che il prezzo del servizio scenda ovvero non gliene frega niente ovvero non può.
    innanzitutto diciamo che il servizio della raccolta a martinsicuro non è un gran chè se si considerano i tempi ; dall'esibizione del secchietto alla raccolta del contenuto possono passare anche 18 ore ; ovvero anche una settimana ovvero anche un mese ; diciamo che a volte gli operatori si dimenticano di raccogliere ; sovente capita di vedere che plastica e carta vengono mischiati ; dopo aver separato con zelo carta e plastica qualcuno mischia e il comnune non dice nulla e l'opposizione PD/CittàAttiva ed ex AN non dicono nulla( segno che sono allineati a coperti e fanno parte integrante del sistema ) ; anzi in Comune , se ben ricordo , hanno approntato un regolamento sanzionatorio per i cittadini che mischiano ( una gran presa in giro )individuando ala fonte la responsabilità del mancato traguardo degli obiettivi , quindi dando òa colpa a chi colpa non ha ; dando la colpa a chi fa sacrifici quotidiani per separare ; dando la colpa a chi conferisce ricchezza ; per il vero la colpa è solo ed esclusivamente del Comune che dilapida ricchezze ( perchè l'immondizia è ricchezza ) e non fa il suo dovere.
    mi dispiace ripeterlo , anche all'ultimo predatore dell'osso ( che , poverino , non sa quello che dice ), questo Comune merita di meglio ; questo comune sceglie i giovani , dando loro fiducia , i quali però si fanno governare dai vecchi , questi ormai figli di nessuno.

    RispondiElimina
  2. Si rischia di non fare una bella figura.
    Ancora intervento di Tommolini
    Interrogazione

    P.S. Ci sono altre decine di post sull'argomento, basta andare su "cerca".

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …