Passa ai contenuti principali

Pensare ai problemi

L'associazione "On the road" cerca di lanciare qualche proposta per arginare e controllare il problema della prostituzione. A questo punto, dopo anni di inattività amministrativa sull'analisi del fenomeno e relative soluzioni, bisognerebbe iniziare a sperimentare dei rimedi. Nella peggiore delle ipotesi potrebbero non funzionare, ma sarebbe comunque meglio di star fermi a guardare.

Commenti

  1. Penso sia un ottima idea, un passo nella giusta direzione.
    Creare una zona controllata, migliora la sicurezza dei cittadini, ma anche delle operatrici del settore.

    RispondiElimina
  2. meglio i centri commerciali del divertimento.

    RispondiElimina
  3. beh si, i casini sarebbero decisamente meglio.

    RispondiElimina
  4. Ho l'impressione che questa storia buonista delle prostitute-schiave stia andando oltre i limiti dell'accettabile. Se procediamo ancora con gli alibi finiremo col creare una categoria privilegiata.
    E' ora di farla finita: si legalizza l'attività, la si fiscalizza, le operatrici del settore (anche autonome, senza necessariamente costringerle nei bordelli) si sottopongono a regole legali e sanitarie precise e severe (come succede in ogni attività di tipo "sensibile"), si proibisce l'esercizio della "professione" in luoghi pubblici.
    E per le eventuali "abusive" si procede come per tutti gli altri "abusivi": finti clienti come per i finti medici, i finti consulenti, e così via. E se il finto cliente deve acquisire la "prova", il costo di quest'ultima è a suo carico (così si evita che tutti i carabinieri chiedano l'accorpamento nella buoncostume).
    Altrimenti cominciamo con le prostitute e finiamo con gli spacciatori: zone franche per lo spaccio della droga... anche i piccoli spacciatori spesso sono vittime schiavizzate!
    E poi, gli ultras? Perchè non istituire uno "zoning" apposta per loro per evitare conflitti con i tifosi comuni? Ogni domenica, a turnazione, un paio di stadi dove si conceda loro di scannarsi in tutta libertà.

    RispondiElimina
  5. Questo si chiama parlare. Sono completamente d'accordo con la valutazione dell'ultimo anonimo. Certe associazioni non sono altro che il principale vettore di questo buonismo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …