Passa ai contenuti principali

Ristrutturazione

Dalla Delibera di Giunta35:
INIZIO CITAZIONE
di prendere atto che questa Amministrazione comunale intende procedere alla ristrutturazione dell’ex cinema Ambra con l’attribuzione delle seguenti destinazioni d’uso:
realizzare una biblioteca comunale al piano terra e servizi connessi alla stessa;
realizzare una sala teatro al piano primo e servizi connessi alla stessa;
destinare alle associazioni locali adeguati spazi interni alla struttura;
prevedere eventuali altri servizi di interesse comune

FINE CITAZIONE

Commenti

  1. So che c'entra poco, ma in ogni caso si può sapere quando cavolo accomodano quel penoso sottopasso di Via Roma??? E' pieno d'acqua da tempo immemore. Quando piove si allaga. Quando c'è il sole c'è acqua sporca. D'inverno ghiaccia e si rischia. D'estate le macchine pulite rallentano o inchiodano per non sporcare l'auto (e da fastidio dopo averla lavata!!) provocando brusche frenate da chi li segue. Insomma un bel biglietto da visita...un benvenuto per chi arriva a Martinsicuro e un "Arrivederci" a chi esce dal nostro paese, sì, paese (non città) e con la "p" minuscola.
    Visto che molti esponenti dell'amministrazione (con la "a" minuscola) consultano questo blog, per favore.... è così difficile risolvere un problema del genere.Lo so, non è di vitale importanza e ce ne sono mille altri, sicuramente + importanti, ma volete almeno cominciare dalle piccole cose o no!!!! Svegliaaa

    RispondiElimina
  2. Non sarà di primaria importanza ma in certe mattinate di pioggia la cosa potrebbe combiare il volto della giornata a molti cittadini.

    RispondiElimina
  3. Ahhh lo schizzino d'acqua sull'auto pulita,
    questi sono i problemi degli italiani.

    RispondiElimina
  4. Caro ultimo anonimo, lo schizzino d'acqua come lo chiami tu non è un problema, i problemi sono quelli che derivano dall'avere un sottopasso sempre pieno d'acqua e sono ben elencati dal primo anonimo. In ogni caso, la tua battuta mi fa pensare che tu sia persona vicina a questa amministrazione. Per qualsiasi problma che gli viene segnalato sono bravissimi a minimizzare..." e che vuoi che sia..:" "sì va bene, ma lo sai che in Africa...." ma lo sai che in Calabria...." Eppure basterebbe guardare a destra e a sinistra, nel senso geografico, e confrontarci con i Comuni confinanti.
    Mi riviene in mente la frase di un nostro assessore in carica che poco tempo fa disse:"ma perchè, a Martinsicuro che gli manca???!!) Ecco, caro ultimo anonimo, è questo il problema.... che vuoi che sia uno schizzino d'acqua....

    RispondiElimina
  5. E una buca sull'asfalto o un marciapede sconnesso?? Ma mica sono questi i problemi degli italiani!!! Poi se nella buca (spesso voragine) uno scooter o una bici di notte, magari senza illuminazione, come spesso capita qui da noi..., incappa e provoca incidenti.... che vuoi che sia...., se un anziano inciampa su marciapiedi inguardabili e si fa tre mesi a letto con il femore rotto... c.zzi degli altri. Tanto poi il comune paga i danni...
    Se un'uscita di sicurezza funziona male e non si apre... ma mica sono questi i problemi grandi... . se poi un corto circuito provoca un incendio e le persone rimangono bloccate proprio per quel difettuccio... allora..
    Insoma, caro anonimo dello "schizzino d'acqua" ti sto facendo nero solo perchè è per persone come te che ci ritroviamo in questo stato. Per chi i problemi non li affronta, non li risolve, trova sempre una scusa fino a che un piccolo problema diventa un grande problema, spesso, poi, non più risolvibile senza enormi sacrifici.
    Prevenire è meglio che curare.

    RispondiElimina
  6. Vedo che la politica del catastrofismo ha dato i suoi buoni frutti..
    uno schizzo d'acqua sull' auto pulita, non è la fine del mondo...
    pensate un attimo a ciò che è successo all' aquila,
    e fatevi un esame di coscienza !
    (capoluogo della nostra regione, mica burundi..)

    RispondiElimina
  7. Ma infatti a l'Aquila, considerando che il problema terremoto non può essere imputabile a nessuno in quanto calamità naturale, il probelma della casa dello studente o dell'ala dell'ospedale appena finita di costruire che sono crollate dovrebbero far fare un esame di coscienza a gente come te che vuole ad ogni costo minimizzare tutto. Se la politica del catastrofismo per cui si fosse evitato (sempre per accontentare gli amici degli amici) di passare la zona da zona ad alto rischio sismico a zona a medio rischio che non richiede quindi la realizzazione di fabbricati con criteri totalmente sismici fosse passata magari oggi molte famiglie non dovrebbero piangere dei morti. Spero solo che quanti domani sera parteciperanno a quella che definisco l'ennesima ipocrisia politica alla "fiaccolata per l'Aquila, saranno tutti con la coscienza davvero a posto relativamente a quanto stanno facendo a Martinsicuro a livello amministrativo. Naturalmente non mi riferisco ai comuni cittadini che ci saranno di certo con il cuore maai politici che fanno tante chiacchiere e ...cercano di nascondere dietro lo schizzo d'acqua alle macchine i veri problemi...

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …