Passa ai contenuti principali

Sconfiggere l'arroganza antifascista

Adesso, per fortuna, ci sono anche loro a prendersi cura di noi poveri malandati teramani.

Commenti

  1. A proposito di arroganza antifascista. Premesso che sulle foibe questi signori hanno perfettamente ragione: si tratta di crimini efferati, scientemente rimossi dalla cultura resistenziale che ha dominato fino a poco tempo fa in Italia. A quando una petizione popolare per togliere Via Lenin da Villa Rosa?

    RispondiElimina
  2. a proposito di Foibe, si tratta di crimini efferati, ed è giusto ricordarli e condannarli. Ma non pensate che anche questi crimini sono da attribuire al perido nefasto del fascismo? a me pare, che quel popolo, si è voluto vendicare di tutti quei soprusi che ha dovuto subire e sopportare dalle nostre camicie nere.

    RispondiElimina
  3. Ah sì? E quali sarebbero i soprusi subiti dai miliziani titini da parte delle camicie nere? Tutte le dittature sono degli abomini, ma quando criminalizziamo il fascismo, ricordiamoci che il suo apparente opposto ha sulla coscienza 120 milioni di morti. E ad aprire le danze è stato proprio Vladimir Ilich Uljanov (in arte Lenin) cui i nostri amministratori da strapazzo hanno dedicato pure una strada.

    RispondiElimina
  4. fascismo=comunismogiovedì, febbraio 11, 2010

    In Italia condanniamo il fascismo perchè c'è stato il fascismo, In Spagna il "franchismo" ecc. Andate a dire ai Cechi, Ungheresi, Polacchi ecc. del comunismo e vedrete cosa vi dicono. Jan Palach, le purghe di Stalin, il genocidio di Pol Pot in Cambogia, Piazza Tien An Men.. sono le due facce della stessa medaglia. La dittatura, rossa o nera è sempre dittatura. Noi la chiamiamo fascismo ma ciò che è aberrante è che qualcuno crede e sostiene che la dittatura, se comunista, sia stata e sia migliore di quella fascista o addirittura che sia il modello ideale di governo.

    RispondiElimina
  5. ricordiamoci che ci troviamo in Italia, e stiamo parlando della storia italiana, seppoi mettiamo tutto in un calderone, ne esce un bel minestrone, e si perdono i sapori dei vari incredienti, lenin, pol pot, stalin, franco, hittler, mussolini, che facciamo la gara a chi era può cattivo? di notte tutti i gatti sono neri

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …

Vivere a Martinsicuro

Offriamo un punto di contatto a Susanna.
INIZIO CITAZIONE
Buonasera ho acquistato una casa a martinsicuro e mi piacerebbe conoscere un pò questa città parlando con chi ci vive e ci lavora già. Anche perchè mi sembra di capire che di "problemini" ce ne sono abbastanza. Il mare e il sole sono stupendi, il resto si può migliorare.
Grazie Susanna
FINE CITAZIONE