Passa ai contenuti principali

Foto da Martinsicuro



Bobo ha mandato queste foto al blog ed ha scritto anche una breve mail.

INIZIO CITAZIONE
Ciao Mcity,
domenica scorsa, complice la bella giornata, mi sono avventurato nel tanto vituperato Biotopo: l'aria, i profumi, le geometrie di sabbia, le sue piante spontanee curvate dal vento fanno sembrare lontana Martinsicuro.
Capisco che ai più possono sembrare solo sterpaglie ma vorrei condividere con i lettori di questo blog il racconto fotografico e lo stridente contrasto con le costruzioni degli chalet già fatiscenti, come tutte le cose che si creano sul suolo pubblico di questa città, e di come possa cambiare la piacevole percezione del luogo in un senso di squallore e disagio.
Non sono uno strenuo difensore dell'intoccabilità dei luoghi a scapito dello sviluppo, ma vorrei porre l'attenzione di come l'uomo, quando agisce senza criterio, possa danneggiare
irrimediabilmente il territorio.
Di spazio da preservare nel nostro territorio ne è rimasto poco, visto che in questi giorni se ne parla, invito tutti ad una maggiore consapevolezza ambientale e a quelli di corte vedute dico che da una buona e mirata gestione ne può nascere una ricchezza sociale e turistica.
Fermiamo l'idiozia di chi crede che sviluppare il turismo equivalga ad edificare.
Un'ultima annotazione: belle le barche colorate dei quartieri adagiate sulla sabbia, peccato che la più malmessa sembra quella del Quartiere Tronto, rifletterà l'anima del quartiere dove vivo? :-)
Un saluto a tutti i blogger.
Bobo
FINE CITAZIONE

Commenti

  1. La seconda parte delle foto, in cui si vedono così tanti "morti" abbandonati da tempo immemore sulla spiaggia, esprime in pieno il senso di questo due novembre.
    Proporrei di portare sull'arenile una corona di fiori a ricordo delle potenzialità intrinseche di questo paese che puntualmente poi non riescono ad emergere.

    RispondiElimina
  2. la ricchezza di Martinsicuro è il Biotopo, l'intuizione di chi l'ha voluto,ottima, lasciarlo così in abbandono, è pessimo.

    RispondiElimina
  3. Peccato che non si voglia ricordare mai chi ha avuto quell'ottima intuizione ( prof. Marano Mario Viola )difendendola con tenacia in tutti questi anni e chi, al contrario, sulla stampa, nelle campagne elettorali e con le proprie azioni ha gridato allo scandalo per le "erbacce" dell'arenile dimostrando assenza di uno sguardo lungimirante e disprezzo per i beni preziosi del proprio territorio.
    Se si legge la pubblicazione "Le dune di Martinsicuro" (1997)si deve ricordare che nel 1994 l'Unione Europea ha riconosciuto, d'intesa con la Regione Abruzzo, la grande valenza naturalistica del Biotopo di Martinsicuro, uno
    dei più importanti del sistema costiero adriatico da Trieste a Santa Maria di Leuca.
    Chi ha parlato di "erbacce" e ha fatto vuoti giochi di parole con il termine "biotopo" e non ha agito per migliorare e valorizzare continuamente quell'ambiente ha dimostrato solo abissale ignoranza e rozza incompetenza.
    Mi chiedo dove sono i cittadini di Martinsicuro, dove sono quelli che amano ancora la propria terra e mi chiedo perhè non la difendono facendo sentire la propria voce. I cittadini, in democrazia, sono coloro che hanno il dovere di controllare le azioni di quelli a cui è stato affidato l'incarico istituzionale di governare.I cittadini hanno il dovere di informarsi e di agire per il bene del proprio territorio. Chi tace o esprime lamentele generiche ha responsabilità nelle scelte sbagliate che riguardano la propria città.

    RispondiElimina
  4. prof. Viola la preghiamo di partecipare a questo dibattito, e fare ancora qualcosa per il nostro territorio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …