Passa ai contenuti principali

Faccia lei

Ora Martinsicuro ha un campo da calcio in erba sintetica. Per averlo pagherà una cifra intorno ai 50 mila euro ogni anno a titolo di spese per la manutenzione della struttura.
E' bello avere un campo sportivo rinnovato, ma le modalità con cui si è giunti a questo accordo sono state davvero indecifrabili o almeno mal comunicate ai contribuenti (che poi sarebbero quelli che pagano il conto).
Facciamoci un segno e voltiamo pagina.

Commenti

  1. Cominciamo con il precisare che il Comune pagherà, iva compresa , 70.000 euro annui per 10 anni.
    In tale cifra sono compresi quelli che dovrebbero essere i costi di gestione della struttura e una parte che andrà a coprire una parte della spesa sostenuta dall'associazione ASD Martinsicuro per la realizzazione del campo e per la ristrutturazione delle strutture annesse.
    Il preventivo presentato dal Presidente dell'Associazione per realizzare tali lavori ammontava a circa 400.000 euro e quindi va da se che più limeranno i costi di gestione e funzionamento del campo (cosa che anche l'Ente avrebbe potuto e dovuto fare e comunque la dotazione alla strutture di impianti a totale risparmio energetico ne è prova) maggiori saranno le somme che riusciranno a recuperare relativamente ai costi sostenuti.
    Detto questo si possono fare alcune considerazioni:
    la prima, è vero, il nostro Comune ha finalmente un campo sportivo decente. Naturalmente questo non lo sostengo in quanto accanito sostenitore della squadra locale o comunque appassionato dello sport del calcio ma lo sostengo in quanto il valore sociale che rappresenta la pratica di ogni tipo di sport è innegabile e sicuramente poter disporre di una struttura idonea a praticarlo è sicuramente un incentivo a far si che i ragazzi si avvicinino alle scuole, calcio in questo caso. Va detto che se fosse stato per la maggioranza il Presidente stava ancora aspettando se è vero come è vero che ha dovuto forzare la mano iniziando senza autorizzazioni i lavori sulle strutture costringendo così i nostri amministratori a correre in Consiglio comunale per approvare la convenzione senza nemmeno far loro porre il problema se stavano riconoscendo una somma quantomeno congrua se non proprio favorevole all'Ente. Come è comprensibile con questi presupposti le minoranze avrebbero avuto buon gioco a boicottare la convenzione stessa ma fortunatamente si è avuto a che fare con persone di buon senso che, naturalmente non senza prima aver fatto rimarcare che questo è l'ennesimo atto amministrativo fatto con leggerezza senza preoccuparsi di sprecare denari pubblici, hanno lasciato che la stessa fosse approvata con la loro astensione, astensione motivata dal fatto che gli atti erano proprio invotabili ma che comunque Martinsicuro meritava quell'opera che andava quindi fatta.

    RispondiElimina
  2. .....continua....
    La seconda, probabilmente si è esagerato da parte di tutti ad additare l'imprenditore D'Angelo come interessato solo ad effettuare una speculazione a carico della collettività. In fondo la convenzione è stata fatta con la Associazione ASD Martinsicuro e, pur rendendosi conto che i lavori sulle strutture dello stadio sono stati fatti dalla ditta di cui lui è titolare e che quindi i costi sostenuti sono stati sicuramente più bassi di quanto dichiarato e che la trattativa con la ditta che ha fatto il manto non l'ha condotta il Comune che avrebbe speso certo il massimo ma lui stesso che è notoriamente un ottimo commerciante, qualora dovessero esserci dei risparmi di spesa si suppone o quanto meno si spera che tali risparmi verranno impiegati per la crescita dell'Associazione sportiva stessa.
    La terza, visto che dell'intenzione di fare tale convenzione si parlava già dal mese di dicembre scorso si sarebbe preteso che gli amministratori si preoccupassero di fare una valutazione dei costi che l'Ente sosteneva in modo da fare un'offerta che facesse risparmiare il Comune per gli anni a venire ma, come al solito, trattandosi di soldi pubblici che ormai è chiaro gli attuali amministratori considerano soldi di nessuno la cosa non è stata fatta e si è concesso quanto chiesto dal privato.
    Sicuramente questi stessi amministratori, abituati come sono a conservare o ottenere consenso elettorale a spese della collettività, saranno in prima fila il giorno dell'inaugurazione, il Sindaco starà già assaporando il gusto di vedersi sul giornale a tagliare un nuovo nastro con quelle forbici che oramai tanto...troppo..stanno costando a tutti noi pertanto come ultima considerazione vorrei fare un grosso in bocca al lupo a quanti lavorano e lavoreranno affinche una Associazione sportiva possa crescere e fornire il servizio socialmente rilevante che la cittadinanza e i ragazzi meritano e nello stesso tempo invito quanti parteciperanno alla giornata inaugurale di riservare il giusto tributo e ringraziamento a quanti davvero lo meritano in quanto artefici attivi di quanto costruito e di riservare a quanti invece semplici opportunisti del momento la meritata indifferenza .....
    Speriamo che sia l'inizio di qualcosa di positivo....ne abbiamo bisogno tutti.
    Grazie dell'attenzione

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …

Poi ci passa

Da oggi e per diversi giorni ancora il sottopasso di via Roma resterà chiuso causa lavori. Purtroppo questa interruzione stradale pesa ai martinsicuresi per diverse piccole ragioni: prima di tutto perché anche l’uscita da Martinsicuro attraverso via Bolzano è chiusa sempre per lavori e poi perché la coincidenza con l’arrivo dell’alta stagione turistica ed insieme il picco di calore hanno reso un semplice imprevisto in qualcosa che disturba parecchio il sistema nervoso di chi è costretto a spostarsi in certe direzioni.
Però da questa vicenda, traffico a parte, si possono trarre solo conclusioni positive. La prima è che i lavori in corso porteranno alla risoluzione di problemi gravi di cui la rete stradale martinsicurese soffriva da tempo, la seconda è che certe procedure burocratiche fanno giri immensi ma poi arrivano comunque a compimento invece di perdersi (e questa non era una cosa scontata), ed infine va comunque apprezzato il gesto di un’ amministrazione capace di portare avanti …