Passa ai contenuti principali

Ora

L'amministrazione Di Salvatore sta guidando Martinsicuro come se fosse un'auto lanciata a folle velocità di notte, senza luci e senza freni.
Programmi, accuratezza, premura e buon senso non passano in giunta da troppo tempo.
La città si ritrova immobilizzata. Occore una presa di coscenza capace di imprimere una gigantesca svolta oppure per riprenderci serviranno decenni.

Commenti

  1. A proposito di auto ho visto su http://www.martinsicurocittattiva.net/ che Cittattiva ha organizzato una sfilata di auto d'epoca sabato pomeriggio.Mi raccomando però se dovesse passare anche il sindaco scansatevi o verrete investiti!

    RispondiElimina
  2. Io mi chiedo come faccia Monti, Vagnoni e Cappellacci a stare ancora in amministrazione insieme a quel branco di personaggi che stanno affossando definitivamente Martinsicuro e Villa Rosa.
    Da quello che ho sentito in giro si prospetta una vicenda simile a quella di Franchi, solo che stiamo parlando di cifre molto + alte.
    Ma il popolo potrebbe chiedere un risarcimento danni a questi sprovveduti?
    Altro che annessione alle Marche, NOI A VILLA ROSA CHIEDIAMO L'ANNESSIONE A COLONNELLA, almeno se lì "fregano" lo sanno fare.

    RispondiElimina
  3. A mio parere, il Sindaco, si trova tra l'incudine e il martello. Non può ne avallare ne affossare il Grillo Centro Affari. La soluzione migliore per lui è evitare il problema, magari dimettendosi. Sarebbe la soluzione migliore per lui e per la città intera.
    Solo chi non ha fatto parte di certi giochi può sistemare la questione, non certo la sua compagine.

    RispondiElimina
  4. Penso che non abbia il coraggio, del resto lui a Villa Rosa ci vive. Con quale faccia andrebbe in giro? Piuttosto penso che da questa vicenda chi ha + da perdere (politicamente) sono proprio i + giovani e mi riferisco a Cappellacci e Vagnoni.
    Se fossi in loro, a questo punto, ne vorri uscire il + pulito possibile e non essere additato e ricordato come quelli che hanno fatto fallire il comune.
    Mettiamo che il Grillo fallisce con in tasca un progetto approvato dal nostro comune, pensate che questi perderanno tempo a denunciare e richiedere milioni di euro come risarcimento? Dursi questa mattina parlava di oltre 20 milioni. Staremo a vedere...

    RispondiElimina
  5. SOLIDARIETA' A DON ULDERICO CERONI:
    Un appello ai residenti residenti di Villa Rosa di martinsicuro: davanti alla chiesa parrocchiale S.Gabriele dell'Addolorata, si raccolgono le firme per la rinuncia alle dimissioni del suindicato Parroco, che da tempo assillato da lettere anonime, con accuse infamanti e infondate suoi confronti. Alche' disperato, ha posto il suo mandato alla curie vescovile di S.benedetto del tronto.I pochi che hanno dato luce alle accuse minatorie, sono quelli che frequentano la chiesa allo scopo di mettere le mani nella loro politica chiamata Denaro. si devono vergognare di tale accuse. forse preferite i preti Pedofili? VERGOGNA VERGONA.non mandatelo via. chi è senza peccato scagli la prima pietra, voi le state scagliando i massi.

    RispondiElimina
  6. SOLIDARIETA' A DON ULDERICO CERONI:
    Dimenticavo a dirvi che sono state gia' raccolte oltre 1.500 firme a favore del parroco, contro quei pochi che gli danno contro. fate in fretta. se no a settembre ci lascia- saluti a tutti voi.

    RispondiElimina
  7. accuse infamanti e infondate....mettete vicino al registro la lettera che gli è arrivata da Roma e in seguito alla quale ha DOVUTO dimettersi onde evitare che si trovasse disoccupato...poi magari avrebbe dovuto lavorare veramente... e così chi firmerà lo farà solo scientemente e non per ...ipocrisia.

    RispondiElimina
  8. Balle,Roma manda la lettera a Don Ulderico a Villa Rosa, e Non ha Mandato la lettera, a L'ex Parroco Don Antonio per le sue male-fatte,E Roma nasconde e insabbia tutto, e lo trasferisce a Colonnella, e Manda a Don Ulderico la lettera per metterlo alla porta, e lui per paura si dimette. sapete cosa e la verita', la verita' che probabilemte Quest'ultimo parroco l'unica colpa che puo avere, e quella di essere a volte burbero nel dire le cose, ma le canta a chi soprattutto gli e' stato vicino alla congregazione cattolica . e alcuni di questi (pochi) lo ha messo al bando. mettetevi la mano sulla vostra coscienza.

    RispondiElimina
  9. O ma il paese si ritrova tra le mani un sindaco che ci regalerà (speriamo di no!) un bel regalino da oltre 20 milioni di euro da pagare e questo blog non trova di meglio che parlare delle cause perse?

    RispondiElimina
  10. Ma per quale motivo questo prete dovrebbe rimanere? Io ho sempre sentito che voleva andare via.

    RispondiElimina
  11. Nel 2007 mio figlio ha partecipato al campo estivo e mi ha raccontato che Don Ulderico è fuggito in piena notte in mutande, da allora non l'ho più mandato.

    RispondiElimina
  12. Come sempre il nostro Sindaco , quando deve prendere delle decisioni , importanti scappa : vedi "Centro Affari il Grillo " .
    E' cosi bravo a scappare ( insieme ai suoi Assessori , nessuno escluso )che adesso dà la colpa a quelli di prima .
    chi sono questi? qualcuno è cosi gentile di farci capire qualcosa a noi poveri mortali?

    RispondiElimina
  13. NON GIUDICATE.-
    Non Giudicate, cosi' non sarete giudicati. Infatti con giudizio con cui giudicate sarete giudicati; e con la misura con cui misurate vi sarà misurato.
    Perchè osservi la pagliuzza che sta nell'occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che sta nel tuo?
    Oppure: come puoi dire al tuo fratello: ''Lascia che tolga dal tuo occhio la pagliuzza'',mentre la trave è la nel tuo occhio? Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello.
    DEDICATO AGLI ACCUSATORI DI DON ULDERICO.

    RispondiElimina
  14. QUANTO è BELLO VEDERE L'IMPOTENZA DI QUESTE PERSONE CHE CERCANO DI DIFENDERE L'INDIFENDIBILE.

    RispondiElimina
  15. Ho seguito alcuni commenti e ho visto che qualcuno riportava dei fatti con tanto di prove, chi invece difende il parroco non riesce a spiegare per quale motivo deve rimanere anche contro la sua volontà. Mi sembra una situazione paradossale, ma il parroco ha sempre detto che voleva andare via, ora finalmente se ne va e voi lo volete costringere a rimanere?

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …

Massimo Vagnoni e l'esercito di terracotta

Massimo Vagnoni è il principale avversario di Paolo Camaioni e da cinque anni dato come prossimo possibile Sindaco.
La sua candiadtura non è stata mai in dubbio. In questo lasso di tempo non ha mai distolto lo sguardo dall'obbiettivo ed ha lavorato con costanza come unico oppositore politico di Città Attiva, riuscendo anche a non logorare troppo la propria immagine.
Fino alla presentazione delle liste sembrava essere riuscito, anche se con un basso profilo, a mantenere le sue vecchie preferenze e contemporaneamente ad intercettare i delusi di Città Attiva.
La versatilità della posizione politica di Vagnoni è stata però subito oggetto delle attenzioni di quelli che anche venendo da parti politiche diverse, a questo giro volevano a tutti i costi entrare o rientrare in Comune.
I promotori delle liste d'appoggio di Vagnoni non hanno trovato e forse neppure cercato una sintesi tra le loro diverse "idee di lista" ma hanno proposto come unica stragia, al candidato Sindaco,…