Passa ai contenuti principali

Da prendere in parola

«Berlusconi ha voluto il Pdl - ha detto Di Salvatore - ma di fatto è un partito che ancora non esiste. Per le votazioni ci si riunisce sotto la stessa bandiera ma poi ognuno ha interessi e pretese diverse. Ecco perché io non prenderò la tessera del Pdl finchè non saranno risolti i dissidi interni. E sono disposto anche a dimettermi sia da sindaco che da presidente dell'Unione dei Comuni se permangono le attuali condizioni»

Commenti

  1. Speriamo allora di festeggiare al più presto le dimissioni del sindaco ombra.

    RispondiElimina
  2. il sindaco ombra è quello che siede a sinistra di massimo vagnoni e quello stà in carica da anni e anni.

    RispondiElimina
  3. il solito comunista.... ah ah ah

    RispondiElimina
  4. Vuoi vedere che con l'avvicendamento tra il parroco di campagna Dario Franceschini ed il laureato in economia Pierluigi Bersani, il nostro caro Abramo Codadipaglia Di Salvatore ce lo ritroviamo tra le fila del PD.

    RispondiElimina
  5. Certo che Di Salvatore invece di minacciare, ritengo solo per una questione di facciata, di dimettersi da Sindaco e da Presidende dell'Unione avrebbe fatto prima a rinunciare ad accettare l'incarico all'Unione....magari sarebbe stato più credibile.
    Allo stesso modo, se proprio riteneva che Vagnoni meritasse il posto di assessore avrebbe potuto parlare con il nipote Di Matteo che, come tutti gli addetti ai lavori sanno ha caldeggiato la nomina ad assessore di Romandini da Sant'Egidio, e dirgli di fare un passo indietro visto anche (a detta del pdl locale) il gran numero di voti che hanno portato per la sua elezione a consigliere regionale (circa 800 voti)....certo...a Sant'Egidio ne hanno portati 1500.....ma mica vorremo credere che il giovane nipote del Sindaco è ancora legato a vecchie logiche di partito? noooo....è giovane!!! ...come l'ingenuo Vagnoni, d'altronde
    Ma avete notato che il ...coordinatore locale (Vallese G.)sulla stampa dice che non prenderanno decisioni affrettate ...che si confronteranno con il referente Paolo Tancredi...come se già la cosa non fosse avvenuta prima di silurare Massimo Vagnoni....comunque, come si dice, il tempo è galantuomo....stiamo con le orecchie dritte e vediamo ....quanto rende a qualcuno la vendita.....della pelle dell'orso!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …