Passa ai contenuti principali

Perchè nulla cambi

Il PD, il partito che sarebbe dovuto diventare simbolo di rinnovamento, riformismo e cambiamento, presenenta il candidato martinsicurese alle prossime elezioni.
Il ragazzo è acerbo ma si farà.

Commenti

  1. Mi sento di dover essere d'accordo con il commento dei gestori del blog. Ma vorrei comunque far presente che la maggioranza in Consiglio ha candidato dalla aprte UDC un altrettanto acerbo "ragazzo" che speriamo si faccia anche lui, l'ex Sindaco MICOZZI ABRAMO mentre in area PDL il davvero giovane anagraficamente VAGNONI MASSIMO ma che qualche dubbio che si faccia c'è in quanto fino a pochi giorni prima che uscissero i candidati ufficiali ha dichiarato in ogni contesto di essere assolutamente INDISPONIBILE a candidarsi. E poi comunque la scuola da cui viene si capisce subito considerando che non appena il suo tutor gli ha prospettato l'ipotesi qualche mese fa di candidarsi alle provinciali ha abbandonato baracche e burattini(il suo assessorato al turismo e cultura) a dispetto di quanto chiedevano gli operatori turistici e della cultura locali per perseguire i suoi alti ideali....l'occupazione di poltrone pubbliche.
    Amen
    Se andiamo a ben vedere comunque l'unico partito (e ci terrei che crediate che non è uno spot a favore di questo ma solo una considerazione di quanto avviene) che pare aver avuto il coraggio di candidare una persona giovane sul serio e che a oggi non ha ancora possibilità di essere attaccato non avendo ricoperto incarichi pubblici (non considerando certo i suoi entra e esci dai gruppi politici locali) è l'Italia dei Valori che ha candidato il giovane , coraggioso o incoscente per ora non è dato sapere, Cecchini Davide.
    Vedremo i martinsicuresi cosa decideranno di fare.

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …

Poi ci passa

Da oggi e per diversi giorni ancora il sottopasso di via Roma resterà chiuso causa lavori. Purtroppo questa interruzione stradale pesa ai martinsicuresi per diverse piccole ragioni: prima di tutto perché anche l’uscita da Martinsicuro attraverso via Bolzano è chiusa sempre per lavori e poi perché la coincidenza con l’arrivo dell’alta stagione turistica ed insieme il picco di calore hanno reso un semplice imprevisto in qualcosa che disturba parecchio il sistema nervoso di chi è costretto a spostarsi in certe direzioni.
Però da questa vicenda, traffico a parte, si possono trarre solo conclusioni positive. La prima è che i lavori in corso porteranno alla risoluzione di problemi gravi di cui la rete stradale martinsicurese soffriva da tempo, la seconda è che certe procedure burocratiche fanno giri immensi ma poi arrivano comunque a compimento invece di perdersi (e questa non era una cosa scontata), ed infine va comunque apprezzato il gesto di un’ amministrazione capace di portare avanti …