Passa ai contenuti principali

Marco Massetti alle Crociate !!1!

L'unica novità rilevante della corsa al Municipio è la presenza del Movimento Cinque Stelle. Un simbolo in questo momento più forte che mai che potrebbe raccogliere un buon numero di preferenze anche solo per la sua popolarità nazionale e che già è la variabile incontrollabile potenzialmente capace di decidere indirettamente le sorti di queste elezioni.
Cinque anni fa i cittadini sono andati verso Città Attiva esprimendo anche un voto di protesta contro la Destra e la Sinistra locali che nelle ultime Amministrazioni si erano dimostrate inconcludenti, parecchio maldestre e litigiose.
A questo giro però chi ha voglia di usare il voto come espressione di dissenso, più che di consenso, potrà farlo mettendo una croce bel calcata sul simbolo dei grillini (dopo aver leccato bene la matita, ovviamente).
Infatti solo di questo si può parlare: espressione di dissenso. Perché la lista pentastellata che propone Marco Massetti come Sindaco di Martinsicuro è parecchio fiacca ed incapace di proporre una sua visione di Amministrazione.
Forse messi insieme in troppo poco tempo i candidati del M5S sembrano estratti a sorte dall'elenco telefonico e riescono a fare la figura degli sprovveduti anche al pari della più rattoppata delle liste d'appoggio a Massimo Vagnoni.
Il semplice fatto di essere incensurato e non essersi mai candidato con altri partiti non può essere un criterio si selezioni né un requisito che aumenta il valore di un candidato e tutta l'Italia se ne sta accorgendo.
Alla fine è un peccato perché la politica ha bisogno di attività idealizzate capaci di essere forti sul territorio e la sola faccia simpatica di Massetti non basterà a far vincere il Movimento Cinque Stelle.
L'unica cosa che potrebbe provocare la presenza dei grillini è la caduta precoce di Città Attiva portandogli via alcuni voti: magari quelli che cinque anni fa hanno fatto la differenza.


Commenti

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …

Poi ci passa

Da oggi e per diversi giorni ancora il sottopasso di via Roma resterà chiuso causa lavori. Purtroppo questa interruzione stradale pesa ai martinsicuresi per diverse piccole ragioni: prima di tutto perché anche l’uscita da Martinsicuro attraverso via Bolzano è chiusa sempre per lavori e poi perché la coincidenza con l’arrivo dell’alta stagione turistica ed insieme il picco di calore hanno reso un semplice imprevisto in qualcosa che disturba parecchio il sistema nervoso di chi è costretto a spostarsi in certe direzioni.
Però da questa vicenda, traffico a parte, si possono trarre solo conclusioni positive. La prima è che i lavori in corso porteranno alla risoluzione di problemi gravi di cui la rete stradale martinsicurese soffriva da tempo, la seconda è che certe procedure burocratiche fanno giri immensi ma poi arrivano comunque a compimento invece di perdersi (e questa non era una cosa scontata), ed infine va comunque apprezzato il gesto di un’ amministrazione capace di portare avanti …