Passa ai contenuti principali

La città ha bisogno di noi e noi dobbiamo farci trovare

E' un periodo fatto di post scritti così, e adesso ve li dovete sorbire, finchè non passa il momento o alla peggio, fino alle prossime elezioni; ma un lungo periodo di riflessione è necessario per fare freddamente il punto della situazione e discutere dello stato delle cose "a bocce ferme". Tra pochi mesi, forse settembre, forse novembre, saremo già sommersi dal "toto-liste" e da tonnellate di chiacchiere vuote prodotte da politichetti improvvisati vogliosi di farsi vedere in cravatta e giacchetta o dai soliti "lupi grigi" che quasi da sempre tengono i loro artigli ben saldi alle costole della nostra città.
Ecco, prima che accada tutto questo, abbiamo bisogno di parlare di Martinsicuro. Parlarne e basta. Parlarne per chiarirci le idee, per capire a che punto siamo, dove possiamo arrivare e quali strumenti ci servono per perseguire gli obbiettivi. Senza colori, senza bandiere, senza campanili per trovare la verità al netto della politica, degli ideologismi e di tutte le sovrastrutture che negli anni si sono fatte spazio nei nostri pensieri.
Abbiamo bisogno di aiutarci a capire.
Facciamo qualcosa di grande, facciamolo ora, facciamo una cosa di cui un giorno potremo andare fieri, qualcosa che sia d'autentico esempio per i nostri figli, un vero percorso di cescita sociale.

Commenti

  1. Condivido pienamente e credo che un'inversione di tendenza a Martinsicuro possa essere avviata a prescindere dalla politica elettorale. Occorre quindi iniziare a parlare di partecipazione civica o senso civico di appartanenza ad una comunità. La casacchina del gruppo o del partito lasciamola appesa in casa, fuori usciamo come cittadini e viviamo questa città. La politica per forza di cose si dovrà adeguare al cambiamento generale, altrimenti continuerà a gestire alla meno peggio l'esistente.

    RispondiElimina
  2. ....esatto....la seconda che hai detto...

    RispondiElimina
  3. Vi spiego io perchè questo genere di cose non si fanno. Quelli che hanno ambizioni politiche esitano sempre a fare esternazioni troppo chiare per primi perchè hanno paura che l'avversario copi e migliori a proprio piacimento il suo programma o linee guida di esso finendo per dare un rigore a porta vuota che altrimenti potrebbero risparmiarsi. Non ci saranno tavole rotonde e salottini prima di gennaio e dell'inizio ufficiale della campagna elettorale. Vederete lì quante belle cose si diranno. Cercando poi di tenersi le cartucce migliori per gli ultimi comizi. Conosco i miei polli.

    RispondiElimina
  4. Ecco perchè questo tipo di analisi non dovrebbe essere fatta direttamente dai candidati o dalle liste ma da semplici cittadini. Lo scopo in fondo è proprio quello: fornire alle liste che vorranno candidarsi del materiale "di qualità" su cui lavorare. Qualcosa di serio, equidistante e solido sui cui ideare i nuovi progetti. Si parla di donare alla città le nostre idee e le nostre riflessioni, indipendentemente da chi voglia farne uso.

    RispondiElimina
  5. Considerando la mole di risposte a questo post si possono fare due considerazioni:
    1) come diceva Ivan, tutti si stanno tenendo le cartucce migliori per i comizi...
    2) non si hanno idee (serie , per carità) da proporre..

    RispondiElimina
  6. Qualcuno non sa cosa scrivere sul suo programma e quindi usa questo blog per averne?
    Cosa vuole Martinsicuro si sa, è sotto gli occhi di tutti quelli che almeno una volta nella vita hanno visto altri posti o semplicemente si informano sui mass media in generale.
    Di sicuro fino ad oggi se abbiamo avuto una mediocre e ideologicamente mafiosa politica è per colpa dei cittadini che l'ha eletta.
    Spero che nasca la consapevolezza di quanto sia importante INTERESSARSI del proprio paese (anche se nutro pochissime speranze) in prospettiva del futuro dei propri figli.
    Per quanto riguarda il tema del post concordo con Ivan... andrà in questa maniera.

    RispondiElimina
  7. Inutili i fumosi discorsi politici, assolutamente
    distaccati da qualsiasi realta'.
    che i nostri beneamati politici e aspiranti tali,
    vadino a farsi un giro per vie del paese,
    a vedere le immondizie rovesciate per le strade
    e il degrado di alcune zone.
    sperando anche che il nostro paese non diventi
    una sezione distaccata di camorrina et simila.

    RispondiElimina
  8. Cosa "vuole" Martinsicuro non è "sotto gli occhi di tutti", e la cosa peggiore è illudersi di sapere cosa serve ad una città così complessa e ricca di realtà diverse e complanari.
    E tanto per essere chiari, nessuno ha mai usato questo blog. Il problema è invece che gratuità dei gesti è sempre vista con sospetto.

    RispondiElimina
  9. Infatti è scritto: "è sotto gli occhi di tutti quelli che...".
    Sul fatto che non ci si fida della gratuità dei gesti è scientificamente provato.

    RispondiElimina
  10. Tu martinsicurocity dici: "e da tonnellate di chiacchiere" e ancora (ecco, prima che accada tutto questo, abbiamo bisogno di parlare di Martinsicuro).
    Prima dici che si fanno troppe chiacchere ma poi ti contraddici chiedendo che bisogna parlare,secondo me è ora di fatti questo paese è un paese di morti senza iniziative vere è ora che vi date da FARE ANCHE VOI!!!

    RispondiElimina
  11. Non è stato detto che si fanno troppe chiacchiere ma che si fanno chiacchiere vuote, ovvero fini a se stesse e prive di contenuti. E soprattutto non era inteso che la discussione si aprisse proprio su questo blog. Si tratta di un'esortazione al confronto. Chi vuole coglierla può farlo dove e come vuole, tutto qui. Suvvia, non occorre sprecare tante energie con tutta questa dietrologia.

    RispondiElimina
  12. Salve, ho da poco comprato un appartamento in città, ma pur frequentandola da poco mi sono preso a cuore le sue sorti. L'estate scorsa ho trascorso qualche settimana nel mio appartamento e subito mi è balzata agli occhi una cosa: per essere un posto di mare ho visto pochissima vocazione turistica in città. Le strutture sono poche (rispetto al potenziale) ed in generale molto molto care. Gli eventi organizzati sono troppo pochi e quelli che ci sono sembrano curati con superficialità e, non me ne vogliate, provincialismo. L'idea del Carnevale estivo è molto interessante ed ha un potenziale di richiamo turistico altissimo, ma l'organizzazione non mi è sembrata all'altezza. Il problema è che avete, abbiamo, per le mani un gioiellino che però non si riesce a far fruttare. Trovo incredibile che in agosto funzioni solo una discoteca e solo un giorno alla settimana, con un prezzo di ingresso folle (20 euro). Io sono un sostenitore delle spiagge libere e voi ne avete molte e anche di molto belle, ma possibile che non si riescano a creare dei chiringuitos a basso impatto ambientale ma che siano di servizio per gli utenti della spiaggia? Non è necessario ricoprire la spiaggia di chalet come hanno fatto a San Benedetto, basterebbe qualche struttura leggera in più sparsa qua e là per le varie spiagge. Capisco che la città si concentra soprattutto su un turismo familiare, ma forse si potrebbe puntare anche a qualcosa di più. D'altra parte la riviera romagnola riesce a coniugare diversi tipi di turismo, perchè a Martinsicuro non si può fare lo stesso? Ho visto che all'estremo nord del paese c'è un orribile molo (in parte occupato dalle reti dei pescatori e lì lo scenario andrebbe valorizzato) ed in parte praticamente abbandonato. Possibile che non si possa fare un piccolo porticciolo turistico? Non parlo di grandi yacht, ma magari sistemando l'area, installando qualche negozietto o ristorantino, si creerebbe lavoro e si instaurerebbe un circolo virtuoso di turismo, sempre e comunque nel rispetto dell'ambiente. La zona sentina andrebbe poi iper-valorizzata: si presta infatti benissimo a percorsi ciclo-pedonali, percorsi "vita" per fitness, escursioni, bird-watching. Possibile che non possa essere fatto un ponte ciclo-pedonale che colleghi le due sponde del Tronto??? Coraggio gente, il potenziale per trasformare Martinsicuro in una meta turistica ambita c'è tutto! Bisogna però cogliere le possibilità offerte! Io sono con voi!

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …