Passa ai contenuti principali

Anche momenti tranquilli

Non è che il blog è in ferie, è solo che in questi giorni a Martinsicuro non succede proprio niente. Comunque potrebbe essere una notizia anche questa.

Commenti

  1. Questa mattina ho letto della sentenza del delitto Fadani: un vera porcata.
    10 anni per l'assassino e prosciolti gli altri due, che vorrei ricordare a tutti che abitano nel nostro comune.
    Da oggi le nostre vie saranno ancora meno tranquille con 2 assassini, spacciatori e strozzini che gireranno a "testa alta" certi che la giustizia in questo paese NON ESISTE.
    Fosse per me saprei come risolvere il problema, ma purtroppo non è possibile, l'unica cosa che si potrebbe fare, se fossimo un popolo con le palle, potremmo escluderli da tutto: nessun negozio dovrebbe prestarli servizio, cacciarli di casa, quando li si incontra girargli le spalle. Una bella "lettera scarlatta" dipinta sulla fronte.
    La giustizia NON ESISTE, ma la coscienza civile dovrebbe SVEGLIARSI.

    RispondiElimina
  2. Parole sante! Siamo di fronte all'assoluzione del branco. Certe sentenze non sono degne di un paese civile.

    RispondiElimina
  3. bisognerebbe rivedere le leggi, 4 contro 1
    dovrebbe essere quasi volontario.

    RispondiElimina
  4. Vivendo in un paese democratico e civile abbiamo il preciso il dovere di cittadini di accettare le sentenze dei nostri tribunali. Ogni sentenza viene pronuciata in nome del popolo italiano, sono le nostre leggi ad essere applicate, sia quando Berlusconi viene prescritto, sia quando un crimine odioso non viene punito come ci si aspetta. Discutiamone, parlianome ma non abbandoniamo la strada della civiltà e della ragione. La giustizia fai da te non ha mai funzionato molto bene. L'unico modo per vivere in un posto migliore è migliorare noi stessi ma qesto è un percorso che richiede determinazione, sacrifici e molto tempo; e questo tipo di soluzione non placa di certo la rabbia che ci assale quando osserviamo da vicino certi fatti.

    RispondiElimina
  5. Comcordo con MCity, ecco perche' ho detto che bisogna
    rivedere alcune leggi, quindi il problema a monte.
    Anch'io potrei organizzarmi con 4 amici, oppure un clan,
    ed andare a pestare questo e quello.
    Ma siccome siamo in una societa' civile e democratica,
    allora e' compito della forza pubblica perseguire i
    criminali.

    RispondiElimina
  6. Depenalizzare i pestaggi potrebbe essere una buona idea.
    a quest' ora avrei dato tante di quelle sacrosante cazzottate, a rompiballe che se lo meritano.

    RispondiElimina
  7. ...dente per dentedomenica, aprile 17, 2011

    Io, invece, inizierei a penalizzare
    le idiozie come quella scritta dall'ultimo anonimo. Un centinaio di pietre da
    spaccare a 40 gradi all'ombra come inizio
    non sarebbe male.

    RispondiElimina
  8. Come diceva Vittorio, il ragazzo ucciso a Gaza, dobbiamo rimanere umani.
    Il problema è che l'Italia ha deciso di abdicare di fronte a quelo che è giusto da quello che è sbagliato e quindi largo alle attenuanti, a pene minori se sei al tuo primo crimine, ecc.
    Il fatto è che uno dei due assolti qualche anno fa è stato preso con 40 Kg di droga... ha malmenato altre persone e altro che non sapiamo. Io uno che si comporta in questo modo, zingaro o italiano è uguale, un delinguente è un delinguente punto. Poi vai al bar e te lo trovi di fianco e non mi sembra corretto... mi sembra più corretto che stia rinchiuso in una cella 1 metro x 1 metro senza finestre.
    IO la penso in questo modo, una società sana dve essere chiara nel distinguere il bene dal male, tutto il resto è uno schifo e poi ci lamentiamo di Berlusconi che si aggiusta le cose, ma lo volete capire che il "cancro" del compromesso è diffuso in ogni strato della nostra società.

    RispondiElimina
  9. Scusate gli errori, ma sono situazioni che non capisco e mi indignano.

    RispondiElimina
  10. Caro M.C. in america hanno il secondo emendamento,
    altre realta' invece hanno l'amministia.

    in quanto a denteperdente, penalizza le idiozie e lascia
    fuori la criminalite' organizzata, ragionare cosi'
    e' il male dell' italia.

    RispondiElimina
  11. ...dente per dentelunedì, aprile 18, 2011

    Nessuno ha detto di lasciar fuori
    la criminalità organizzata. Volevo partire dal
    presupposto che ormai la maggior
    parte degli italiani è stufa di vedere depenalizzato questo o quel reato e la mafia (solo per chiamare le cose con il loro nome, perchè la criminalità va
    combattuta anche quando è disorganizzata) si è sviluppata e continua a prosperare anche sulla base delle idiozie.
    Una di queste è l'omertà, quella stessa omertà molto diffusa anche dalle nostre parti quando si ha a che fare con dei prevaricatori quali sono sicuramente i rom.

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …