Passa ai contenuti principali

Acqua pubblica e no al nucleare a Martinsicuro

Il Prof. Viola ha inviato al blog questa mail:
INIZIO CITAZIONE

E’ stato costituito ufficialmente il Comitato locale di Martinsicuro per la Campagna Referendaria per l’ACQUA PUBBLICA e il NO AL NUCLEARE.
Hanno aderito oltre cento persone all’invito dell’ambientalista Marano Mario Viola, persone di ogni età ed estrazione sociale, indipendentemente dal pensiero politico e religioso.
Si può considerare un successo per la diffusione dei quesiti referendari di fronte all’oscuramento mediatico della grande stampa.
Gi oltre cento aderenti si ritroveranno, dopo la pausa pasquale, per programmare gli incontri con i cittadini del capoluogo e della frazione Villa Rosa.
Le iscrizioni al Comitato sono aperte fino alla vigilia dei referendum del 12 e 13 giugno 2011.
Che il referendum "distrai-popolo" del Governo Berlusconi abbia fatto nascere a Martinsicuro la prima lista civica per le prossime elezioni amministrative?  Staremo a vedere.

Commenti

  1. La seconda vorrete dire.

    RispondiElimina
  2. W il nucleare.
    Abbiamo bisogno di energia,
    abbiamo bisogno di combustibili alternativi.
    bisogna rilanciare l'economia.
    la Cina prevede la costruzione di 10 nuove centrali.
    -----
    per l'acqua sono d'accordo.
    chi c'era, si ricorda che l'acqua dei paesi di collina
    era purissima, ora e' appestata di cloro, che sembra varechina.
    hanno imprestato tutto di cloro solo per far vendere le
    acque minerali.

    RispondiElimina
  3. Come si diceva? Tutto tranquillo, a volte non succede nulla... a leggere riviera oggi tra rapine e investimenti di ubriaconi mi sembra che questo paese è meglio di New York: non dorme mai.

    RispondiElimina
  4. No, nessun errore. Si parla di lista civica non di comitato d'affari...

    RispondiElimina
  5. Grande l'ultimo anonimo. Finalmente si parla chiaro. Allora, Illuminiamo di verità l'etere e sveliamo gli affari di questo "comitato".
    Dai raccontaci ...

    RispondiElimina
  6. Sembra che siano ritornate le belle di giorno
    sul lungomare. Ieri mentre camminavo dopo
    la rotonda di via dei pini ho incontrato anche la sorella dell'ultimo anonimo

    RispondiElimina
  7. ma riaprissero i casini e le centrali nucleari.
    piu' lavoro per tutti !

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …