Passa ai contenuti principali

Elevarsi

La Sinistra in Italia non c'è più da un po'. Quel che ne è rimasto è solo un fantasma del passato tormetanto dalle grandi figure guida del partito che fu,  un movemento piccolo, privo di un grande progetto unitario, fatto di persone disunite capaci solo di riempirsi la bocca, e la testa, di continue citazioni che vanno da Pertini a Fazio, passando per Saviano e Jovanotti. Sembrano ironicamente condannati ad inseguire il berlusconismo più ottuso combattendolo con le sue stesse armi.
Ecco da dove nasce quel triste striscione appeso sulla vetrina della sede del Pd di Martinsicuro in Via Roma. Un attacco persononale ad un avversario politico che è evidentemente solo il finalizzazatore di un progetto orchestrato da tutto il gruppo di maggioranza. Demonizzare, mettere all'indice, accusare. La buona politica non potrà mai intavolare un confronto partendo da toni così bassi ed elementari. Magari, tempo fa hanno cominciato loro, chissà, ma forse è giunto il momento di cominciare a fare qualcosa di meglio.

Commenti

  1. Dei grandi ideali della sinistra, dello stato sociale e del socialismo, è rimasta solo l'idea della patrimoniale.

    ma che almeno si tassino i veri ricchi, cioè quelli oltre il milione di euro.
    ma qualcosa mi dice che sarà diversamente...

    RispondiElimina
  2. Pietosa la situazione del Pd nazionale volta a fronteggiare, unico scopo, il presidente del consiglio. Quando quest’ultimo tra un po’ di anni si ritirerà dalla politica per raggiunta vecchiaia il Pd si dissolverà completamente, tanto è stupido il loro obiettivo. Non fanno minimamente gli interessi dell’Italia come nazione ma vogliono solo accedere ai vari privilegi che riservano i posti di comando o al massimo puntano a rimanere partito di opposizione a vita perché anche in questo caso possono curarsi i loro intrallazzi. Gli altri partiti di opposizione seguono, stupidamente, lo stesso obiettivo: Udc, Idv, Fli, Sel, Api. Per loro è riservata la stessa fine del Pd quando il presidente del consiglio si ritirerà per vecchiaia. Fli a differenza di questi, senza nemmeno passare per una verifica elettorale, è già finito a sole poche settimane dal congresso costitutivo e senza nemmeno accettare di aver fatto un errore politico, il suo leader Fini, continua stupidamente ad incolpare altri. Indovinate chi? Si, sempre lui, il presidente del consiglio. Non si sogna minimamente di ascoltare le ragioni dei suoi parlamentari che lo lasciano. Può darsi che qualcuno di questi abbia lasciato momentaneamente il Pdl con il consenso di Berlusconi per poi farci ritorno (uno scherzetto per Fini) o che altri annusano il potere e fuggono quindi da Fini, ma questo è un altro discorso.
    Questa stupidità dei leader dei partiti Pd, Udc, Idv, Fli, Sel, Api ha, a volte, un seguito da parte dei locali esponenti come nel caso richiamato dal post odierno (triste striscione appeso sulla vetrina della sede del Pd di Martinsicuro in Via Roma). Alcuni esponenti locali a forza di seguire i ragionamenti dei loro superiori procedono automaticamente alla stessa maniera. Altri però, a livello comunale (e non penso solo a Martinsicuro), hanno ancora una capa sulle spalle indipendentemente dal partito.

    RispondiElimina
  3. Lunedì 21/02/2011, teatro Concordia (ex cinema Pomponi) di San Benedetto, ore 18.30: se qualcuno vuole cortesemente fare notare la cosa al buon Veltroni...

    RispondiElimina
  4. a Veltroni chiedete spiegazioni pure di questo:
    UN’OPPOSIZIONE DISORGANIZZATA
    -------------------------
    7. (C/NF) Veltroni è stato indebolito politicamente dalla sua eclatante sconfitta alle elezioni del 13 e 14 aprile, così come due settimane dopo il PD lo è stato dalla perdita poltrona di sindaco nella città di Roma. Veltroni proponeva un modello anglosassone di governo in opposizione a quello berlusconiano, ma il precedente ministro degli esteri Massimo D’Alema, importante esponente del PD, si è rifiutato di parteciparvi e ha iniziato a combattere Veltroni su diversi fronti. Il presidente della camera Gianfranco Fini ha detto all’ambasciatore che D’Alema ha messo Veltroni «nel freezer» e studia una modo per eliminarlo dalla leadership del PD nel prossimo anno.
    da:http://racconta.espresso.repubblica.it/espresso-wikileaks-database-italia/dettaglio.php?id=1

    RispondiElimina
  5. Per quanto concerne il frammento " UN OPPOSIZIONE DISORGANIZZATA" vorrei consigliare al caro amico di leggere tutto il materiale completo pubblicato e non soffermarsi solo su quella parte che gli torna utile per avallare la propria critica.In particolare si deve leggere il giudizio dell'ex ambasciatore americano sul nostro capo del governo, sul suo operato e su come viene descritto all'estero. Inoltre, da un attenta lettura, potra' comprende come mai, un simile personaggio riesce ancora a stare in sella: e' funzionale agli interessi geopolitici degli Stati Uniti nell'area mediterranea. Altro che voto popolare, quando l'amico non sara' piu' utile agli yankee sara' disarcionato e' fatto ritirare a vita privata in una delle sue numerose ville a godersi gli arresti domiciliari.
    alla prossima e scusatemi se non sono stato politicamente corretto ma quando e' troppo.......

    RispondiElimina
  6. appunto, le opposizioni scalpitano per prendere il suo posto e, come detto sopra, accedere ai vari privilegi che riservano i posti di comando. Ma siccome sono troppo disorganizzate, agli yankee pare meglio Berlusconi. Il ragionamento non fa una grinza.

    RispondiElimina
  7. Di pietoso qui' c'e' solo lo stato morale,politico e sociale in cui avete fatto precipitare il paese. La situazione economica e' allo sbando:documentati per avere un quadro completo dei dati occupazionali del paese ed in particolare nella nostra regione.Politiche economiche incentrate solo su drastici tagli alla cultura, alla scuola alle universita' e alla ricerca . Corruzione dilagante(vedi i casi Scaiola,Bertolaso e della cricca.Politica estera completamente subalterna agli interessi degli Stati Uniti intervallata da inciuci con l'amico Putin(il comunista buono).Moralita' pubblica infangata dai ripetuti compartamenti privati costituenti reati del Presidente del Consiglio.Evasione fiscale alle stelle; alla faccia di chi tutti i mesi tira la cinghia per arrivare al fatidico fine mese. Una politica indistriale deficitaria e comunque sempre dalla parte della Confindustria e dei Marchionne di turno. Ed infine quello che a mio avviso e' piu' grave e' il vostro totale disinteresse concreto(perche' a chiacchiere sieti stati smpre dei maestri) verso i giovani e le fasce sociali che subiscono quotidianamente le bordate della crisi economica.
    Qui di pietoso.... ci sono io, che ormai, sto ad incazzarmi di fronte a questo scenario.... ormai a sett'anni suonati, dopo quasi cinquant'anni di Democrazia Cristiana e Socialisti dovevo rendirmi conto senza illusioni che le cose difficilmente sarebbero cambiate non dico in meglio ma almeno non in questo modo ed invece.....

    RispondiElimina
  8. quali sarebbero state le riforme di Berlusconi ?
    in materia di imposte e tasse assistiamo ad un incremento a vasto raggio ; in materia di giustizia allo scempio dei codici di procedura ;
    in materia di TV - non potendo competere con il satellite, ha rispolverato il digitale extraterrestre , piazzandosi in pole position ; in materia creditizia ha consentito il riconsolidamento e l'avanzamento delle banche a totale svantaggio del piccolo risparmiatore ( o,5% nei migliori dei casi ), di cui però si è vantato dinanzi al mondo intero dicendo che l'Italia non è la Spagna o la Grecia ; ha imposto un limite alla spesa di € 3.600 pena la segnalazione all'agenzia delle entrate ; ha favorito l'accesso al prestito , non per tutti ( Crif permettendo - quì ti iscrivono anche solo per un qualsiasi motivo ti viene rifiutata una domanda e per cancellarsi ci vuole Cetto la qualunque) , al pagamento diretto non giustificabile altrimenti; l'aumento dei prezzi dei servizi a 360 gradi ; ..... insomma , favorendo l'assoluto controllo della circolazione della moneta e delle idee - non essendo un socialista non ha fatto e non potevamo aspettarci che facesse una cosa di sinistra ; al contrario quelli di sinistra avevano iniziato a fare le stesse ed identiche cose in seguito fatte dal cavaliere .( anche se il forfettone è idea di sinistra - tremonti voleva che fosse fissato in € 45.000- da ministro si è ben guardato dal modificarlo , anzi ha favorito l' innalzamento dei contributi previdenziali e nel contempo dell'età pensionabile portandola in alcni settori a 70 anni , per non parlare della cedola fissa sui contratti di locazione quale variabile indipendente )
    l'unica cosa che ci resta e ci accomuna e la fede verso il Milan.
    il BLOG ha sbagliato totalmente il titolo anche in riferimento alle questioni locali .
    se l'argomento deve essere ancora il Piano Spiaggia , giova sottolineare che l'estensione di questo pseudoprogramma ha fatto convergere-unire le opposizioni ed incazzare quelli che vogliono vedere il mare quando vanno a passeggiare sul lungomare o godersi LIBERAMENTE la spiaggia quando vanno a fare il bagno e prendere il sole ; questa elementare libertà è stata finalmente abolita.
    gabriele de santis

    RispondiElimina
  9. Berlusconi, un bugiardo pinocchiesco che utilizza metodi dell'onorata società e cioè della mafia, vince grazie alla "realtà virtuale" creata dalle sue televisioni e si salva solo per via dell'esistenza di una sinistra "pasticciona" che è ingarbugliata in problemi interni.

    Non sono parole mie (io neanche sono d'accordo, e sicuramete neanche i gestori di questo blog prrrr!) ma dell'attuale ministro dell'interno Roberto Maroni che nel 1999, in una intervista sul quotidiano la Padania, aveva già capito tutto. (Cosa non si farebbe per tenere il culo attaccato a una poltrona!...)

    Purtroppo Maroni ha ragione: se ci troviamo in questa situazione la colpa è esclusivamente della Sinistra ed in particolare del PD, un partito che potrà avere il mio voto solo quando avrà cacciato a calci nel culo tutta la sua attuale classe dirigente a partire da D'Alema, Veltroni, Fassino e consorte.

    Alle prossime elezioni politiche permane in me un solo dubbio: continuo ad astenermi o voto Beppe Grillo? Potrei considerare anche Vendola, ma solo se non si alleasse col PD.

    Ciao

    RispondiElimina
  10. concordo con Urto e gli ultimi commenti.
    Nella politica si Bluffa come nel poker,
    si dice una cosa ma si fà l'opposto.

    RispondiElimina
  11. ....già...ma almeno in una partita a poker si rischiano i soldi propri....questi invece bluffano per accaparrarsi e sprecare i soldi pubblici.... devo dire che in passato sono stato molto critico con l'avvocato De Santis a causa di alcune cose da lui scritte su questo blog...ma stavolta, e a titolo di precisazione non mi si può annoverare tra il "popolo di sinistra" nè a livello nazionale nè tantomeno locale, devo dire che le sue considerazioni sono in larga parte condivisibili. A occhio ho l'impressione, anche se purtroppo le percentuali sono troppo basse per poter incidere, che a livello nazionale l'UDC stia mantenendo la barra a dritta e la cosa lo sta premiando... a livello locale, con il trio Monti Micozzi Ferri, direi che è il caso di stendere un velo pietoso....ma questo ho l'impressione lo abbia percepito anche l'Avvocato...buona giornata a tutti...

    RispondiElimina
  12. Per Alain... per toglierti il dubbio sul tuo prossimo voto, ti consiglio l'intervista fatta a Gino Paoli da Piroso su La7. Bella e interessante.

    RispondiElimina
  13. Concordo pienamente con lo sfogo fatto da URTO. Adesso sono impegnato altrimenti anch'io ne avrei detto quattro a certi personaggi che ancora difendono il puttaniere.
    saluti a presto

    RispondiElimina
  14. @urto
    dal 2007-2008 siamo di fronte ad una crisi economica internazionale (non solo italiana) che ha colpito principalmente i paesi occidentali. Se vuoi vedere il contesto generale bene. Tante cose non sono state fatte da questo governo e anch’io sono in attesa di venti nuovi ma ancora non si vede nulla all’orizzonte. Vuoi sapere cosa andrebbe fatto? Eccone alcune. Riduzione delle tasse con vincolo di re-investimenti e assunzioni a tutto il settore delle PMI, artigiani, ecc. In particolar modo alle ditte manifatturiere che esportano all’estero. Incentivazione alle ditte che assumono giovani laureati, specializzati in qualche settore del campo scientifico e tecnologico. Blocco delle assunzioni del settore pubblico perché qui, spesso il lavoro che potrebbe fare una singola persona è svolto da due, tre, quattro persone. Quindi in attesa dell’uscita, per raggiunta età pensionabile, di un adeguato numero di personale, si bloccano nuove assunzioni. Incentivi allo studio universitario solo se si scelgono facoltà scientifiche e disincentivi per tutto il resto delle altre facoltà. Le iscrizioni devono essere aperte a tutti ma chi ritarda negli studi deve pagare di più (incentivo a trovare un lavoro). Chiusura delle mille mini facoltà sparse in giro per l’Italia. Chiusura dei vari enti (unione dei comuni, comunità montane, ecc,) e riduzione delle provincie e comuni. Nuove infrastrutture e ammodernamento delle esistenti. Scambio commerciale con i paesi nordafricani (voi ci date gas e petrolio, noi vi aiutiamo a costruire infrastrutture – ed è quello che ha iniziato a fare Berlusconi da vari anni). Per il resto la corruzione è sempre esistita in tutti i partiti e fuori dai partiti.
    @pino
    Puttanieri sono milioni di italiani e stranieri residenti in Italia, non solo lui. Se lo vuoi attaccare lo devi attaccare politicamente.

    RispondiElimina
  15. Cari amici di Martinsicurocity, la vostra presenza è una ricchezza per Martinsicuro. La nostra cittadina ha sicuramente bisogno di una migliore classe dirigente; i molti problemi del territorio oggi lo evidenziano.

    Il problema è: come si costruisce una nuova classe dirigente? Non possiamo pensare che arrivi da fuori Città, esperienze ci sono state e non sono state vincenti.

    Possiamo affermare che una migliore classe dirigente deve uscire dai martinsicuresi e non la si può inventare ma deve essere costruita.
    I Dirigenti sono quelli che hanno:
    conoscenza del funzionamento amministrativo comunale;
    consapevolezza delle problematiche;
    capacità di indicare le soluzioni;
    Il lavoro di preparazione dovrebbero farlo i Partiti Politici o almeno le Associazioni Civiche (il PD ci sta provando) ma oggi purtroppo sono troppo pochi coloro che hanno voglia di confrontarsi dedicando il proprio tempo alla conoscenza e conseguentemente valutando ipotesi di soluzione dei problemi di Martinsicuro.

    Qualche mese prima delle elezioni però qualcuno in più si sveglia ma è senza l’allenamento necessario per la partita, così ci si imbarca in qualche lista, poi se si è eletti si vedrà…

    Se la conoscenza delle questioni, in ogni dimensione, è il presupposto per costruire il cambiamento MartinsicuroCity può fare la differenza. Tanto c’è da fare e molto può fare anche M C.

    Usciamo dalle tifoserie, il tifoso non entra nel merito, parteggia per la propria squadra a prescindere dalle prestazioni e dalle capacità.
    Abbiamo bisogno di crescere ma per farlo si deve percorrere la strada della conoscenza.

    La vicenda descritta da MC come “un attacco personale ad un avversario politico” percorre le vie della tifoseria. Utile alla critica era assistere al Consiglio Comunale ed ascoltare la relazione del Consigliere Vagnoni Delegato al Demanio dove tra le altre cose affermava:” questo Piano lo approveremo comunque ”. Ebbene approvare un Piano di Spiaggia non è uno scherzo, una programmazione urbanistica dell’arenile una volta fatta resta per sempre.

    E’ bene ricordare che l’incarico per la redazione del Piano di Spiaggia era stato dato dalla maggioranza nel settembre 2008; noi e le altre minoranze avevamo più volte sollecitato, con interrogazioni, gli uomini della maggioranza a confrontarsi con un dibattito consigliare su quali fossero gli obiettivi che si volevano cogliere con la nuova programmazione.

    Hanno parlato di Piano di Spiaggia soltanto quando i tecnici hanno riconsegnato il lavoro ai primi di Dicembre 2010 convocando la Commissione Consiliare Governo del Territorio dove il Consigliere Vagnoni ha illustrato scelte già compiute.

    RispondiElimina
  16. (segue da sopra)
    Tutto ciò è avvenuto senza onorare ad esempio gli obblighi dettati dal nostro Statuto Comunale, che pone come obbligo quello di informare i cittadini quando si debbono approvare Piani Urbanistici ecc. Cosa diversa è fare assemblee dopo l’adozione a scelte fatte.
    Il Consigliere Vagnoni è una simpatica ed intelligente risorsa di Martinsicuro ma non possiamo non stigmatizzare il fatto che le scelte, sul nuovo utilizzo del Demanio di Martinsicuro, le ha deciso da “solo” nelle segrete stanze infrangendo le regole democratiche che la nostra Città si è data; non dimentichiamo che i legittimi proprietari del Demanio Marittimo sono i cittadini di Martinsicuro.
    Possiamo inoltre affermare che pochi nella maggioranza conoscevano le scelte del Piano di Spiaggia adottato.

    Decidere di trasformare il nostro litorale da prevalentemente libero a prevalentemente privato è una scelta che tutti gli abitanti di Martinsicuro devono coscientemente e possono fare.

    L'hanno chiamata “variante” e per questo in Consiglio hanno riferito che non avevano informato i cittadini. Una variante interviene su una piccola porzione di territorio, su una norma, non cambia completamente gran parte dei nostri 6.6 Km di costa.

    La spiaggia libera al netto delle aree di rispetto degli scarichi di acque bianche è stata ridotta al 25%.

    Sarà pesante il lenzuolo “Vagnoni giù le mani dalla spiaggia” ma quanto è stato grave realizzare una programmazione urbanistica senza confrontarsi prima con la città non rispettando lo Statuto Comunale.
    Lo striscione nasce dal fatto che è insopportabile il comportamento di un giovane Consigliere Comunale troppo disinvolto nel portare avanti scelte così pesanti.

    Poi la Valutazione Ambientale Strategica, storia interessantissima che rinviamo ad altro momento...

    Concludo con un appello a MC: non si iscriva tra le tifoserie ma faccia il lavoro insostituibile e prezioso di cui la Città ha veramente bisogno. Pubblichi i documenti ufficiali in modo che possano crescere le coscienze dei cittadini in modo consapevole.

    Grazie Mauro Paci.

    RispondiElimina
  17. vorrei dire all'amico che vuole disincentivare le facolta' umanistiche a favore di quelle scientifiche che poi chi caz...... forma alla base la futura classe dirigente oppure vogliamo tutti tecnocrati che sono geni nella finanza, del marketing nell' informatica ecc....Ma si buttiamo a mare il latino, il greco, la filosofia, l'arte, la musica.....
    tanto lo so che le persone che tu sostieni con il tuo voto questo vogliono ossia creare un modello sociale freddo, fatto di arrampicatori sociali dove contano solo i soldi e la furbizia....Per chiudere ci saranno in italia milioni di puttanieri ma molti di loro non commettono reati e comunque non sono presidenti del consiglio che devono tenere ad un minimo di decoro pubblico. Poi se leggi attentamente la critica dell'amico URTO ti renderai conto che la critica e' piu' politica, solo di contorno affronta la questione morale.

    RispondiElimina
  18. Dovrebbero riaprire le case chiuse.
    meno chiacchiere e piu' fatti,
    ma anche piu' PIL e maggiori ingressi fiscali.

    RispondiElimina
  19. carissimo vedo che non sei informato: ad Arcore sono gia' riaperte.....
    ciao a presto

    RispondiElimina
  20. Il mondo insorge contro le dittature... quando in Italia ci sarà quella contro la dittatura dell'ignoranza e dell'ipocrisia?
    Quando in Italia invece di andare a spaccare le vetrine e bruciare auto, i giovani inizieranno a "combattere" per il loro futuro fondato sulla meritocrazia e il rispetto per le diversità fisiche, mentali, ideologiche e di provenienza?

    RispondiElimina
  21. @luigi75
    quando dico di disincentivare le facoltà non scientifiche (e anche quelle umanistiche) voglio dire che ci sono troppi ragazzi che, laureati, non troveranno un lavoro a meno di dirottare soldi pubblici per il loro futuro impiego. 8 ragazzi su 10 si iscrivono a facoltà non scientifiche. Volendo bene alle future generazioni consiglio loro di valutare con attenzione e iscriversi a facoltà scientifiche (ingegneria, matematica, fisica, chimica, architettura, agraria, informatica). Ma il consiglio spesso non basta e quindi ci vuole un disincentivo. E bada bene che non sto chiedendo loro un percorso di studi più semplice, anzi. A proposito del modello sociale freddo, arrampicatori sociali ecc, mi sembra che nessun percorso di studio, e tantomeno quello scientifico, riesca a plasmare i ragazzi in tal modo. Gli arrampicatori sociali sono già belli e formati al primo anno di università (sono presenti in tutte le facoltà) e si riconoscono bene come i papaveri in mezzo al grano. Sono arrampicatori per indole, ambiente familiare, o per casi fortuiti, incontrollabili, che la vita ci riserva. Gli altri studenti (chiamiamoli, quelli in gamba e onesti) continuano il loro percorso di studi senza nessun imprinting tale da ricordare un modello sociale freddo. Quello che dici tu potrebbe essere un romanzo di fantascienza, magari piacevole da leggere, ma niente di più lontano dalla realtà. Inoltre nelle parole finanza-marketing-informatica l’unico termine che ha a che fare con le facoltà scientifiche è informatica. Per il resto si tratta di economia. E l’economia non è una scienza quindi va disincentivata perché troppi vi si iscrivono e non troveranno lavoro. Chiudo facendo un ragionamento generale (un po’ brutale, ma ripeto generalizzando): chi si laurea in una facoltà scientifica è in grado (tempo e risorse finanziarie permettendo) di ottenere una seconda laurea non scientifica senza grossi problemi. Viceversa no. Ripeto, ho generalizzato, e ci sono molte eccezioni che dipendono dai ragazzi presi singolarmente che sempre per indole, ambiente famigliare, o per casi fortuiti sono questa volta in grado, non di arrampicarsi, ma di fare grandi cose.

    ... per quanto riguarda i reati devi aspettare almeno il processo di appello per stabilirlo altrimenti non sei in uno stato di diritto.

    RispondiElimina
  22. bravo Mauro sei sempre il migliore alla lunga li bruci tutti specialamente i tuoi ex coleghi politici. Sotto quelle guanciotte bonarie e gli occhicini sempre tra il triste e lo spaesato si nasconde un combattente sempre pronto a tuffarsi nell'arena del consiglio per far valere le ragioni della collettivita'.
    Peccato che primo o poi(speriamo poi) dovrai tirarti fuori dalla mischia e allora saranno dolori per la sinistra locale.
    metticela sempre tutta che tanta brave persone confidano sempre in te
    saluti a presto

    RispondiElimina
  23. All'inizio e' toccato a Ben Ali poi Mubarak adesso Gheddafi il prossimo sarai tu Papi......

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

Ma alla fine, chi vince?

Chi è il favorito di queste elezioni? Esistono indizi per determinare quale candidato ha migliori chance? Per rispondere a simili domande la cosa migliore da fare è sempre quella di partire dai dati delle precedenti elezioni comunali per trovare analogie utili al ragionamento. Un tuffo nel passato, in pratica.

Elezioni comunali Martinsicuro 1993
Biagio Prosperi: Voti 811
Corsi Giovanni: Voti 540
Vallese Gianfilippo: Voti 2.256
Ignazio Caputi: Voti 4.120
TOTALE Voti Validi: 7.727

Elezioni comunali Martinsicuro 1997
Ignazio Caputi: Voti 2.414
Abramo Micozzi: Voti 2.853
Enzo Pierantozzi: Voti 2.837
TOTALE Voti Validi: 8.104

Elezioni comunali Martinsicuro 2002
Leonilde Maloni: Voti 4.506
Abramo Micozzi: Voti 3.326
TOTALE Voti Validi: 7.832

Elezioni comunali Martinsicuro 2007
Abramo Di Salvatore: Voti 3.259
Paolo Camaioni: Voti 2.540
Mauro Paci: Voti 1.410
Ignazio Caputi: Voti 977
Angelo Moscardelli: Voti 160
Emiliano De Mattheis: Voti 113
Totale Voti Validi: 8.449

Prendendo come punto di riferim…

Il problema di chi vola

Il blog ha ricevuto questa mail.

INIZIO CITAZIONE Ciao, chi vi scrive è un ragazzo di 34 anni di Martinsicuro.
Non sono molto “attivo” nella vita del paese, spesso osservo un po' rassegnato gli eventi aspettando che qualcosa finalmente cambi.
Non sono molto attivo nella vita sociale di Martinsicuro ma mi dedico assiduamente ai miei sport: la moto ed il volo. Si, avete capito bene, sono uno di quelli che svolazza in lungo ed in largo sopra la spiaggia di Martinsicuro appeso a quella specie di lenzuolo con quel ventolone un po' rumoroso. Insieme a me ci sono altri amici, padri di famiglia, scapoli incalliti o più semplicemente appassionati di volo, persone che dedicano il loro poco tempo libero alla pratica di questo sport cosi bello e particolare.
Potrei raccontarvi per ore delle mille avventure nei cieli del centro Italia, potrei descrivervi alcune cose che solo dall'alto si riescono a vedere e forse potrebbe essere l'occasione per far passare un brutto quarto d'ora …

Tutte le preferenze delle comunali martinsicuresi 2012

Dato che ogni analisi, a quest'ora ed alla fine di una giornata come questa, sarebbe parziale e sommaria rimandiamo a domani osservazioni più lucide e fredde. Intanto annotiamo qui i dettagli delle preferenze.


CITTA’ ATTIVA – CAMAIONI 
Stefano Ciapanna 308 Andrea D’Ambrosio 276 Massimo Corsi 163 Marco Ceci 99 Paolo Cistola 68 Sandro De Angelis 111 Olivo De Cesaris 135 Orlando Di Paolo 172 Giulio Eleuteri 157 Boris Giorgetti 133 Silvano Lupacchini 84 Federico Nardi 94 Roberto Prosperi 86 Roberta Spinosi 43 Debora Vallese 102 Sandro Ventresca 73 Solo lista 579
CAMBIAMO INSIEME – BUONASPEME  Gianni Alessandrini 62 Giorgio Anedda 138 Simona Antonini 267 Concetto Benizi 114 Giuseppe Capriotti 183 Gianni Carbone 108 Dante Cicchi 132 Amalia Cocchini 92 Guido D’Ascanio 91 Daniela De Luca 70 Elisa Foglia 76 Marco Foglia 86 Marco Massetti 164 Mauro Paci 111 Massimo Pulcini 108 Paolo Verdecchia 124 Solo lista 390
PROGETTO COMUNE – VAGNONI  Giuseppina Camaioni 173 Marco Bruno Cappellacci 171 Go…