Passa ai contenuti principali

Non ci riusciremo così

Martinsicuro è un comune giovane e certamente tra i più giovani della costa adriatica. Dovrebbe essere traino ed esempio per i vecchi comuni verso nuovi modi di intendere materie come la gestione del territorio e miglioramento della qualità della vita. Invece no. Invece ogni cosa a Martinsicuro finisce per arenarsi, ristagnare, perdersi, fino a rendere questo posto emblema dell'immobilismo più assoluto e paludato. Eppure si tratta di un grandissimo Comune, con grandissime risorse. Allora cosa c'è che non va? Sono le persone. Le persone che amministrano, e hanno amministrato, questo posto dimostrano quotidianamente di non vivere il nostro tempo, di non avere idea di cosa siano gran parte delle cose che compongono la realtà che sta loro intorno. Loro non sanno di cosa la città ha bisogno. Hanno solo voti. Una manciata di voti, di famiglie riconoscenti che consente loro di occupare per decenni la stessa posizione senza preoccuparsi di migliorare la propria preparazione ed il proprio operato per raggiungere sempre nuovi traguardi. Come possiamo "ripartire" se siamo guidati da persone che si ritengono da anni arrivate?

Commenti

  1. non si può che essere d'accordo, ma che fare? come se ne esce da questo pantano?
    dobbiamo sperare in una prossima generazione?
    Le varie opposizioni che ne pensano? dimenticavo, sono quelle che hanno amministrato prima, che delusione.

    RispondiElimina
  2. Intanto si potrebbe riflettere sulle parole di Saviano e le parole di Don Ciotti...
    http://www.youtube.com/watch?v=aY5kh5kTvL4&feature=channel

    RispondiElimina
  3. Abbastanza demagogico, ma anche appropriato.
    nella city bisogna solo risolvere 2 questioni.
    -La maleducazione della gente, e la lista sarebbe lunga...
    (signorine che guidano come pazze, vecchietti rimbambiti che quasi ti investono, cacchette di cani sul marciapiede, cani pericolosi lasciati scorrazzare liberi... ecc. ecc.)
    - incentivare l'industria e il turismo.
    ma questi sono cambiamenti che richiedono decine di anni,
    e sicuramente non sono fattibili da una amministrazione
    che dura 6 mesi..

    RispondiElimina
  4. Be questa che ci ritroviamo è in carica da più di 6 mesi e mi sembra che non abbia neppure affrontato l'argomento... Quindi non è la durata del rapporto, ma la qualità che genera la soddisfazione.
    (gira e rigira siamo sempre lì).

    RispondiElimina
  5. E' sempre colpa di qualcun altro.
    (gira e rigira siamo sempre lì).

    RispondiElimina
  6. In questo caso "qualcun altro" ha un nome e un cognome:
    Abramo Di Salvatore;
    Marco Cappellacci;
    ecc;
    fino ad inserirei tutti quelli che li hanno votati.

    RispondiElimina
  7. Perchè, negli altri casi erano anonimi?
    Intendo dire: prima erano altri nomi e cognomi, e prima ancora altri ancora, e così via con prima... altri... ancora...
    Semplificando l'espressione viene fuori la formula irriducibile: "è sempre colpa di qualcun altro". Che non è un buon auspicio per il dopo, altri... di nuovo ancora?

    RispondiElimina
  8. Non so se ho capito bene, ma di nuovo ancora? Spero di no, almeno mi auguro che i Martinsicuresi la smettano di pensare che il nuovo sia una incognita che richiede un minimo di fiducia preferendo il presente... tanto è chiaro che, alla luce dei fatti, non conoscono ne chi li ha amministrati per 40 anni ne chi vorrebbe provare a farlo per i prossimi 5/10 anni.
    Sono convinto che la colpa primaria è di chi vota... gli altri approfittano di ignoranza, egoismi, menefreghismo e stoltezza.

    RispondiElimina
  9. Non mi riferivo alla sicura buona fede di chi è venuto o di chi verrà; semmai all'ormai innata malafede di chi ha votato o di chi voterà, che riterrà esaurito il suo compito con l'espressione del consenso e sarà subito e sempre pronto a dire che quelli non sono i suoi amministratori, a prescindere dal fatto che li abbia davvero votati.
    Una volta c'era l'assunzione di responsabilità; adesso lo sport nazionale è l'attribuzione di responsabilità, ossia: "è sempre colpa di qualcun altro".

    RispondiElimina
  10. Il nuovo vuol dire essere fuori dal pantano, cioè lontano dai poteri forti, che a Martinsicuro vuol dire la Ruzzo S.p.A.
    A me sembra, che Martinsicuro non si governa se la Ruzzo non voglia, esempio mirabile: su questo blog mesi fa, abbiamo letto che dopo una richiesta di chiarificazione fatta dalla Sig.ra Scuteri al Sig. Sindaco sul depuratore, si vide arrivare la risposta con una raccomandata "ben conservata" non dal Sindaco come si aspettava, ma dalla Ruzzo, che gli scriveva che non era nei progetti del Comune e nemmeno della Ruzzo delocalizzare il depuratore, né per il momento e nemmeno per il futuro. Quindi? la Ruzzo che rispondeva alla Sig.ra Scuteri al posto del Sindaco?
    Chi vuole governare Martinsicuro deve stare fuori da questo pantano e avere la forza politicamente, di contrastare questi poteri, esiste a Martinsicuro qualcuno o qualcosa del genere? sembra di no.

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …