Passa ai contenuti principali

Prostituzione tollerata

Allo scopo di mettere "in salvo" una porzione di territorio maggiore, il Comune di Controguerra sembra intenzionato a percorrere una strada nuova quanto discussa: riservare alla prostituzione determinate aree dedicate.

Commenti

  1. Io propongo anche l'individuazione di una zona dove i tossici possono andare liberamente a drogarsi e gli spacciatori a spacciare senza nessuno che gli rompa le scatole. Proseguendo con la zonizzazione anche un quatiere dove i ladri possano rubare indisturbati e un isolato dove i soliti coglioni con le auto possano sgommare e sfrecciare a 120 all'ora senza limiti.

    RispondiElimina
  2. l'importante è continuare a cercare soluzioni evitando di restare immobili

    RispondiElimina
  3. D'accordo che non si deve rimanere immobili, ma stiamo anche attenti alle soluzioni che si vanno a proporre. Creare delle "zone franche" sarebbe solo l'ennesimo cedimento delle istituzioni di fronte al dilagare dell'illegalità. Cedimento prodromico al radicarsi di una cultura "licenziosa" dal punto di vista dei comportamenti sociali che alla lunga, come la storia insegna, non porta mai nulla di buono... anzi, tutt'altro.
    Ribadisco che la migliore soluzione per me rimane sottrarre la prostituzione alla gestione dell'illegalità: c'è sempre stata e sempre ci sarà, e provoca meno danni di quanto si voglia far credere.
    Se invece vogliamo fare gli integralisti della morale cattolica, allora che si dica una volta per tutte che prostituirsi è reato, a prescindere dal fatto che la prostituta possa essere o meno costretta a fare quel lavoro. Punto e basta.
    Ma smettiamola una volta per tutte con le mezze posizioni come per la storia della "dose ad uso personale". Vabbè che siamo il paese dei condoni...

    RispondiElimina
  4. Legalizzare la prostituzione in ITALIA non funzionerebbe, e non perché siamo un paese di ipocriti bacchettoni, ma perché siamo fondamentalmente dei delinquenti, le ragazze sarebbero "sfruttate legalmente" dai futuri caporalati. Raccogliere pomodori è legale e istituzionalizzato, ma guarda cosa accade.
    Di questi esempi l'Italia ne è piena e la fine non sembra arrivare mai... bisogna rifondare una società nuova educando alla legalità, al senso civico, al giusto e al bene comune. Poi si possono pensare a leggi e legalizzazioni, ma fino ad allora a qualcuno conviene che le cose continuino in questa maniera.
    P.S. Qualcuno siamo noi che affittiamo in nero alle prostitute fino a chi le sfrutta, ecc.

    RispondiElimina
  5. Qualsiasi attività, nel metodo, è potenzialmente soggetta a gestioni illegali. Però c'è sempre la certezza, intanto, che sia regolamentata. Ma se nel merito l'attività è di per sè illegale, viene a mancare anche questa possibilità, e tutto (e tutte) finisce (finiscono) ad alimentare l'illegalità. Soprattutto se quel tipo di attività è nel limbo del "si può - non si può".
    Sarebbe ora di tagliare questo nodo gordiano: o si può, o non si può. Accertare poi violazioni alla relativa normativa sarà un problema come quello di accertare che chi raccoglie pomodori (attività lecita) non debba pagare tangenti a chi lo ingaggia (attività illecita), così come accade in tante attività manifatturiere lecite anche in Val Vibrata dove ti costringono a firmare una busta-paga e te ne pagano un'altra.

    RispondiElimina
  6. anno 2000 il n/s Don Giacomo giungeva al cospetto di papa Giovanni Paolo II, per il festeggiamento di 40 ani di servizio ; alla domanda di questi da dove venisse e quale fosse il problema della sua diocesi , don Giacomo gli rispondeva che proveniva da quella di San Benedetto del tronto e che il problema più grave di quel momento era rappresentato dalla prostituzione proveniente dall'Est spintasi fin dentro le vie cittadine ;
    volete sapere qualè fu la replica del Papa ?
    " truentum abbi fede - abbi fede " e con una pacca sulle spalle lo licenziò.
    per legge la prostituzione è tollerata ;
    di fatto è quello che è ;
    se essa è giunta fin dentro le vie cittadine e perchè in questo paese la gente si è ritirata e scrive sui blog.
    gabriele de santis

    RispondiElimina
  7. Riaprire i casini sarebbe la soluzione migliore.
    andare con le signorine non ha mai fatto morire di overdose
    nessuno.
    inutile essere ipocriti, è il mestiere più antico del mondo,
    e allora bisogna legalizzarlo e tassarlo.
    e non vedo perchè il commerciante deve pagare le tasse
    e le sexy workers no.

    RispondiElimina
  8. Non capisco francamente la connessione logica tra la pacca sulla spalla di Karol Wojtyla ed il fatto che noi scriviamo sul blog. Cos'è? Il miracolo che non ha fatto il compianto Santo Padre dovremmo farlo noi armandoci di schioppo e scacciando le meretrici dal territorio come i mercanti dal tempio? Mah...

    RispondiElimina
  9. 'Mbè, le meretrici sono tali proprio perchè in tanti "armano lo schioppo"... di solito carabina a tiro singolo. I pochi che dispongono della doppietta di rado devono rivolgersi a loro: hanno fin troppo da fare con le ruspanti donne nostrane. Ovviamente gratis, sennò sarebbero p.....e!

    RispondiElimina
  10. Ne "La cattedrale sul mare" di Ildefonso Falcones, scrittore spagnolo, le meretrici, erano obbligate a vestire in maniera vistosa per poter essere riconosciute e questo accadeva nella Spagna del 1300 in piena Santa Inquisizione... figuriamoci se oggi riusciamo a debellare il discorso.
    Purtroppo non sono d'accordo con la zonalizzazione, ma la legalizzazione si, pur rimanendo convinto che ci sguazzeranno i soliti illeciti odierni che non potranno essere controllati a dovere per la mancanza cronica di volontà politica, agenti sul territorio e, ripeto fino alla noia, coscienza civica.

    RispondiElimina
  11. se essa è giunta fin dentro le vie cittadine e perchè in questo paese la gente si è ritirata e scrive sui blog.
    gabriele de santis


    Saluti da Kabul

    RispondiElimina
  12. Meglio le prostiture che il gaypride,
    la prima è naturale, l'altra è devianza.
    (come scritto in qualsiasi testo scientifico)

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

Ma alla fine, chi vince?

Chi è il favorito di queste elezioni? Esistono indizi per determinare quale candidato ha migliori chance? Per rispondere a simili domande la cosa migliore da fare è sempre quella di partire dai dati delle precedenti elezioni comunali per trovare analogie utili al ragionamento. Un tuffo nel passato, in pratica.

Elezioni comunali Martinsicuro 1993
Biagio Prosperi: Voti 811
Corsi Giovanni: Voti 540
Vallese Gianfilippo: Voti 2.256
Ignazio Caputi: Voti 4.120
TOTALE Voti Validi: 7.727

Elezioni comunali Martinsicuro 1997
Ignazio Caputi: Voti 2.414
Abramo Micozzi: Voti 2.853
Enzo Pierantozzi: Voti 2.837
TOTALE Voti Validi: 8.104

Elezioni comunali Martinsicuro 2002
Leonilde Maloni: Voti 4.506
Abramo Micozzi: Voti 3.326
TOTALE Voti Validi: 7.832

Elezioni comunali Martinsicuro 2007
Abramo Di Salvatore: Voti 3.259
Paolo Camaioni: Voti 2.540
Mauro Paci: Voti 1.410
Ignazio Caputi: Voti 977
Angelo Moscardelli: Voti 160
Emiliano De Mattheis: Voti 113
Totale Voti Validi: 8.449

Prendendo come punto di riferim…

Vivere a Martinsicuro

Offriamo un punto di contatto a Susanna.
INIZIO CITAZIONE
Buonasera ho acquistato una casa a martinsicuro e mi piacerebbe conoscere un pò questa città parlando con chi ci vive e ci lavora già. Anche perchè mi sembra di capire che di "problemini" ce ne sono abbastanza. Il mare e il sole sono stupendi, il resto si può migliorare.
Grazie Susanna
FINE CITAZIONE

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…