Passa ai contenuti principali

In una civiltà evoluta

I bambini senegalesi della zona, ogni sabato e domenica per qualche ora, potranno riunirsi per studiare il Corano presso i locali del centro per l'adolescenza di Via Cesare Battisti. Questa è la delibera.

Commenti

  1. Mi sembra cosa buona e giusta.

    RispondiElimina
  2. Si tratta senz'altro di una scelta giusta che comunque deriva da una precisa richiesta. Si potrà parlare di civiltà compiuta quando anche nei paesi musulmani e soprattutto nel corno d'Africa, in India, Turchia, Cina e nell'ombelico del mondo che tanto piace ai progressisti di casa nostra sarà consentito ai bambini cristiani di avvicinarsi al Vangelo senza paura.

    RispondiElimina
  3. Sbagliatissimo. Non nel merito, ma nei modi (non dichiarati).
    Sapete darmi informazioni sul "voto unanime"?

    RispondiElimina
  4. Per voto unanime si intende, in questo caso, quello della giunta con l'eccezione dell'assessore Monti che risulta assente.

    RispondiElimina
  5. Questa delibera è una risposta naturale ed onesta (che condivido) alla richiesta del Console Onorario della Repubblica del Senegal(richiesta Prot. n. 10317 del 16/04/2010). Mi piacerebbe vedere la giunta così celere anche con altre richieste di Associazioni o Comuni Cittadini Senza Titolo. E' solo una critica costruttiva.
    R.M.

    Posto un OT spassoso
    Come sempre a tirare è sempre la moneta e non le idee politiche. Che sia di ripasso a chi ha elogiato le dirette tv dal PalaDozza.

    segue l'articolo
    Ma che volete da Michele? È solo Sant'Oro
    di Antonio Polito.
    Ma che volete da Michele Santoro, o voi popolo del blog, o voi straffatti del Fatto, o voi professionisti dell'antiberlusconismo, o voi moralisti di ogni colore e risma? Ma che, credevate davvero che fosse Robin Hood, Emiliano Zapata, il sub-comandante Marcos?
    L'ex Michele-chi è solo - e scusate se è poco - un notevole professionista dello spettacolo televisivo, nel suo caso sotto forma di informazione, che ha fatto un formidabile accordo con la sua azienda mettendo a frutto il suo valore di mercato. Ha fatto lo scivolo, come in tante aziende editoriali, una specie di pre-pensionamento: tre anni di buonuscita a sei anni dalla pensione. È un giornalista che si trasforma in editore - non il primo, a dire il vero - e in quanto tale fornirà alla Rai 14 docu-fiction di 130 minuti l'una al prezzo di un milione ciascuna, per complessivi 14 milioni in due anni. Che c'entra la morale, che c'entra la politica? Business is business, perché proprio Santoro avrebbe dovuto fare il francescano? E, per favore, lasciate stare il pianto greco sulla crisi: nessuna crisi sospende il mercato.

    Fessi voi, che vi eravate convinti che Michele fosse un santo: è solo Sant'Oro. Voi che avete sperato che un giornalista tv potesse guidare un partito extraparlamentare, vendicare i torti, proteggere i deboli, giustiziare i potenti. Santoro è andato e venuto, dal Pci alla Rai a Mediaset, poi di nuovo alla Rai via giudice del lavoro e ora fuori della Rai a farsi le cose sue, le cose che sa fare e vendere bene.

    Ma come, direte voi, ha fatto pure l'europarlamentare dell'Ulivo. Sì, ma solo il tempo necessario per tornare a fare il giornalista, che è il suo mestiere e la sua vocazione. Ma come, direte voi, ci ha chiamato alle mobilitazioni di piazza, anzi di PalaDozza, per difenderlo dalla censura berlusconiana. E che doveva fare? Aveva un mercato e l'ha fatto pesare. Si è coltivato il suo pubblico, e se il suo pubblico vive di grandi passioni politiche lui le ha giustamente allevate e interpretate. E, al momento del bisogno, le ha evocate.

    Tornate nel mondo reale, o voi in cerca di un taumaturgo che vi liberi dal Male. Michael Moore fa i soldi, Sabina Guzzanti fa i soldi, Marco Travaglio fa i soldi, Michele Santoro fa i soldi. Fanno il loro mestiere, lo fanno bene, e vendono i loro prodotti. Sono prodotti carichi di moralismo e demagogia? Embè? Si vede che è quello che a voi piace, che li consumate avidamente, che siete il loro mercato. Non chiedete loro più di quanto possano darvi. Non conducono una lotta tra il Bene e Berlusconi, conducono le loro aziende. Se proprio volete liberarvi del Caimano, dovrete procedere altrimenti.

    L'unico modo è mandare in Parlamento il numero di deputati sufficienti a disarcionarlo. Santoro fa ascolti, l'opposizione ha bisogno di voti, e non sono proprio la stessa cosa. Meglio così. La Rai berlusconiana ha fatto un affare: si è liberata di Annozero. Michele Santoro ha fatto un affare, e non c'è bisogno di spiegare perché. E la sinistra italiana pure ha fatto un affare, se la lezione le serve a capire che la politica non è un talk show.

    RispondiElimina
  6. « … Per me, la parola Dio non è niente di più che un'espressione e un prodotto dell'umana debolezza, e la Bibbia è una collezione di onorevoli ma primitive leggende, che a dire il vero sono piuttosto infantili. Nessuna interpretazione, non importa quanto sottile, può farmi cambiare idea su questo. Per me la religione ebraica, come tutte le altre, è un'incarnazione delle superstizioni più infantili … »

    Albert Einstein

    RispondiElimina
  7. sti caz-i! problemi personali del Sig. Albert Einstein.

    RispondiElimina
  8. giovanni da verrazzanogiovedì, maggio 20, 2010

    Ariecco l'amerikano pontificatore. Tieniti stretto il tuo corano che è una pura istigazione alla violenza. Quanto ad Einstein non mi risulta fosse un fulmine di guerra.

    RispondiElimina
  9. Quello che dovrebbe far riflettere non è Santoro che prende 14 milioni di euro ma la i dirigenti Rai che, pur di eseguire un ordine che non si fa fatica a capire da chi sia venuto, non si preoccupano di schifarci spendendo 14 milioni di soldi pubblici per togliere dal p...e di chi sappiamo noi il giornalista. L'importante poi per confondere le carte in tavola è far rilevare solo la parte relativa a Santoro che prende i soldi.
    Che Santoro potesse avere un prezzo non mi stupisce.....che ci sia stato qualcuno che con soldi non suoi ma nostri abbia deciso di accettare questo prezzo non mi stupisce...che ci siano persone che in questa situazione criticano il giornalista e non coloro che buttano in questo modo soldi pubblici...questo, anche se non mi stupisce...mi preoccupa.

    RispondiElimina
  10. naturalmente non tifo per nessuno (sarebbe meglio dire non voto per nessuno) ovvero tifo per il meno peggio (purtroppo). Volevo mettere in chiaro, oltre ai soldi che vanno a Santoro e da che tasche escono, che:
    E la sinistra italiana pure ha fatto un affare, se la lezione le serve a capire che la politica non è un talk show.
    R.M.

    RispondiElimina
  11. Art. 19 della Costituzione Italiana
    Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume.

    Dopo la provocazione del mio commento precedente (scusate ma non ho saputo resistere) mi piacerebbe riportare la discussione sul tema centrale di questo post.

    Generalmente quando si parla di Islam si sentono sempre e solo le solite obiezioni:
    1) il Corano incita all'uso della violenza, per cui non può esserne tollerata la diffuzione nel nostro paese
    2) siccome da loro non è consentito professare il Cristianesimo, perchè mai dovremmo consentirgli di professare l'Islam?

    Il primo punto è basato su una falsa certezza.
    Basta infatti dare uno sguardo ai due libri per accorgersi che l'uso esplicito della violenza (linciaggi, stupri, incesti, incendi, distruzioni ecc...) nella Bibbia è incitato tanto e quanto lo è nel Corano.
    Mi si dirà che quelle parti noi le abbiamo trascurate e che non vengono interpretate letteralmente... e fortunatamente è vero!
    Grazie alla razione (e non certo alla fede) l'occidente ha intrapreso il percorso di laicizzazione della società che ha portato i benefici che tutti conosciamo. L'inquisizione, le crociate, la caccia alle streghe, Galileo, Giordano Bruno ecc. fanno parte del passato.
    Nel mondo islamico purtroppo questo processo deve ancora avvenire.

    Qui mi riallaccio alla seconda obiezione.
    I migranti verso l'occidente rappresentano la testa di ponte che c'è tra noi ed il cuore del mondo Islamico d'oltremare: qual'è il messaggio che vogliamo inviare laggiù?
    Marginalizzare ed impedire la loro cultura e la loro religione equivale a stimolare ed irrobustire il sentimento per vari motivi già bellicoso di miliardi di persone. E' come dimostrargli che fanno bene ad essere intolleranti ed intransigenti perchè noi siamo altrettanto!
    Al contrario, dobbiamo cercare di incentivare e velocizzare la loro transizione al mondo moderno facendogli apprezzare e capire l'importanza dei valori della moderazione, della convivenza, del rispetto reciproco.

    Forse lo scontro è ormai inevitabile e ancora una volta per colpa della religione ci saranno milioni (oppure miliardi???) di morti ma finchè siamo in tempo credo sia il caso di pestare sul pedale del freno anzichè su quello dell'acceleratore.

    E' per questo che nonostante io sia notoriamente e sfacciatamente Ateo ritengo giusta la volontà espressa nella Costituzione Italiana ed encomiabile la sua diretta applicazione da parte dell'Amministrazione Comunale di Martinsicuro.

    RispondiElimina
  12. Carissimo concittadino d'oltre oceano non si può che essere d'accordo al 100% con te. Chapeau! (Alla francese eh, non alla martinsicurese!).

    RispondiElimina
  13. se c'è un universo qualcuno l'ha creato,
    e questa è una verità che nessuno può negare.

    La buona notizia è che Dio esiste,
    la cattiva è che le religioni hanno parlato al suo posto.

    RispondiElimina
  14. se esiste l'universo qualcuno l'ha creato,
    e questa è una verità certa.

    la buona notizia è che Dio esiste,
    la cattiva notizia è che le religioni hanno parlato al suo posto.

    RispondiElimina
  15. Discorso molto lineare quello di Alain a parte la chiusura infelice. Definirsi ateo con la maiuscola equivale a disconoscere il valore della fede per cui è sintomo anche di una forma di razzismo. La costituzione italiana per quanto condivisibile è figlia di un periodo particolare di limitazione della libertà per cui molte volte ha finito per creare l’effetto opposto, ossia libertà a maglie molto larghe. Non nego di aver dato fiducia a questa amministrazione, ma vedo che continua nel lavoro scellerato iniziato dalla precedente, ossia accogliere passivamente tutte le richieste di chi arriva. Non credo di commettere un azzardo se dicessi che tra non molto potrebbero avere la pretesa di insegnarlo anche ai bambini di Martinsicuro il corano. Dobbiamo darci una bella svegliata.

    RispondiElimina
  16. Mi ripeto: decisione scellerata. E non perchè i bimbi islamici non debbano avere il diritto di approfondire i propri testi sacri, ma perchè (in base alla documentazione di cui al momento si è in possesso) la mancanza di definizioni nei metodi di attuazione dell'iniziativa non consente alcun effettivo controllo sulla congruità della stessa con la nostra legge morale (e quindi con le nostre consuetudini di civile convivenza, ancor prima che di rispetto delle leggi nazionali).
    Addirittura ci pare di capire che le lezioni saranno tenute in madre-lingua, che a questo punto non dovrebbe essere l'italiano. Se così fosse, non mi pare un buon esempio d'integrazione. L'Assessore Monti confonde l'accoglienza con l'accondiscendenza: che spesso porta la contraparte a valutarci non con il metro della nostra benevolenza, ma con quello della nostra debolezza.
    E poi? Chi saranno gli insegnanti? Se non si può parlare di qualifiche specifiche, si possono almeno sapere i loro trascorsi in termini di vissuto sul territorio italiano? Come faccio a sapere quale sarà l'interpretazione del Corano che questi insegnanti trasmetteranno ai loro discenti quando si parlerà, per fare un esempio, delle donne?
    Troppo spesso queste iniziative, partite con le migliori intenzioni, sono poi diventate avamposti del reclutamento integralista sul nostro territorio.

    Stavolta gli ex-AN hanno ragione: il comportamento dell'Assessore Tuccini è stato quantomeno negligente. Visto che l'atto amministrativo aveva implicazioni politiche, doveva contattare i suoi referenti politici informandoli della richiesta in atto e concordando con loro una presa di posizione. Che comunque non doveva necessariamente essere di rifiuto, ma sicuramente di maggiori impegni per il richiedente.

    RispondiElimina
  17. il presidente americano Obama è mussulmano.
    La Francia ha un trattato di protettorato con l'Iran risalente al tempo di Napoleone mai dismesso ; in Francia, non a caso , ebbe rifugio Komeini, quando in Persia c'era lo Scià;
    ( la Persia , vi ricordo , dette i Natali all'imperatore Ciro....... )
    l'UDC " di cui dovrebbero far parte Micozzi e Monti " ( quest'ultimo pare non abbia votato la delibera perchè assente - ma immagino che l'iniziativa sia partita dal suo ufficio - sull'argomento ci torneremo quanto prima ) voleva per la religione cristiana un richiamo nella Costituzione Europea;
    l'islam non è un problema ; il problema è dato dagli imbecilli !
    Paolo ha sposato una mussulmana ( prostituta) e per questo si è convertito al mulsumanesino ; ma Paolo è cristiano e non è mussulmsano e non va in chiesa ; Dio lo benedica; Paolo è !
    buon viaggio a tutti , con la speranza che apriate gli occhi.

    RispondiElimina
  18. Qualcuno vorrebbe vietare pure la santa messa in latino ?

    L'insegnamento del corano deve avvenire nella lingua sacra di quella religione, cioè l'arabo.

    Il governo Italiano e le Istituzioni invece si preoccuperànno
    di assegnare l'insegnamento dell Islam, solo ed esclusivamente
    ad Insegnanti certificati provenienti da associazioni Islamiche
    Riconosciute Ufficialmente dallo Stato Italiano,
    e quindi che abbiano rispetto della Costituzione Italiana.

    Se poi non abbiamo una sufficente cultura per capire l'arabo, è ignoranza nostra, non colpa loro.

    L'intolleranza nasce dall' ignoranza !

    RispondiElimina
  19. cittadino rassegnatosabato, maggio 22, 2010

    A proposito di Lega e del suo unico esponente martinsicurese. Vi invito a guardare sul sito del comune l'ultima delibera di giunta in cui si dà mandato al sindaco per l'emissione di ordinanza che porta la multa a 500 euro. Soffermatevi un attimo sugli assenti. Non aggiungo altro...

    RispondiElimina
  20. Innanzitutto sei d'accordo con me per quanto riguarda gli insegnanti; ed è già qualcosa. Poi...

    "...Se poi non abbiamo una sufficente cultura per capire l'arabo, è ignoranza nostra, non colpa loro..."
    Questa esternazione (idiota a dir poco) parla da sola. L'arabo (ammesso che sia l'arabo la lingua-madre in questione) e il Corano saranno sacri a casa loro, dove non lo sono il latino e i Vangeli (ed è giusto così). Ma Martinsicuro non fa parte dell'Arabia Saudita o della Somalia, nè di una tradizione culturale che trae linfa vitale dall'Islam. Sono loro, qui, che hanno il dovere di fondersi nella storia e nell'aspettativa di futuro della comunità che li ospita, non il contrario. Così come là, da loro, spetterebbe a noi questo onere.

    E' vero: l'Islam di per sè non è un problema. Il problema sono gli imbecilli. E a ribadirlo è uno che notoriamente non è cristiano ed era soprannominato dagli amici "il fedayn" per le sue posizioni filo-islamiche. Uno che crede nell'Irrazionale senza sentire la necessità di dargli un nome e una Rivelazione per giustificarselo. Ma le convinzioni personali sono una cosa, la presa di coscienza della storia e della cultura del territorio in cui si vive (e a cui si deve comunque rispetto) un'altra... capisco che ben pochi hanno l'eccelsa qualità della spersonalizzazione, l'ho già scritto in precedenza. Ed è tutto.

    RispondiElimina
  21. Premesso che non ci sarebbe stato nulla di male, ma chiariamo che il Presidente Obama NON è musulmano. O, almeno, non si è mai professato tale.
    Non diciamo fesserie, per cortesia!

    RispondiElimina
  22. ma scusate tutti, come la mettiamo allora con i nostri concittadini che sono testimoni di Geova? Anche loro hanno un luogo dove pregare a Martinsicuro.
    Siccome non riesco ad entrare nel cuore di quello che è divenuto per molti un problema, mi sto chiedendo se le stesse riflessioni profonde valgano anche per le altre religioni di cui non si fà alcun parallelismo o accenno sul blog.

    RispondiElimina
  23. ...Infatti, in un passato nemmeno troppo remoto, sono successi casini non da poco quando alcuni di loro pretendevano di lasciar morire i loro bambini pur di non sottoporli a trasfusioni di sangue... "Se questa è la volontà di Dio", dicevano... Ma andassero affanculo pure loro...

    RispondiElimina
  24. Il Presidente Obama era figlio di un mussulmano,
    (vedi wikipedia)
    Comunque, chi dà dell' idiota a destra e a manca,
    solo per nascondere la sua ignoranza, farebbe bene a
    farsi un corso accelerato di lingue.
    Così magari gli viene pure voglia di farsi mussulmano !

    Torniamo in tema, le lezioni del corano in arabo
    devono essere tenute da un Imam appartenente ad una
    associazione ufficialmente riconosciuta dalla
    repubblica Italiana.

    Se poi volete affidare l'insegnamento ad un Talebano,
    la colpa è solo vostra, dopo non vi lamentate.

    E ricordiamo pure che molti nostri concittadini
    lavorano in mediooriente, e qualcuno pure in Arabia Saudita (territorio sacro dell' islam)
    quindi smettiamola con i discorsi di intolleranza.

    RispondiElimina
  25. Non ho dato dell'idiota a destra e a manca. Ho definito "a dir poco idiota" un'esternazione che sfido chiunque diverso da te a definire fondata e intelligente. Dovrei conoscere l'arabo per sapere cosa insegnano gli Imam a futuri cittadini italiani? E se poi vengono anche gli induisti, cosa dovrei fare? Imparare i mille idiomi indù? E se vengono i buddhisti, il tibetano? E poi il giapponese se si fanno avanti anche i taoisti? E speriamo che non si facciano vivi gli animisti!!!

    So benissimo che alcuni nostri connazionali lavorano in Arabia Saudita. Non mi risulta che abbiano chiesto alla dinastia wahabita dei locali in uso gratuito per insegnare ai propri bambini i Vangeli in lingua latina. Se l'hanno fatto e come risposta hanno preso calci nel deretano, ben gli sta.

    Infine:
    "...Se poi volete affidare l'insegnamento ad un Talebano, la colpa è solo vostra, dopo non vi lamentate..."
    Uno che scrive una frase del genere io lo caccerei immediatamente dall'Italia.

    RispondiElimina
  26. Obama Barak Hussein ; l'Hussein significa mussulmano di nascita.( occhio ai nomi e simboli e questo lo dico anche all'americano di martinsicuro)
    il mussulmano non può sposare un cristiano se questi non diventi mussulmano ,( ovunque nel mondo )
    anche Paolo è diventato un mussulmano ma è cristiano di nascita e di fatto "!
    insomma ..... bando alle stupidaggini ; qualcuno aveva sollevato un problema giusto ; che il corano lo si insegni in Arabao Nulla Osta , purchè sia corano !
    L'amministrazione Comunale ha in animo di far costruire una moschea con minareto e poi....
    un centro commerciale orientale ...!
    sarebbe un potente affare economico .
    anonimo ma non troppo.

    RispondiElimina
  27. innanzitutto è bene che si dica "musulmano" e non mussulmano che appare un pò troppo sprezzante oltreché scorretto.
    Sono l'anonimo del 22 ore 18.38.In Marocco vicino alla più grande e bella delle moschee c'è,esiste,una cattedrale straordinaria. In fin dei conti non è questione di religione ma di uomini.
    Mi spiace dover ancora sentir parlare di "guerra" di religioni.
    Primo Levi diceva: chi non conosce - e dico io:chi non ri-conosce - la propria storia è condannato a ripeterla.
    Se si continua a vedere il nemico ovunque quale futuro avremo?

    RispondiElimina
  28. Questa storia che Obama è Musulmano la tirò fuori Fox News durante la campagna elettorale, fu smentita immediatamente dopo ma bastò per creare confusione e dirottare qualche voto.

    Ormai è una stupidaggine che non ripete quasi più nessuno. Obama e consorte fanno infatti parte della chiesa Cristiana "Trinity United Church of Christ in Chicago" che per quanto criticabile è e rimane una chiesa Cristiana.

    Questa del nome Hussein poi mi è nuova. Hussein significa "bel ragazzo"...
    Ma se anche avesse significato altro, il nome di una persona lo scelgnono i genitori! Io stesso avrei potuto essere stato chiamato "Cristiano" pur non essendo appunto un Cristiano.

    Il padre di Obama era musulmano, ma la madre (che ha poi divorziato) era Atea. Non ho capito perchè Obama deve essere considerato Musulmano come suo padre... Io penso invece che sia Ateo come sua madre! Tanto è vero che per la prima volta ha nominato i "non credenti" nel suo primo discorso ufficiale.

    Per quanto riguarda la lingua non siate ridicoli: ognuno parla nella lingua che sa.
    State proponendo di limitare la libertà di espressione degli individui! Ma non vi hanno insegnato niente alle scuole medie?
    Questi bambini vanno a scuola in Italia e impareranno quindi l'Italiano. Cosa c'è di male se i genitori desiderano non fargli perdere la lingua, la religione e la cultura d'origine?

    Quando questi ragazzi cresceranno avremo dei Martinsicuresi DOC in grado di capire la cultura e di parlare la lingua Araba. Vi pare poco? E' una risorsa incredibile...

    RispondiElimina
  29. mussulmano o musulmano si tratta di espressioni entrambe corrette.( preferisco la prima che è pià calda ed originaria)
    Hussein o Cristiano o Mohamed sono tipici nomi che indicano l'origine religiosa ,
    ciò non significa che un tale che si chiami Mohamed non possa essere ateo o ebreo ; quanto a questi non mi è ancora capitato di conoscerne uno che si chiami come un mus(s)ulmano .
    La storia ci dice che tutte le n/s Religioni non sono state avulse dalle guerre ; in una , a casa nostra , quella di Sisto IV (se ben ricordo il nome ) contro Lorenzo Il Magnifico.
    ciò nonostante , non solo religione, ma giova molto l'educazione civica ( e non ricordare la costituzione ) purtroppo , entrambe NON VENGONO INSEGNATE A SCUOLA !
    quindi nulla-osta che l'attuale Amministrazione Comunale abbia acconsito di mettere a disposizione dei locali, ( alla luce del sole ) per favorire l'insegnamento del Corano ma era meglio farlo a SCUOLA con insegnanti RICONOSCIUTI- titolati - come si fa per i bambini italiani ( e sarebbe stato molto più corretto )
    L'attuale amministrazione , ritengo sia stata un pò leggera ; ancora più leggera quando , per quel che mi risulta , non siata in grado di piazzare I MEDIATORI CULTURALI pur favoriti da un progetto della Provincia di Teramo, presso cui abbiamo un n/s rappresentante ( segno che è di poco peso )
    Quanto al fatto che avremo Martisicuresi DOC , sinceramente lo dubito ; posto che , per quel che si vede , non c'è integrazione nella vita quotidiana ; c'è rispetto, ma non integrazione ; i bambini italiani in età scolare , per quel che mi consta , preferiscono frequentare gli italiani.( motivo ? )
    Ecco perchè una siffatta iniziativa , fuori dal controllo istituzionale , potrebbe essere vista come un ulteriore elemento di differenzazione ; e bene hanno fatto i molti martinsicuresi ad evidenziarlo anche se con ironia o disprezzo .
    Mi auguro che le forze politiche , e quì mi rivolgo a quelle di opposizione , posto che in quelle di maggioranza è inutile parlare ( e prima se ne vanno è meglio è ) , facciano una interrogazione consiliare e chiedano lumi sull'argomento che hanno portato ad una non migliore scelta politica.
    purtroppo ancora anonimo.

    RispondiElimina
  30. rispondo all anonimo di "domenica 23 maggio 2010 13.29.00 GMT+02.00"
    Caccerei io a calci chi affida l'insegnamento del corano,
    ad un talebano che fà proseliti terroristici.
    L'insegnamento del corano è giusta, ma solo se affidata
    ad istituzioni Islamiche riconosciute legalmente in Italia.
    Questa è una questione di sicurezza nazionale,
    pensiamoci bene prima di agire.

    RispondiElimina
  31. sull'insegnamento della Costituzione a scuola, nella scuola di martinsicuro, sei informato male...molto male

    RispondiElimina
  32. Chi affida l'insegnamento del Corano "...ad un talebano che fà proseliti terroristici..." non va cacciato a calci dall'Italia: va cacciato a calci in galera.
    Va cacciato a calci dall'Italia chi, dopo aver chiesto (e ottenuto) a una pubblica amministrazione l'uso gratuito di locali pubblici per insegnare il Corano in arabo ai bimbi senegalesi con propri docenti, praticamente al di fuori di ogni controllo pubblico, fa affermazioni del tipo "...se poi volete affidare l'insegnamento ad un Talebano, la colpa è solo vostra, dopo non vi lamentate...", come se nei casi "deviati" già verificatisi qua e là per l'Italia a designare i "docenti" fosse stato Napolitano o Berlusconi o un qualsiasi altro rappresentante istituzionale dell'Italia stessa.

    Un'ultima riflessione: quanto ormai in atto, secondo voi, spinge i bambini a una interpretazione in chiave di "integrazione" o di ulteriore "differenziazione"? E se, per assurdo, una simile proposta l'avesse fatta la Lega Nord, sarebbe stata interpretata come un passo verso l'integrazione o un tentativo di ulteriore ghettizzazione?

    RispondiElimina
  33. signori! si tratta solo di catechismo... accettate che il mondo non è fatto di esseri identici l'uno all'altro e andate avanti! certi utenti dimostano una chiusura mentale che nemmeno negli anni venti... e mettevi un nome che non si capisce neppure a chi si deve rispondere

    RispondiElimina
  34. Gibo! Il problema non è nel merito! Ma nei metodi!

    Che tu per conto tuo faccia tutto ciò che la Costituzione ti riconosce come diritto inalienabile, nessuno vuole negartelo. E puoi farlo in arabo, sanscrito, swahili, maori, o come meglio preferisci; assumendotene in solido la responasabilità, com'è normale che sia.

    Ma che tu lo faccia chiedendo supporto alla pubblica amministrazione senza che quest'ultima ti ponga dei paletti ben precisi, e questo alla luce - purtroppo - di precedenti ben precisi, è tutt'altra cosa. A maggior ragione se alla storia viene data visibilità mediatica.
    E' una questione di messaggi di principio ben precisi, tutto qui.

    Io a casa mia posso organizzare una festa aperta a tutti dove si bevono superalcoolici; se la voglio fare in una struttura pubblica devo garantire che i superalcoolici non ci saranno e far sì che possano essere effettuati gli opportuni controlli. Tutto qui.

    RispondiElimina
  35. Gibo dice una cosa giusta, con tutti questi anonimi
    non si capisce più una mazza !!!

    però sticazzi al catechismo, se ci mettete degli
    insegnanti che istigano all' odio verso l'occidente,
    mica mi và bene...

    cmq. l'islam è una grande religione, che farebbe bene a tutti,
    soprattutto alle signorine nostrane,
    visto e considerato che la chiesa cattolica
    si è "calata le braghe" più di una volta.

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

Ma alla fine, chi vince?

Chi è il favorito di queste elezioni? Esistono indizi per determinare quale candidato ha migliori chance? Per rispondere a simili domande la cosa migliore da fare è sempre quella di partire dai dati delle precedenti elezioni comunali per trovare analogie utili al ragionamento. Un tuffo nel passato, in pratica.

Elezioni comunali Martinsicuro 1993
Biagio Prosperi: Voti 811
Corsi Giovanni: Voti 540
Vallese Gianfilippo: Voti 2.256
Ignazio Caputi: Voti 4.120
TOTALE Voti Validi: 7.727

Elezioni comunali Martinsicuro 1997
Ignazio Caputi: Voti 2.414
Abramo Micozzi: Voti 2.853
Enzo Pierantozzi: Voti 2.837
TOTALE Voti Validi: 8.104

Elezioni comunali Martinsicuro 2002
Leonilde Maloni: Voti 4.506
Abramo Micozzi: Voti 3.326
TOTALE Voti Validi: 7.832

Elezioni comunali Martinsicuro 2007
Abramo Di Salvatore: Voti 3.259
Paolo Camaioni: Voti 2.540
Mauro Paci: Voti 1.410
Ignazio Caputi: Voti 977
Angelo Moscardelli: Voti 160
Emiliano De Mattheis: Voti 113
Totale Voti Validi: 8.449

Prendendo come punto di riferim…

Il problema di chi vola

Il blog ha ricevuto questa mail.

INIZIO CITAZIONE Ciao, chi vi scrive è un ragazzo di 34 anni di Martinsicuro.
Non sono molto “attivo” nella vita del paese, spesso osservo un po' rassegnato gli eventi aspettando che qualcosa finalmente cambi.
Non sono molto attivo nella vita sociale di Martinsicuro ma mi dedico assiduamente ai miei sport: la moto ed il volo. Si, avete capito bene, sono uno di quelli che svolazza in lungo ed in largo sopra la spiaggia di Martinsicuro appeso a quella specie di lenzuolo con quel ventolone un po' rumoroso. Insieme a me ci sono altri amici, padri di famiglia, scapoli incalliti o più semplicemente appassionati di volo, persone che dedicano il loro poco tempo libero alla pratica di questo sport cosi bello e particolare.
Potrei raccontarvi per ore delle mille avventure nei cieli del centro Italia, potrei descrivervi alcune cose che solo dall'alto si riescono a vedere e forse potrebbe essere l'occasione per far passare un brutto quarto d'ora …

Vivere a Martinsicuro

Offriamo un punto di contatto a Susanna.
INIZIO CITAZIONE
Buonasera ho acquistato una casa a martinsicuro e mi piacerebbe conoscere un pò questa città parlando con chi ci vive e ci lavora già. Anche perchè mi sembra di capire che di "problemini" ce ne sono abbastanza. Il mare e il sole sono stupendi, il resto si può migliorare.
Grazie Susanna
FINE CITAZIONE