Passa ai contenuti principali

Succede

A quest'ora bisognerebbe già aver capito che non c'è nessun'analisi politica da fare su uno svitato che picchia il Presidente del Consiglio. Per non parlare poi dei miracoli.

PS
Il link, qui a destra, sono stati rinnovati. L'elenco vede prima i giornali internazionali poi, secondo la classifica di Blogbabel, i blog italiani più popolari. Quelli locali sono stati, come al solito, "potati" dei blog morti o moribondi.

PS2
I commenti con firma "anonimo" sono una cosa priva di senso. Basta mettere un nome, una sigla, un numero per fare in modo che una discussione possa svolgersi senza confusione. Nessuno vuol sapere il nome di chi commenta e nessuno può saperlo, ma se si scrive qualcosa è bello anche dare agli altri la possibilità di rispondere fornendogli un riferimento univoco. Si tratta di buona educazione, tutto qui.

Commenti

  1. Comunque sia voi dite la vostra che io dico la mia.... le affermazioni di Di Pietro, sono da celebro leso.

    RispondiElimina
  2. Dimostrazione di quanto poco abbia in zucca Di Pietro. Una cosa sarebbe stata difendere un atto politico dimostrativo e magari violento, ma un'altra è difendere le ragioni di un matto tanto per dire che -il nemico del mio nemico è mio amico".

    RispondiElimina
  3. Che il Tonino nazionale sia un minus habens lo sanno anche i larici foderati di stagnola di via Roma. Quello che indispone è che il Partito Democratico continui a farsi rappresentare da oggetti striscianti non identificati come Rosy Bindi! Quale vera alternativa?

    RispondiElimina
  4. va bè....si possono sopportare le facce da "post disastro biblico" di Bonaiuti e Biondi....direi si può sopportare anche lei....

    RispondiElimina
  5. e bossi che parla di "atto terroristico"? ma di cosa stiamo discutendo? tartaglia è uno di quei matti che un giorno si svegliano e cominciano a sparare dalla finestra sui passanti.

    RispondiElimina
  6. Fischia! Prevedo forti spaccature anche oggi. Allora, riepiloghiamo:
    1) Non si tratta di atto terroristico;
    2) Tartaglia è l'ennesimo effetto nocivo della legge Basaglia;
    3) Non servono i lacchè;
    4) Non è opportuno minimizzare su un atto del genere, perchè se Tartaglia è matto su Facebook se ne contano più o meno 20.000;
    5) Il mezzadro di Montenero di Bisaccia e l'asina di Sinalunga avrebbero fatto meglio a tacere!

    RispondiElimina
  7. Dai Higlander quelli che si iscrivono ai gruppi idioti di facebook sono solo pesone che non hanno ben chiaro il concetto di responsabilità civile su internet!!!!!!! Per molti ragazzi iscriversi al gruppo -uccdiamo il berlusca- o -w la gnocca- è la stessa identica cosa. Basta sentirisi parte di un grosso branco. Credimi quelli non sanno nemmeno qual'è il nome del Presidente della Repubblica.

    RispondiElimina
  8. Sono d'accordo con te, Luca. Ma spesso la violenza germoglia proprio dall'ignoranza.
    E allora è bene guardarsi attentamente da chi ignora il nome del Presidente della Repubblica: potrebbe essere il primo a scagliare il sasso (o se preferite il Duomo di Milano)contro chiunque!

    RispondiElimina
  9. per highlander:
    ma che persona sei?
    "oggetto strisciante non identificato", "mezzadro", "asino"...
    Tu hai qualche grosso problema relazionale...

    RispondiElimina
  10. Purtroppo per te la mia vita relazionale è piuttosto intensa se è vero come è vero che le definizioni un pò crude che ho dato ai due soggetti non sono mie, ma mi sono state riferite in tempi non sospetti dai miei amici toscani e molisani che conoscono il loro percorso e che non sono certamente lustrascarpe del premier. Ringrazio questo blog per l'ospitalità. E' uno spazio che sta crescendo e che dimostra giorno per giorno di essere la voce più autentica di Martinsicuro.

    RispondiElimina
  11. Sottotitoli del TG di oggi: "Berlusconi, notte travagliata".
    Pure nel sonno lo tormenta. L'ha proprio preso di mira...

    RispondiElimina
  12. Bellina la barzelletta :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …