Passa ai contenuti principali

Errori di sistema

E' successo quello che non sarebbe dovuto accadere (nuovamente). Oltre alla tragedia, ora ci saranno conseguenze di cui tutti ci accorgeremo.

Commenti

  1. Un giovane è morto assurdamente, il blog presenta un post per riflettere ed esprimersi e questo fenomeno di "anonimo" qui sopra si occupa di fumetti e "ministronze". Qui troviamo risposta al perchè accadono questi fatti..... partono da molto lontano le cause!

    RispondiElimina
  2. Quali campi ROM? Ad Alba Adriatica non ci sono campi rom e neanche a Villa Rosa o Martinsicuro, questi maledetti vivono comodamente in case che il fisco dovrebbe giustificare, ma non lo fa. Guidano belle auto ceh i carabinieri non fermano mai. fanno feste a tutte le ore della notte, bloccano le strade e la Polizia non interviene mai. Penso che quello che è accaduto ieri sera sia la normale conseguenza e spero vivamente che non si fermino ma vadano fino in fondo. RIPRENDIAMOCI I NOSTRI PAESI. La lega al diavolo sono solo dei viscidi parassiti.

    RispondiElimina
  3. Sono stato ad Alba Adriatica e chi ti vedo a protestare davanti il comune? Gli Zingari.
    Protestavano perchè le loro case non sono state difese e le forze dell'ordine non hanno fatto il possibile... MA QUESTI IDIOTI DOBBIAMO SOPPORTARLI ANCORA PER MOLTO? Chi di noi non ha chiamato i carabinieri per disturbo alla quiete pubblica da parte di queste bestie e non hanno visto nenache l'ombra dei carabinieri? BASTA!

    RispondiElimina
  4. E che cosa volevamo aspettarci da questa situazione? E' ovvio che prima o poi il pentolone sarebbe esploso. E se addirittura la reazione è stata innescata dal secondo assurdo omicidio, compiuto da certa gente a distanza di poco tempo e per stupidi motivi, non credo ci si possa meravigliare...
    Forse è anche l'unico modo per far sentire la propria voce ed indurre chi di dovere a difenderci come si deve!
    E, per favore, smettiamola con la storia dei razzisti....

    RispondiElimina
  5. Per condividere altre news basta inserire un link.
    Servono solo due istruzioni di html che trovate in rete ed incollare il tutto nel box del commento.
    Un link è più importante di una citazione.

    RispondiElimina
  6. Anch'io sono passato dalle parti di Alba ieri sera. Vi assicuro che i danni alle abitazioni sono veramente poca roba. Applicando qualche tasso usurario sui prestiti e spacciando un pò d'eroina dovrebbero ripagarseli con un paio d'ore di lavoro. Se questi sono i risultati dell'integrazione se ne tornino nelle roulotte. Per ribaltarle si fa meno fatica

    RispondiElimina
  7. ora o mai piu ha detto...
    ... RIPRENDIAMOCI I NOSTRI PAESI. La lega al diavolo sono solo dei viscidi parassiti.


    Cerca di non generalizzare. Con i paraocchi ideologici non si va da nessuna parte. O meglio: si va di male in peggio, visto che i parassiti sociali sono sempre proliferati grazie anche e soprattutto ai parassiti politici di qualunque colore che finora abbiamo delegato noi stessi a governarci.
    "RIPRENDIAMOCI I NOSTRI PAESI" è stato il filo conduttore di tutti gli interventi fatti finora su questo blog dalla LNAVV (Lega Nord Abruzzo Val Vibrata, per chi ancora non lo avesse capito). Va di nuovo specificato che la LNAVV è una nicchia politica un po' a sé all'interno della LNA: sono un po' gli "eretici" di turno. Non a caso è in corso un'operazione di delegittimazione interna e di smantellamento di questa corrente di pensiero. Il comunicato-stampa riportato non è LNAVV, ma LNA. Dovrebbe uscire a breve qualcosa di simile dalla LNAVV (se uscirà!), dove di nuovo solo un idiota o un fazioso (tertium non datur... e W il Latino!) potrà non capire che la LNAVV rifugge ogni tentazione di strumentalizzazione politica di simili tragedie (come penso ci si debba almeno dare atto con il caso De Meo). La differenza fondamentale tra LNA e LNAVV sta nel fatto che per i primi esistono i "salvatori della patria", per i secondi esiste "la patria"; nel comunicato LNAVV questo concetto è inequivocabilmente sottolineato.
    Riflette comunque il vero affermare che la LNA si è mossa presso le istituzioni preposte inviando al Ministero dell'Interno un documento a suo tempo redatto dalla LNAVV (anche se emendato "per necessità di sintesi" dei suoi contenuti socio-politici alternativi e "trasformato" nell'ennesima richiesta di aiuto allo Stato).

    Infine: se il tuo grido di rabbia era da intendersi politicamente "tout court", ossia come un 'FANCULO esteso a qualsiasi partito politico... allora c'è ancora spazio per discutere... visto che ormai, da notizie che mi giungono da altre parti dell'Abruzzo, sembra inevitabile la resa dei conti all'interno della LNA. Abbiamo scarse possibilità di spuntarla noi (soprattutto dopo questo intervento), ma quelle poche carte che ancora abbiamo in mano vogliamo giocarcele tutte. Siamo di mentalità rugbistica: esiste la sconfitta, mai la resa.

    RispondiElimina
  8. Quotidiano La Repubblicagiovedì, novembre 12, 2009

    ALBA ADRIATICA (Teramo) - Il giorno dopo l'assalto al quartiere rom di Alba Adriatica, tocca ai nomadi protestare chiedendo al comune più protezione e garanzie su chi pagherà i danni causati dalle violenze di ieri sera.

    Nella cittadina abruzzese sembra tornata la calma. Hanno trascorso la prima notte in carcere, in isolamento, Danilo Levakovic e Sante Spinelli, i due rom di Alba Adriatica arrestati con l'accusa di aver ucciso il commerciante 37enne Emanuele Fadani nel corso di una rissa. A breve dovrebbero essere interrogati dal gip del tribunale di Teramo, Marina Tommolini, che ha firmato le ordinanze di custodia cautelare chieste dal sostituto procuratore Roberta D'Avolio.

    Nel corso dell'interrogatorio davanti al pm, i due hanno negato responsabilità e addirittura il contatto fisico con la vittima, riferendo che a colpire il commerciante sarebbe stato Elvis Levakovic, il terzo giovane accusato e tuttora latitante.

    Una ventina di persone, tutte appartenenti a nuclei familiari di etnia Rom, hanno sostato e protestato questa mattina davanti al Municipio di Alba Adriatica. I NOMADI, che volevano incontrare il Sindaco, HANNO CHIESTO L'INTERVENTO ECONOMICA DEL COMUNE A RISARCIMENTO DEI DANNI SUBITI dopo la sommossa, animata da oltre 200 cittadini, all'indomani della morte dell'imprenditore vittima di pestaggio da parte di tre giovani zingari.

    Sostenendo di non essere coinvolti nell'accaduto, alcuni manifestanti hanno rivolto un appello alle forze dell'ordine che hanno il dovere di proteggere la comunità rom da eventuali aggressioni. Intanto un appello "alla pacificazione" è stato lanciato dal comandante provinciale dei Carabinieri di Teramo, tenente colonnello Antonio Salemme, in una conferenza stampa.

    "I due omicidi fotocopia commessi da giovanissimi rom, se da un lato devono costringere la comunità nomade a una forte riflessione - ha detto il comandante -, dall'altro deve indurre chi ieri sera ha reagito sotto un impulso comprensibile, ma non giustificabile, a chiedersi quale messaggio può passare verso i minori che vivono in quelle abitazioni attaccate nella protesta.
    La violenza non può essere la risposta alla violenza: la risposta la dà lo Stato e vi assicuro che l'attività di prevenzione è di grande efficacia in questo territorio".

    RispondiElimina
  9. Si l'attività di prevenzione è di grande efficacia, ma il comandante Salemme mi dovrebbe dire anche perché quando chiami e di mezzo ci sono gli zingaro NON INTERVENGONO MAI, a quanto ho sentito nenche la sera dell'omicidio...

    RispondiElimina
  10. Un novello Prefetto Mori riuscirebbe solo a evitare che il cancro produca nuove piaghe. Una volta allentata la "cura", saremo di nuovo puntoeacapo. Come è normale che sia.
    Ripeto: le civiltà si salvano da sole o non si salvano.
    Purchè si riscoprano "civiltà".

    RispondiElimina
  11. 'Azz! Sono intervenute le istituzioni? Lesa Maestà?

    RispondiElimina
  12. Scusate, ma io non amo le polemiche a priori. Leggo sempre Mcity, ma cerco sempre di evitare di rispondere... a volte però proprio non resisto.
    1-Ragazzi, tutti a dire male dei politici, sempre; quando poi, all'atto pratico, se si pensa bene, questi politici chi l'ha votati, lo Spirito Santo? NO. Li abbiamo votati noi, le nostre famiglie, i nostri conoscenti e loro rappresentano lo specchio della società moderna, con i suoi pregi (pochi) e difetti (tanti).
    2- mi riferisco ora alla polemica della Lega Nord; che colpa ha un sindaco se tre rom decidono di picchiare una persona? Giovannelli è forse Chuk Norris? Quel povero Cristo secondo me non dorme la notte ripensando a ciò che è successo nel suo paese; stessa cosa credo sia per il nostro Sindaco Di Salvatore, quando successe la tragedia di Antonio
    3-se i politici non dicono niente dopo questi atti di violenza sono dei menefreghisti.
    se dicono qualcosa sbagliano comunque perchè sono avvoltoi. è facile criticare sempre e comunque
    4-QUESTO I NOSTRI POLITICI SE LO DEVONO METTERE IN TESTA O POTREBBERO RITROVARSI COME PROSSIMI BERSAGLI: Complimenti, dalle parole alle minaccie; se questo è il livello costruttivo di un intervento apriti cielo. Farsi giustizia da solo ti mette sullo stesso piano dei delinquenti che si prendono la libertà di massacrare uno di botte, solo perchè è diventato temporaneamente un bersaglio.
    buona serata a tutti
    ps quando si espone una critica, sarebbe bene anche assumersi la responsabilità delle proprie parole

    RispondiElimina
  13. Alcuni commenti a questo post sono stati rimossi.

    RispondiElimina
  14. Alcuni commenti a questo post sono stati rimossi:
    Giustamente quando la liberta di stampa si scontra con la ..fede

    RispondiElimina
  15. Il perbenismo ha vinto ancora... al prossimo omicidio.

    RispondiElimina
  16. Tra i politici bersaglio e un povero cristo che andava a lavorare c'è un'enorme differenza: il secondo è stato colpito senza nessun motivo. I nostri politici si assumono delle responsabilità quando decidono di impegnarsi in un'arte come quella di occuparsi del bene comune. Da decenni quest'arte è stata bistrattata e negli ultimi tempi abbiamo dovuto assistere al crollo morale delle istituzioni. Ora sono convinto che questi personaggi abbiano ben poco da dimostrare e ancor meno da dichiarare. Quindi sono completamente d'accordo con chi li etichetta AVVOLTOI. Di Stanislao, Rasicci e co. non possono tornare sulla terra e dirci cose che sappiamo e come dobbiamo comportarci, DEVONO RISOLVERLE ALTRIMENTI TORNATE NELLE VOSTRE LUSSUOSE CASE. Dato che sono in molti ad avere l'interesse affinché le cose rimangano in questo modo, allora solo il popolo può e deve "rompere" tali sistemi. Non è possibile che il sistema giudiziario continui a funzionare in questa maniera, non è possibile che le forze dell'ordine siano divenute un "cuscinetto" tra diritti dei cittadini calpestati e diritti di una classe politica interessata solo a conservare il proprio status quo, non è possibile continuare a calpestare la parte buona ed operosa del paese: mi sembra normale che questi un giorno "si incazzino". Troppo facile equipararli agli zingari senza aver provato un secondo a vivere con la gente ed ascoltare le loro semplici e ragionevoli rivendicazioni: il rispetto delle regole da parte di tutti.
    In questo blog più volte ho fatto presente che tra la gente serpeggi la rabbia e l'insofferenza, poi accadono cose imprevedibili (per chi non abita sulla terra) e inizia la "guerra tra poveri", ma il bersaglio vero viene sempre mancato: La testa.

    RispondiElimina
  17. I commenti rimossi erano inviti alla violenza o dileggiavano persone.
    Chi vuole può sempre aprirsi un bel blog dove dice tutto quello che gli pare senza nessuna regola di civile convivenza.

    RispondiElimina
  18. http://www.youtube.com/watch?v=n7s0Gl6wLKL

    vedetevi questo video per capire che la gente è stufa marcia e inizia farsi sentire.
    Quando dobbiamo aspettare per avere una presa di responsabilità da parte di chi si è assunto il dovere di dare delle soluzioni.
    A quello che possiamo vedere nel video dobbiamo aggiungere il fatto che chi oggi si laurea in medicina (salvo interventi dall'alto) non ha nessuna speranza di poter lavorare in un ospedale abruzzese ed è costretto ad emigrare insieme a chi è malato in altre regioni se non in altri paesi. Bella roba, e poi dite che si fanno delle minaccie a parlare di PROSSIMI BERSAGLI... ma fatemi il piacere.

    RispondiElimina
  19. Oggi sono statti concessi gli arresti domiciliari ai due ragazzi martisicuresi che l’estate dell’anno scorso avrebbero stuprato una ragazzina milanese in vacanza nel nostro Comune.
    Questa è una buona notizia perché questi ragazzi hanno potuto abbandonare il Centro per Minori in cui erano reclusi e tornare nelle loro case.
    Spero che insieme ai loro genitori, avranno il tempo ed il modo per riflettere su ciò che è successo ed avviare quei cambiamenti nei loro animi e nei loro comportamenti affinchè il rispetto e la sacralità di ogni persona, specie di una ragazzina indifesa, siano anche loro valori.
    Anche a queste famiglie dobbiamo far sentire la vicinanza della nostra comunità, specie se un suo membro ha commesso un atto di violenza inaccettabile.
    Non dobbiamo costruire mostri, ma creare le condizioni per cui anche chi ha commesso certi fatti riesca a creare una distanza fra se e quegli atti, e non vi rimanga schiacciato per tutta la vita. Questo secondo me è il senso non secondario di una Comunità, della nostra comunità cittadina.

    Ma, detto questo, mi vengono altre riflessioni che voglio condividere:
    -perché di fronte a questo FATTO GRAVISSIMO tutta la “società civile martinsicurese” ha messo in atto una operazione di RIMOZIONE COLLETTIVA, – e lo scrivo senza moralismi di maniera - invece porsi domande serie? (Questa volta i responsabili non sono i soliti “diversi”, extracomunitari o rom, ma nostri figli…. Se gli autori fossero stati albanesi o rom, sicuramente ci sarebbe stato almeno un forte fermento con parole di fuoco, tuoni e fulmini…) Se l’unica reazione della nostra Comunità è quella che ho potuto leggere sulla cronaca locale in una intervista al Sindaco Di Salvatore (vi invito a pubblicarla) …
    -oppure, quanto avvenuto è solo il frutto di leggerezza o esuberanza giovanile e, magari, la ragazzina “milanese” se l’era cercato….?
    -o pensiamo forse che una riflessione seria e profonda sulla cultura in cui è intrisa la vita di gran parte dei nostri giovani e su stili di vita ormai maggioritari, è solo una perdita di tempo o accademia, e solo una Amministrazione Comunale diversa, “giovane” e “del fare”, potrà dare vivibilità e civiltà a Martinsicuro?
    -perché neppure un intervento con qualche riflessione non banale e proposte sensate su Martisicurocity?

    Grazie per l’ospitalità

    RispondiElimina
  20. In linea di principio questo ragionamento non fa una grinza. La differenza sta tutta nel risultato finale: i rom hanno ammazzato come cani due persone inermi nel giro di 90 giorni! E non aggiungo altro.

    RispondiElimina
  21. Ci risiamo. E' colpa delle istituzioni.

    http://coopofficina.splinder.com/post/21681843/I+responsabili+morali+di+un+om

    RispondiElimina
  22. " I ROM HANNO AMMAZZATO COME CANI...." è una espressione di RAZZISMO inaccettabile!
    Scompaiono le persone, con le proprie responsabilità anche gravissime (come i questi casi), e TUTTI GLI APPARTENENTI AD UNA RAZZA vengono accomunati e criminalizzati in blocco.
    A quando le deportazioni e i cartelli nei locali di Martinsicuro "VIETATO L'INGRESSO AGLI ZINGARI" ? E perchè non aggiungere anche i NEGRI, GLI ARABI, GLI ALBANESI? E perchè lasciare fuori i NAPOLETANI? Di questo passo grottescamente la lista può essere allungata a piacimento...
    Chi si firma "highlander" dovrebbe riflettere su dove portano le espressioni cui è solito, e che neanche i fatti recenti, il bestiale assassinio di due persone inermi, possono assolutamente giustificare.
    Non hanno alcuna giustificazione nè ciò che è successo, nè le parole di odio che più d'uno continua imprudentemente a seminare!
    Se non sgombriamo da subito il campo da ogni traccia di razzismo, i risultati sono già stati scritti, e la Storia con le guerre e i campi di concentramento è ancora là a ricordarcelo.
    Invece, aprire una discussione civile sul "PROBLEMA ROM", perchè purtroppo tale è sotto molti aspetti, possiamo e dobbiamo farlo, e magari concordare su quali misure mettere in atto contemporaneamente sul terreno di una seria e puntuale repressione della illegalità e delle iniziative concrete di integrazione specie per i giovani.
    Ciò ha senso solo se tutti ci apriamo ad una comprensione approfondita dei problemi e delle loro vere cause, e proponiamo soluzioni che rispettino la dignità di tutte le persone, e siano garantiti la sicurezza e la civile convivenza di tutti i cittadini.

    Grazie per l'ospitalità.

    RispondiElimina
  23. Il "razzismo" è già insito nella dichiarazione della Comunità Rom-Sinti sopra riportata. Sono loro stessi (o, mi viene il sospetto, voi stessi) che si definiscono diversi dal contesto in cui vivono. E il problema, almeno per il sottoscritto che è da sempre un "razzista" amante delle diversità che popolano questo mondo - e perciò contrario a ogni tentativo di omogeneizzazione - , non sta tanto nell'integrazione, quanto nella capacità di chi è ospitato di saper adeguare il suo comportamento alle tradizionali usanze di colui che lo ospita. Perchè, sia ben chiaro, a Martinsicuro e ad Alba i padroni di casa non sono i Rom, ma la gente del posto. E quando si va in casa d'altri, si porta rispetto e ci si adegua alle regole del padrone di casa. Non si chiede, addirittura impone, al padrone di casa di "capire" la propria realtà e di adeguare "casa sua" alle proprie necessità. Soprattutto non si usa questo discorso come alibi quando il padrone di casa ti becca sdraiato sul divano con i piedi appoggiati sul tavolo, quando è ben chiaro che in quella casa i piedi sul tavolo non sono ben accetti.
    E facciamola quindi finita una buona volta con questa ipocrisia dell'integrazione cha va cercata da chi ospita e non da chi è ospitato. La cittadinanza (e valga per tutti gli allogeni, in senso lato) è il fine del processo di integrazione, non il presupposto; l'effetto, non la causa; il premio, non l'incentivo.
    Quando anche gli autoctoni entreranno in questo ordine di idee senza correre dietro a stupidi e controproducenti schemi ideologici alieni alle necessità reali, forse qualcosa cambierà.

    RispondiElimina
  24. Di buone intenzioni, illustre sconosciuto, è lastricata la via dell'inferno e chi resta nell'anonimato per distribuire lezioncine di sociologia buonista che ha fatto tanti danni alla nostra società, non ha molto chiaro l'obiettivo. Di frasi come quelle sopra sono piene le fosse. Di tavoli, di cenacoli, di chiacchiere se ne sono fatte abbastanza. Quando sento parlare di riunirsi attorno a un tavolo mi viene l'orticaria. Mi dispiace per te, ma non sono razzista, non uso lo stampatello per farmi capire e mi firmo sempre così.

    RispondiElimina
  25. Due doverose risposte:
    1-ad highlander.
    Capisco come chi scrive rivolto ai rom "ritornino nelle roulotte, a ribaltarle si fa meno fatica..." possa farsi venire l'orticaria al solo pensiero di andare oltre uno slogan o banali luoghi comuni... Il razzismo è fatto così...!
    2-ad anonimo:
    Nessuno pensa che l'integrazione possa rendere omogenei popoli con culture e tradizioni millenari molto differenti. Basta girare per quartieri neanche troppo periferici di Londra, ove si vedono gli immigrati delle varie etnie che componevano l'impero britannico convivere l'una accanto all'altra, insieme ai londinesi, pur conservando i loro usi e costumi, la loro civiltà.
    Altra cosa è la maleducazione e l'inciviltà dei comportamenti, se non addirittura la violazione delle leggi.
    Penso che nell'epoca della Globalizzazione planetaria, la vecchia concezione dei confini nazionali (e quindi il concetto di ospite/ospitato) sia nei fatti cambiato, e ciò che le Comunità locali debbono difendere è la qualità della vita e della Civiltà da loro conquistate.

    Grazie per l'ospitalità

    RispondiElimina
  26. Chi scrive le belle parole con la maiuscola è il primo a calpestarle. Se poi ci si inchina anche alla globalizzazione, vuol dire che il vuoto ideale la fa veramente da padrone.
    Se sei così tenero di cuore affitta i tuoi appartamenti a queste persone. Ti auguro di partecipare a tutti i tavoli del mondo, così capirai che la qualità della vita si difende anche rendendo inoffensivi questi soggetti, caro il mio moralista.

    RispondiElimina
  27. ad highlander:
    per farla finita, leggiti nei giornali di oggi ciò che ha detto una persona insospettabile di buonismo o moralismo, il Presidente della Camera, l'on. Fini...
    Potrai trovarci qualche spunto di riflessione per le tue granitiche certezze, tu che certamente non hai il "vuoto ideale"...
    Auguri!

    RispondiElimina
  28. L'ultima volta che sono stato a Londra (più di 10 anni fa), di londinesi ne ho visti davvero pochi, anche in centro-città. Per vederli un po' numerosi sono dovuto andare per campagne, fuori Londra. Ma è la Nemesi storica di chiunque metta su un Impero: quello che guadagni nel breve periodo, lo paghi poi alla lunga in termini di civiltà. Ecco perchè, non essendo materialista, dico che non conviene fare gli imperialisti.

    Certo! Maleducazione, inciviltà, illegalità. Lo hanno detto anche i Rom sedicenti "perbene". Intanto aspetto ancora che denuncino alle legittime autorità qualcuno dei loro delinquenti, invece di nasconderli o bruciare motorini (rubati, ma guarda un po').

    "...ciò che le Comunità locali debbono difendere è la qualità della vita e della Civiltà da loro conquistate..." Appunto.

    RispondiElimina
  29. O mamma mia! Insospettabile chi?! Gianfranco Fini!! Il Magellano del globo politico italiano! Colui capace di far impallidire anche Protagora! L'unico calciatore nello stadio parlamentare che se fa goal e si toglie la maglia, sotto ne ha già un'altra!
    Occhio! Oggi te la gira buona. Domani potrebbe anche spararti.

    RispondiElimina
  30. Gli animi si son calmati, le poltrone ed i gradi son salvi, i blog raffreddati ma nessuno ha fatto nulla, siamo in standby... attendiamo la prossima vittima?
    Vent'anni fa - ho i capelli bianchi e non sono indigeno - la statale pullulava, la droga circolava, ed altro. Qualcuno ( da Giulianova ) provò a cambiare le cose, i media ne parlarono, tutto tornò nella normalità, una stella in più e poi il solito salto in città: tutto messo a tacere, punto e capo. Temo che bisogna rassegnarsi, la storia locale insegna. Domanda ingenua: chi gestisce tutti i traffici in zona, che peso politico ha?
    R: la mafia mondiale in sicilia, quella locale ...in loco. Dura Lex sed Lex.
    Bye

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

Ma alla fine, chi vince?

Chi è il favorito di queste elezioni? Esistono indizi per determinare quale candidato ha migliori chance? Per rispondere a simili domande la cosa migliore da fare è sempre quella di partire dai dati delle precedenti elezioni comunali per trovare analogie utili al ragionamento. Un tuffo nel passato, in pratica.

Elezioni comunali Martinsicuro 1993
Biagio Prosperi: Voti 811
Corsi Giovanni: Voti 540
Vallese Gianfilippo: Voti 2.256
Ignazio Caputi: Voti 4.120
TOTALE Voti Validi: 7.727

Elezioni comunali Martinsicuro 1997
Ignazio Caputi: Voti 2.414
Abramo Micozzi: Voti 2.853
Enzo Pierantozzi: Voti 2.837
TOTALE Voti Validi: 8.104

Elezioni comunali Martinsicuro 2002
Leonilde Maloni: Voti 4.506
Abramo Micozzi: Voti 3.326
TOTALE Voti Validi: 7.832

Elezioni comunali Martinsicuro 2007
Abramo Di Salvatore: Voti 3.259
Paolo Camaioni: Voti 2.540
Mauro Paci: Voti 1.410
Ignazio Caputi: Voti 977
Angelo Moscardelli: Voti 160
Emiliano De Mattheis: Voti 113
Totale Voti Validi: 8.449

Prendendo come punto di riferim…

Vivere a Martinsicuro

Offriamo un punto di contatto a Susanna.
INIZIO CITAZIONE
Buonasera ho acquistato una casa a martinsicuro e mi piacerebbe conoscere un pò questa città parlando con chi ci vive e ci lavora già. Anche perchè mi sembra di capire che di "problemini" ce ne sono abbastanza. Il mare e il sole sono stupendi, il resto si può migliorare.
Grazie Susanna
FINE CITAZIONE

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…