Passa ai contenuti principali

Dagli anni settanta

Antonio Lattanzi risponde alle domande di un utente del blog.

INIZIO CITAZIONE
Scusandomi per il ritardo dovuto alla difficile ricerca degli atti di data remota, rispondo alla richiesta fatta tramite questo blog sul depuratore di Martinsicuro da Adamo. Dai documenti visionati è stato possibile appurare che l'inizio dell'iter per la realizzazione dello stesso risale alla metà degli anni 60 e se oggi la burocrazia è lenta figurarsi allora. Tant'è che man mano che arrivavano fondi se ne chiedevano altri per ampliare la rete fognaria e il depuratore. Lo stesso iniziò a funzionare a cavallo tra gli anni 70 e 80. Successivamente ci sono stati lavori di ampliamento e risanamento. Per quanto riguarda la dislocazione che oggi crea non pochi problemi ai residenti limitrofi, bisogna dare atto che più di quarant'anni fa tutti i comuni costieri che iniziavano a realizzare depuratori prevedevano di farli più a valle possibile e questo è semplice comprenderlo. Infatti in mancanza di pompe di sollevamento l'unico modo era quello di scaricare i liquami a caduta. La conferma di ciò sta nel fatto che altri comuni della costa, ad esempio Giulianova, ha gli stessi nostri problemi. Inoltre crediamo che a quel tempo nessuno poteva immaginare una così enorme crescita demografica del nostro paese. Quindi da questo punto di vista non ci sembra che ci siano i presupposti per poter incolpare qualcuno di tutto ciò. E' ovvio che se poi dovessero esserci altri motivi di cui siamo ignari il discorso sarebbe diverso ma di questo non ne siamo a conoscenza. Più che altro riteniamo che bisogna lavorare per risolvere quei problemi che affliggono i residenti della zona. Le soluzioni sarebbero due: una è la dislocazione del depuratore o più ad ovest o a San Benedetto ma questo è un progetto che potrebbe vedere la luce tra tanti anni mentre nel frattempo gli olezzi continuerebbero a disturbare e non poco. L'altra soluzione sarebbe quella di ampliare il depuratore e renderlo sufficiente per raccogliere e smaltire tutti i liquami sia in inverno, sia in estate quando si creano i maggiori disagi viste le presenze turistiche. E per ampliare il depuratore probabilmente non occorrerebbe cercare terreni da espropriare in quanto c'è l'area dell'impianto della Fitodepurazione, un lavoro costato 1 miliardo delle vecchie lire ma mai entrato in funzione tant'è che il nostro gruppo consiliare aspetta ancora risposte ad una interrogazione consiliare fatta mesi e mesi addietro.Questa secondo noi potrebbe essere una ottima soluzione sempre in previsione, purtroppo con tempi incerti, dello spostamento dello stesso.Rimanendo sempre a disposizione di tutti coloro che tramite il nostro gruppo e tramite questo splendido blog chiedono chiarimenti, saluto caramente Adamo e tutti voi.
Antonio Lattanzi.
FINE CITAZIONE

Commenti

  1. che c'è, già si sente aria di elezioni???

    RispondiElimina
  2. Probabilmente. Questa risposta sà tanto di: "vi promettiamo che sposteremo il depuratore (ma non vi assicuriamo quando...)"

    RispondiElimina
  3. Il problema posto, è molto semplice, il depuratore andava costruito, hanno scelto un terreno, mi sembra di capire quello più comodo, comprendo anche che il depuratore non è una fabbrica di profumi o di ciprie, ma un sito dove lavorano reflui urbani e di conseguenza produce olezzi, cattivi odori, rumore e altro.
    Allora quelle costruzioni attaccate ad esso con i terrazzi che affacciano nelle vasche dei fanghi non andavano edificate, hanno rispettato le dovute distanza? e state attenti che quelli edifici non sono abusivi, qualcuno ha dato loro i dovuti permessi, e questi sono le persone che hanno sbagliato, il motivo è perché l’hanno fatto? hanno voluto agevolare qualcuno? oppure tutto ciò è stato fatto in buona fede (in politica non esiste la buona fede) senza capire i disagi che gli abitanti di quelle case andavano incontro? quindi sono stati dei pessimi politici, ora questi amministratori dove stanno, sono stati premiati? stanno ancora al loro posto e tirano i fili?
    Quelle costruzioni non sono compatibili con il depuratore, allora io la penso così: o si buttano giù le case o si butta giù il depuratore.
    Leggo che il Sig. Lattanzi dice che per eliminare i disagi si pensa di ingrandire il depuratore, ma dico siete matti?
    L’unico sistema costa poco, due tubi attaccati sotto il ponte della statale e si mandano questi reflui nel depuratore di Porto d’Ascoli, ma c’è un però non tiene conto degli interessi della Ruzzo S.p.A.

    RispondiElimina
  4. Quarda che di edifici costruiti con lo stesso criterio è pieno il paese: Il Grillo (abusivo, ma con il progetto approvato), il palazzo costruito da Tommolini a Villa Rosa vicino la ferrovia vi sembra una cosa normale? La casa in via Capri con i balconi che sporgono sulla strada? Il problema è che producono più "merda" i nostri politici che 17,000 abitanti. A quando un depuratore per questa classe politica?

    RispondiElimina
  5. Scusate l'errore: Guarda e NON Quarda...

    RispondiElimina
  6. Avete gli stessi amministratori che governavano il paese 20 anni fa, i cittadini di Martinsicuro continuano a premiarli pur criticandoli, vuol dire che sono contenti di come governano il paese, oppure è una clientela? boh valli a capire.
    Noi proprietari delle seconde case non possiamo votarli, poiché paghiamo le dovute tasse potremmo fare un referendum insieme a voi, sulla classe politica di Martinsicuro, forse ne vedremmo delle belle, così si capirebbe anche il motivo del perché si danno i propri appartamenti in affitto a tutti questi extracomunitari

    RispondiElimina
  7. E quale sarebbe il motivo? (oltre a quello di quadagnare qualche soldo)...

    RispondiElimina
  8. Scusate ma ho dei seri problemi di quadratura.

    RispondiElimina
  9. i motivi per il quale danno le loro case in affitto agli extracomunitari è semplice, da capire, pagano le tasse per intero pur vivendo pochi giorni all'anno(vedi quella immondizia, o ICI), non hanno i servizi adeguati, si accorgono di vivere in un paese che non li rispetta e che farebbe volentieri a meno di loro, rivendere gli appartamenti ci perderebbero dei soldi, quindi l’unica cosa e darli in affitto, e la richiesta del mercato è sola quella degli extracomunitari

    RispondiElimina
  10. W il libero mercato!
    E guai a chi ne mette in discussione le leggi!

    RispondiElimina
  11. adamo aspetta un commento, una risposta del Sig. Lattanzi

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

Ma alla fine, chi vince?

Chi è il favorito di queste elezioni? Esistono indizi per determinare quale candidato ha migliori chance? Per rispondere a simili domande la cosa migliore da fare è sempre quella di partire dai dati delle precedenti elezioni comunali per trovare analogie utili al ragionamento. Un tuffo nel passato, in pratica.

Elezioni comunali Martinsicuro 1993
Biagio Prosperi: Voti 811
Corsi Giovanni: Voti 540
Vallese Gianfilippo: Voti 2.256
Ignazio Caputi: Voti 4.120
TOTALE Voti Validi: 7.727

Elezioni comunali Martinsicuro 1997
Ignazio Caputi: Voti 2.414
Abramo Micozzi: Voti 2.853
Enzo Pierantozzi: Voti 2.837
TOTALE Voti Validi: 8.104

Elezioni comunali Martinsicuro 2002
Leonilde Maloni: Voti 4.506
Abramo Micozzi: Voti 3.326
TOTALE Voti Validi: 7.832

Elezioni comunali Martinsicuro 2007
Abramo Di Salvatore: Voti 3.259
Paolo Camaioni: Voti 2.540
Mauro Paci: Voti 1.410
Ignazio Caputi: Voti 977
Angelo Moscardelli: Voti 160
Emiliano De Mattheis: Voti 113
Totale Voti Validi: 8.449

Prendendo come punto di riferim…

Vivere a Martinsicuro

Offriamo un punto di contatto a Susanna.
INIZIO CITAZIONE
Buonasera ho acquistato una casa a martinsicuro e mi piacerebbe conoscere un pò questa città parlando con chi ci vive e ci lavora già. Anche perchè mi sembra di capire che di "problemini" ce ne sono abbastanza. Il mare e il sole sono stupendi, il resto si può migliorare.
Grazie Susanna
FINE CITAZIONE

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…