Passa ai contenuti principali

Alla fine

Berlusconi: «Viva l'Italia, Viva Berlusconi».

Commenti

  1. viva la Costituzione!

    RispondiElimina
  2. Ieri sera ho visto la trasmissione "parla con me" e all'interno ho ascoltato le considerazioni di Tolleranza Zoro che riconosceva l'inesistenza di una opposizione e inoltre la mancanza di una alternativa al governo Berlusconi. CONDIVIDO TOTALMENTE LA SUA VISIONE, la sinistra non esiste, o almeno, non esistono degni rappresentanti di una parte del popolo italiano. Di questo dovrebbero preoccuparsi gli elettori di sinistra e non gioire delle piccole battaglie vinte contro il nemico Berlusca che attualmente rimane L'UNICO E VERO RAPPRESENTANTE DI UN GOVERNO DEGNO DI TALE NOME con i suoi lati positivi e negativi.
    VIVA LA COSTITUZIONE, ma anche chi ogni giorno la onora con la sua vita. (grande Bertolaso e tutte quelle persone che il fiato lo usano per lavorare).

    RispondiElimina
  3. Per chi non lo avesse sentito, questa riportata qui sopra è il finale della dichiarazione -a caldo- di Berlusconi. Detta da uno che ha cercato di trincerarsi dietro una legge dichiarata anticostituzionale suona un filo fascista.

    RispondiElimina
  4. Bene con questa dichiarazione torniamo al binario morto dell'antiberlusconismo... di questo passo la destra governerà per i prossimi 50 anni.

    RispondiElimina
  5. Casini ha detto 60...

    RispondiElimina
  6. Il comunista in salsa sarda Diliberto ha detto a sua volta a Casini che se continua a permettere ai suoi deputati di assentarsi quando si votano i provvedimenti di legge del governo, Berlusconi dura 100 anni.
    Per me, visto lo spessore dei galli a cantare mixando il tutto con una spruzzata di Santoro e mezzo grammo di Travaglio, un paio di secoli di governo non glie li toglie nessuno.

    RispondiElimina
  7. Compagni senza classe, andate a vedervi questo...
    www.youtube.com/watch?v=kSSwZu5RcJU

    RispondiElimina
  8. Giusto, tutti zitti, sennò si corre il rischio che gli italiani più appecoronati si accorgano della vera natura di Berlusconi.
    Se una cosa fa schifo, bisogna dire: "fa schifo" senza girarci intorno, e le dichiarazioni di ieri del Presidente del Consiglio di una nazione democratica hanno fatto schifo.

    RispondiElimina
  9. Capisco la rabbia, ma intanto lui comanda... quando all'orizzonte ci saranno persone capaci di quadagnare la fiducia e il rispetto della maggioranza del paese, potremo mandare il Berlusca in qualche ospedale per dementi senili...

    RispondiElimina
  10. Ecco, allora bisognebbe iniziare a pensare che così non si può più andare avanti. Il pese è umiliato ogni giorno di più. Berlusconi va sfiduciato, perchè un presidente del consiglio non può non credere nel sistema democratico di cui fa parte. E poi tanto per essere precisi, in un paese democratico il popolo è sovrano e non il presidente del consiglio.

    RispondiElimina
  11. 1/2
    @ M. C. e @tutti i lettori
    Spiego (il mio punto di vista) perchè il popolo della sinistra non ha più rappresentanti.
    Questi ultimi (con rare eccezioni) si presentano come portatori di progresso e riforme
    a vantaggio dei lavoratori e dei ceti sociali meno abbienti ma nella loro ingnoranza in materia
    di economia monetaria e politica economica hanno in realtà passato tutto il potere che avevano,
    in mano ad altri. Forse non se ne sono nemmeno
    accorti. Si può comunque avere un legittimo dubbio:
    si è trattato solo di ignoranza?

    Hanno passato il potere legislativo in mano alla commissione europea
    che non è eletta da nessun cittadino europeo
    (il trattato di lisbona è stato firmato il 13 dicembre 2007 - governo Prodi)
    (la ratifica - luglio 2008 - è merito del governo berlusconi)

    Hanno passato la sovranità monetaria in mano alla banca centrale europea
    (il passaggio all'euro è un regalo del governo prodi)

    Hanno passato quel che rimane della sovranità monetaria italiana
    in mano alla banca centrale italiana
    (governo prodi - dicembre 2006)

    Vi descrivo quest'ultimo punto: con il D.P.R. 12 dicembre 2006 (era il tempo del governo Prodi, guarda caso,
    e il Presidente della Repubblica è Giorgio Napolitano, in carica già dal maggio di quell'anno)
    è stato approvato il nuovo statuto della banca d'italia e in particolar modo vi presento come è
    stato modificato l'articolo 3.

    L'articolo 3 (prima del D.P.R. 12 dicembre 2006).
    Il capitale della Banca d’Italia è di 156.000 euro rappresentato da quote di partecipazione di
    0,52 euro ciascuna (4). Le dette quote sono nominative e non possono essere possedute se non da:

    a) Casse di risparmio;
    b) Istituti di credito di diritto pubblico e Banche di interesse nazionale;
    c) Società per azioni esercenti attività bancaria risultanti dalle operazioni
    di cui all’ art. 1 del decreto legislativo 20.11.1990, n. 356;
    d) Istituti di previdenza;
    e) Istituti di assicurazione.

    Le quote di partecipazione possono essere cedute, previo consenso del Consiglio superiore,
    solamente da uno ad altro ente compreso nelle categorie indicate nel comma precedente.

    In ogni caso dovrà essere assicurata la permanenza della partecipazione maggioritaria al
    capitale della Banca da parte di enti pubblici o di società la cui maggioranza delle azioni
    con diritto di voto sia posseduta da enti pubblici.

    Il nuovo articolo 3 (dopo il D.P.R. 12 dicembre 2006).
    Il capitale della Banca d’Italia è di 156.000 euro ed è suddiviso in quote di partecipazione
    nominative di 0,52 euro ciascuna, la cui titolarità è disciplinata dalla legge.

    Il trasferimento delle quote avviene, su proposta del Direttorio, solo previo consenso del
    Consiglio superiore, nel rispetto dell’autonomia e dell’indipendenza dell’Istituto e della
    quilibrata distribuzione delle quote.


    Cioè, in sintesi, è stata eliminata la frase che obbligava la detenzione in mani pubbliche delle quote
    di capitale, della maggioranza delle quote. Questi hanno formalizzato il passaggio: da controllo
    pubblico a controllo privato di una delle più importanti funzioni democratiche quella del
    controllo/vigilanza della gestione del credito.

    RispondiElimina
  12. 2/2
    Potrei portare altri esempi; per ora voglio solo fare una precisazione. Oggi, nel sistema
    europeo di banche centrali (SEBC), nazionalizzare o privatizzare una banca centrale
    di uno stato non cambia molto. Di fondo rimane il fatto che la banca centrale europea
    indebita tutti i governi europei. Il capo di governo di un paese europeo può chiedere soldi
    in prestito al governatore di una banca centrale mentre il governatore di una banca centrale
    può decidere se prestare o meno. Chi ha più potere? il governatore della banca o il capo di governo?
    Potremmo anche concordare che questo è un bene se il governatore fosse un uomo saggio
    che lavora per il bene della sua gente ma questa è una storia diversa che non si è verificata
    e non si verificherà mai.
    Insomma, mi potrei sbagliare, ma tra i rappresentanti di sinistra non ho mai sentito dire
    qualcosa in materia di economia monetaria, che andasse a favore delle famiglie, dei piccoli
    e medi imprenditori, degli artigiani, degli operai, dei lavoratori in genere.
    E non solo non hanno detto mai niente in loro favore (nel campo dell'economia monetaria naturalmente)
    ma hanno fatto di tutto per andargli contro.
    A chiacchere sono bravi ma i fatti non lasciano spazio a dubbi.

    Per quanto riguarda il lodo Alfano, penso che tutti devrebbero rispondere delle loro azioni senza
    privilegi siano essi il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio,
    il Presidente della Camera o del Senato.
    Però penso che il problema Berlusconi è piccino rispetto ad altri mai
    menzionati da TV e giornali. Questi ultimi puntano il faro su sassolini
    e non sulle montagne.

    RispondiElimina
  13. OOOOOOOOOOOO, il problema è proprio questo: ci siamo ridotti a quardarci come due tifoserie allo stadio, che mentre si sfottono e se le danno di santa ragione pagando il biglietto, mentre spendono soldi per le TV a pagamento per quardarsi trasmissioni completamente inutili che trattano di errori arbitrali e rigori non dati alla fine dei giochi, mentre i giocatori quadagnano un sacco di soldi, si spupazzano le migliori fighe del momento, usano superbolidi che il più delle volte gli forniscono gli sponsor, si fanno le meglio vacanze gratis (si perché si fanno fotografare con le chiappe al vento e poi le vendono ai giornali e quindi ci si pagano la vacanza), mentre i presidenti di club spendono e spandono i soldi delle società per poi finire in bancarotta e scappare (con la borsa piena) a Santo Domingo, noi coglioni passiamo il tempo a leggere i giornali al bar e a sfotterci e darcele di santa ragione. In Politica è uguale solamente che non solo rimaniamo fregati noi tutti, ma anche i nostri figli e i figli dei nostri figli: pensate che possiamo continuare in questa maniera? Gli stolti sono loro o noi? Pensate che se Berlusconi va a casa e ritornano i vari Fassino, Rutelli, Franceschini la musica cambierà?
    Chi vuole continui a bersi la favola che è tutta colpa di Berlusconi, sicuramente non è un santo, ma nessuno degli attuali politici può dichiararsi vergine e il post di anonimo ne è una piccola dimostrazione.

    RispondiElimina
  14. Anonimo 50, Casini 60, Diliberto 100, highlander 200 (quest'ultimo esagera per deformazione soprannaturale... a meno che... noooo! McLeod! Affila la spada!).

    Già! Nessuno può dichiararsi vergine. E mi pare anche normale, fin quando si dirà messa in un bordello...

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

Ma alla fine, chi vince?

Chi è il favorito di queste elezioni? Esistono indizi per determinare quale candidato ha migliori chance? Per rispondere a simili domande la cosa migliore da fare è sempre quella di partire dai dati delle precedenti elezioni comunali per trovare analogie utili al ragionamento. Un tuffo nel passato, in pratica.

Elezioni comunali Martinsicuro 1993
Biagio Prosperi: Voti 811
Corsi Giovanni: Voti 540
Vallese Gianfilippo: Voti 2.256
Ignazio Caputi: Voti 4.120
TOTALE Voti Validi: 7.727

Elezioni comunali Martinsicuro 1997
Ignazio Caputi: Voti 2.414
Abramo Micozzi: Voti 2.853
Enzo Pierantozzi: Voti 2.837
TOTALE Voti Validi: 8.104

Elezioni comunali Martinsicuro 2002
Leonilde Maloni: Voti 4.506
Abramo Micozzi: Voti 3.326
TOTALE Voti Validi: 7.832

Elezioni comunali Martinsicuro 2007
Abramo Di Salvatore: Voti 3.259
Paolo Camaioni: Voti 2.540
Mauro Paci: Voti 1.410
Ignazio Caputi: Voti 977
Angelo Moscardelli: Voti 160
Emiliano De Mattheis: Voti 113
Totale Voti Validi: 8.449

Prendendo come punto di riferim…

Il problema di chi vola

Il blog ha ricevuto questa mail.

INIZIO CITAZIONE Ciao, chi vi scrive è un ragazzo di 34 anni di Martinsicuro.
Non sono molto “attivo” nella vita del paese, spesso osservo un po' rassegnato gli eventi aspettando che qualcosa finalmente cambi.
Non sono molto attivo nella vita sociale di Martinsicuro ma mi dedico assiduamente ai miei sport: la moto ed il volo. Si, avete capito bene, sono uno di quelli che svolazza in lungo ed in largo sopra la spiaggia di Martinsicuro appeso a quella specie di lenzuolo con quel ventolone un po' rumoroso. Insieme a me ci sono altri amici, padri di famiglia, scapoli incalliti o più semplicemente appassionati di volo, persone che dedicano il loro poco tempo libero alla pratica di questo sport cosi bello e particolare.
Potrei raccontarvi per ore delle mille avventure nei cieli del centro Italia, potrei descrivervi alcune cose che solo dall'alto si riescono a vedere e forse potrebbe essere l'occasione per far passare un brutto quarto d'ora …

Vivere a Martinsicuro

Offriamo un punto di contatto a Susanna.
INIZIO CITAZIONE
Buonasera ho acquistato una casa a martinsicuro e mi piacerebbe conoscere un pò questa città parlando con chi ci vive e ci lavora già. Anche perchè mi sembra di capire che di "problemini" ce ne sono abbastanza. Il mare e il sole sono stupendi, il resto si può migliorare.
Grazie Susanna
FINE CITAZIONE