Passa ai contenuti principali

Nulla di più

A quanto sembra il partito azienda non è riuscito proprio a trovare un posticino da assessore per il martinsicurese Massimo Vagnoni, consigliere provinciale eletto con tonnellate di voti. (Ovvero tante croci fatte sul simbolo del partito di "papi" che tanto piace alla gente).
Dimostrazione palese che senza una preferenza diretta il candidato è solo una pedina in mano ai vertici dirigenti e non uno strumento dei cittadini per governare il territorio secondo i più elementari criteri democratici.

Commenti

  1. Anche questa volta Cittattiva ha visto lontano.
    Infatti,a nulla sono serviti i voti a Vagnoni.
    Il rispetto che hanno i politici di questa maggioranza per i cittadini di Martinsicuro equivale a ZERO!!!
    Forse non sarebbe tanto male se Vagnoni approdasse con Cittattiva (sicuramente non verrebbe silurato).

    RispondiElimina
  2. Caro Massimo, ora devi decidere.
    O diventare un delinquente o rimanere la persona seria che sei.
    I tuoi compagni di merenda hanno dimostrato cosa pensano del popolo, del bene comune e cosa ne pensano della politica. Un branco di ladri e basta. DECIDI TU COSA ESSERE.

    RispondiElimina
  3. francamente non comprendo tutta questa corte che città attiva sta facendo a vagnoni pur sapendo benissimo che è lì dove si trova grazie alle credenziali di vallese. di ragazzi in gamba come massimo ce ne sono tantissimi perchè inseguite un politico già iniziato a qualcosa di molto diverso da un movimento civico.
    forse è tutto causa dell'intimo desiderio di avvicinarsi ancora di più al pdl.

    RispondiElimina
  4. Perchè? Cittattiva sta facendo la corte a Vagnoni? Mi sa che deve esserci stato qualche errore di interpretazione.
    L'unica considerazione che mi sento di fare è che già dopo l'ufficializzazione della Giunta Catarra lo stesso Vagnoni avrebbe potuto, e gli sarebbe bastato guardare all'interno del suo stesso partito a Martinsicuro, accorgersi facilmente di chi lo aveva venduto per 30 denari.
    A voler giustificare il fatto che così non è stato vogliamo dire che essendo giovane è ancora ingenuo? Va bene...ma se da come mi risulta ha dichiarato che lui non ha avuto l'assessorato per un veto posto da AN allora scusatemi ma stiamo sopravvalutando la capacità politica dello stesso che si presta a fare dichiarazioni sicuramente dettategli dagli stessi che lo hanno trombato e che vogliono convincere Vagnoni stesso e le persone che hanno convinto a votarlo e che probabilmente credono dei fessacchiotti con una storiellina del genere.
    E questo perchè non è possibile che un giorno si dica che AN a Martinsicuro è finita e non rappresenta più nessuno e il giorno dopo che sono capaci di porre veti anche dopo che un candidato martinsicurese è risultato il più votato in percentuale tra tutti i candidati.
    Massimo, come vedi, stai tenendo cordone a persone che mettono in secondo piano le capacità personali, anche dopo dei risultati elettorali buoni, per privilegiare i propri interessi...a meno che anche tu non voglia dire che i voti presi nulla hanno a che fare con la validità del candidato ma sono dipesi dal simbolo che aveva accanto e quindi ora devi sottostare alle scelte di chi quel simbolo rappresenta a Martinsicuro.
    Buon lavoro
    Le considerazioni riportate sopra sono naturalmente personali e rispecchiano quelli che sono i fatti allo stato attuale...magari dopo una attenta riflessione e dopo aver considerato che comunque il poter rimanere a qualsiasi condizione a ricoprire una carica pubblica, in quanto comunque vantaggioso anche e non solo per sviluppi lavorativi , non dovrebbe valere il fare la figura dello yes man a oltranza potrebbe anche regalarci una qualche reazione dettata da rigurgiti di orgoglio personale...qualora si sia ancora in possesso di tale qualità.

    RispondiElimina
  5. Purtroppo i voti presi da Vagnoni non sono suoi. Chiunque altro fosse stato al suo posto avrebbe preso gli stessi voti o sarebbe comunque stato eletto. Secondo voi uno rinuncia a votare PDL anche se il candidato non gli ispira fiducia? Certi elettori sono abituati a ben altro. E' tutto merito del partito come dice ADT e lui sapeva benissimo come sarebbero potute andare le cose.

    RispondiElimina
  6. Cittattiva ha fatto la corte a Vagnoni due anni e mezzo fa, prima delle elezioni amministrative, nel senso di far parte della lista civica piuttosto che stare in Forza Italia. Questo perchè Massimo eè un ragazzo intelligente e preparato e sarebbe utile alla causa martinsicurese. Poi lui ha fatto la sua scelta che l'ha premiato prima come assessore e ora come consigliere provinciale. E' chiaro che per poter ottenere certi risultati qualcosa bisogna pagare in termini di ingoio di rospi, malvedere, e sottostare a certi diktat. Ognuno è padrone delle proprie scelte. Massimo ha diversi amici in Cittattiva ma questo non vuol dire nulla poichè sul piano politico è e rimane un avversario. Dispiace cmq che pur essendo stato in percentuale il + votato ed essendo Martinsicuro il 4° paese della Provincia, deve ancora rinunciare ad un posto al sole, anzi anche ad uno in penombra, perchè da sempre siamo relegati sempre in fondo. Questo dovrebbe far riflettere la nostra classe politica su quanto contano i partiti di Martinsicuro a livello provinciale (per non parlare della Regione). E' un a dura sconfitta della nostra classe dirigente. Il PDL con il risultato migliore non ottiene niente. Complimenti!

    RispondiElimina
  7. bè...a rifletterci ancora più a fondo....magari non è proprio vero ..il PDL locale nella persona del sindaco Di Salvatore qualcosa ottiene...in fondo ha saputo far ottenere quei quasi 800 voti per nipote Di Matteo alle scorse regionali sostenendo che questo avrebbe pensato a Martinsicuro...infatti lo stesso Di Matteo, lui si, ha posto un paletto per la nomina del SUO candidato di Sant'Egidio... Romandini e certo lo zio si è guardato bene dal contraddire tale richiesta a favore del Comune che amministra....in fondo, per certe persone che credono di essere invidiate dalla gente...anche un posticino da Presidente all'Unione dei Comuni ...è più importante che vedere premiata la buona volontà di un giovane...anche se si chiama Vagnoni, anche se è stato votato e anche se ha dimostrato più che fedeltà alla "maglietta" che indossa politicamente.

    RispondiElimina
  8. e indovinate invece dove è andato a finire Gianfilippo Vallese che certamente senza poltrona non ci sa stare?

    RispondiElimina
  9. Beh: questa rivelazione quando arriva??? O dobbiamo chiederlo al diretto interessato?

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …