Passa ai contenuti principali

Guisti criteri

- Prima di fare una donazione verificare sempre la tracciabilità del denaro e la trasparenza della gestione dello stesso. Forse meglio anche attendere qualche giorno per avere le idee più chiare.
- Non è utile donare pochi kg di pasta di formati "insoliti". In genere le cucine da campo posso cuocere 300 kg di pasta alla volta e naturalmente in ogni cottura viene usato un solo tipo di pasta.
- Prendere la macchina per andare nelle zone terremotate a curiosare o a prestare soccorsi in maniera autonoma vuol dire intralciare i veri soccorsi. Scrivere alla protezione civile ed attendere di essere convocati è la cosa migliore da fare. Quando non ci saranno più vite da salvare e resteranno solo resti di paesi sarà difficilissimo trovare volontari, ma la ricostruzione parte proprio da lì.
- Effettuare donazioni di cibo e materiali preferibilmente ad enti o associazioni di cui si ha piena fiducia. In Italia non sono insolite vicende che vedono tornare in commercio merci destinate a popolazioni in difficoltà.
- Non chiamare la protezione civile per futili rassicurazioni o per dare la disponibilità dei posti letto. Basta inviare una mail ed aspettare.
- Non diffondere catene di solidarietà o allarmi di cui non è possibile verificare la fonte.

Commenti

  1. Bene MCity. Mi permetto di aggiungere: fate come me donate con il bancomat presso lo sportello della Vs Banca! Inoltre sono inorridito per il teatrino dei politici che oggi si sono sparati le pose davanti alle TV....sparateve in testa!Io che sono il I° contingente partito da Teramo in aiuto e vi assicuro la tristezza e la pena che mi hanno fatto le facce degli amici e collegi aquilani e tutte le persone colpite dalla sciagura che ho incontrato. Solo gli animali domestici rimasti soli accompagnavano le mie ronde notturne nel centro storico inanimato alla ricerca di sciacalli...FORZA L'AQUILA!

    RispondiElimina
  2. Buona Pasqua a tutti e in bocca al lupo a cittattiva.

    RispondiElimina
  3. Pasqua di profonda tristezza per i nostri amici dell'Aquila.Tanti aiuti,tanti volontari,tanta voglia di fare oggi e spero anche domani per loro.Auguri atutti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …