Passa ai contenuti principali

Famose 'na bella risata

Con questo post il blog prende coscienza del fatto che il carnevale è l'unica esperienza socio-culturale che è riuscita a crescere e consolidarsi a Martinsicuro.
Qui il programma 2009 della manifestazione.
Ognuno poi tragga le sue private e personalissime conclusioni.

Commenti

  1. Chi aspira ad essere voce di un territorio non deve essere così superficiale, evidentemente conosce Martinsicuro solo a grandi linee.
    L'unica esperienza socio-culturale lo affermi tu Mcity, nella tua abissale superficialità, dove hai lasciato le due compagnie di teatro dialettale? E le varie iniziative delle due pro loco? Soffermati un attimo a guardare l'universo dell'associazionismo che è una delle tante cose positive della nostra città, una ricchezza socio-culturale infinita.

    RispondiElimina
  2. Attenzione, MartinsicuroCity non deve essere o diventare la voce di nessuno. I post sono frutto di considerazioni e vedute personali di chi li redige.
    L’accusa di superficialità è respinta in blocco perché le associazioni teatrali come “la lanterna di Diogene” e “Carlo V”, anche se qualitativamente eccelse, impegnano in prima persona un numero limitatissimo di cittadini mentre le due associazioni pro loco non effettuano alcuna iniziativa degna di nota da anni, anche se quella di Villa Rosa dimostra più verve di quella di Martinsicuro.
    Il carnevale invece negli ultimi anni è stato capace di creare un’impronta di quel senso appartenenza e di collaborazione reciproca che da sempre manca ai martinsicuresi. Certo il carnevale è un’iniziativa frivola e “bassa” che non consente di andare oltre la convivialità ma al momento è l’unico evento capace di focalizzare sforzi e attenzione di centinaia di concittadini.

    RispondiElimina
  3. Cari redattori di MartinsicuroCity,
    leggo il Vostro blog dagli esordi e mi complimento con Voi, oltre che per la felice intuizione di dare libero sfogo alle istanze di noi martinsicuresi, soprattutto per la tenacia che state dimostrando quotidianamente (non credo sia semplice trovare uno spunto di riflessione ogni giorno per 365 giorni l'anno).
    Mi permetto d'intervenire solo per precisare che l'associazione culturale che ho il grandissimo onore di presiedere da 15 anni e che con le sue rappresentazioni porta il nome di Martinsicuro spesso fuori dai ristretti confini della Val Vibrata e della provincia di Teramo si chiama, da sempre, Associazione culturale Il Torrione (e ha anche un suo sito: www.iltorrione.it, anche se non aggiornatissimo, purtroppo).
    Non vorrei entrare nel merito della discussione/polemica sul fatto che coinvolgiamo "in prima persona un numero limitatissimo di cittadini". Questo a grandi linee potrebbe anche essere vero (sottolineo però che in 15 anni si sono succeduti/avvicendati quasi una cinquantina di ragazzi/e sulle nostre scene pur riconoscendo che lo zoccolo duro è comunque composto da una dozzina di elementi), ma il senso della nostra esperienza (di compagnia teatrale amatoriale) credo sia diverso da quello di una pro-loco o di un'associazione come quella che organizza il Carnevale.
    Grazie, infine, per il troppo generoso "qualitativamente eccelso" che sicuramente per il momento non meritiamo, ma al quale pur aspiriamo...
    Grazie per l'ospitalità.

    RispondiElimina
  4. Boris, grazie per il tuo commento. Hai fatto molto bene a quantificare e puntualizzare l’entità del lavoro svolto in questi anni dalla tua associazione.
    PS
    Inserire nel vostro sito un diario che racconti progressivamente la nascita e lo sviluppo dei prossimi lavori costerebbe poco tempo e darebbe moltissimo risalto alle vostre attività. Pensateci.

    RispondiElimina

Posta un commento

Tutti gli utenti autori di un commento sono invitati a nominarsi con un nik name o un nome di fantasia selezionando l'opzione "Nome/URL" compilando anche solo il campo "NOME:".

Post popolari in questo blog

La questione delle deleghe all'opposizione

La consegna delle deleghe, poi rifiutate, ad Antonini e Vagnoni hanno generato una interessante discussione a seguito del post precedendete.

Mi spiace che una scelta personale come la mia, venga vista ancora come frutto di logiche di partito o di ragionamenti della vecchia politica, da parte di persone che sicuramente non mi conoscono.
In verità le deleghe offerte ritengo abbiano altre logiche ben meno nobili rispetto a quello che vogliono far sembrare . Non entrerò in merito a ciò che penso io sulla iniziativa, ma chiarisco il perchè della mia rinuncia (se può interessare). Dopo che in campagna elettorale hanno buttato su di me solo fango, dopo che per cinque anni mi hanno dipinto come amministratore incapace criticando costantemente il mio operato nei diversi settori di cui mi occupavo (ivi compresa la cultura), dopo che hanno ripetuto fino all'infinito di essere i più bravi in tutto, non mi pare coerente oggi la richiesta della maggioranza, nè lo sarebbe stata una…

Elisa Foglia e gli hobbisti della politica

Elisa Foglia, il candidato sindaco del PD, appare incerta, fragile ed incapace di tenere testa a due locomotive lanciate a gran velocità come Camaioni e Vagnoni.
Tuttavia, potrebbe essere la vera sorpresa di questa tornata elettorale, qualora Città Attiva fosse troppo affossata dalla presenza dei 5 Stelle e la destra non riuscisse a trovare i voti per passare al primo turno. Anche se remota l'eventualità di un ballottaggio tra Vagnoni e Foglia si può ancora tenere tra gli scenari possibili.
Le due liste del PD sono corte e poco assortite e con ancora una presenza di vecchi mestieranti della politica locale che a questo punto della loro vita hanno preso la campagna elettorale come un hobby da portare avanti tanto per tenersi attivi.
La loro presenza ha indebolito da subito la figura del candidato Sindaco e certamente ha tenuto fuori parecchi nomi nuovi che senza di loro non avrebbero esitato a schierarsi sotto il simbolo del Partito Democratico, però ha garantito l'esperienza …